Lingua   

David Riondino: Mistici digiuni (Battiato in carcere)

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Lingua: Italiano (Toscano Fiorentino; Napoletano)


Ti può interessare anche...

Lettera al governatore della Libia
(Franco Battiato)
Sarajevo
(David Riondino)
Il Diciassette (anno del centenario) Primi di Maggio
(David Riondino)


[1994]
Testo e musica di Franco Batt David Riondino
Album: Temporale



Il 2015, come sapete, ci porterà l' "Expo" (o "Expò", pron. "espò") di Milano, incentrata sull' "alimentazione". Lungi da noi prendere posizione su questa congrega di mafiosi, corrotti e speculat questo evento: ci siamo limitati, qui, a trascrivere quello che dovrebbe essere il vero inno dell'Espò milanarda, ivi compresa la scena iniziale, che si svolge in una cella di galera (quella dove sono già finiti alcuni intrallazzati con l'evento). Franco Battiato, dice una leggenda, se la prese un po' per questa sublime riondinata del 1994, abbinata a Franco da Catania; e pazienza. [AHiL]
- Maledizione...sono in questa cella, da solo...solo per modo di dire...
- Uèèè....ma tu si' bBattiat'... !
- Ma quando mai...macché Battiato, si sbaglia...
- Ie t'agge vist' al cuncerto che dicevi ch'eri bBattiat'... !
- Ma no...si sbaglia persona, guardi stia zitto...ho sonno.
- Guard' che si nun me canti 'a canzone, ie dic' a tutt' quant' che tu si' bBattiat'...
- Shh...silenzio, per favore...gliela canto, eh...canto, stia buono, statte zitto...


Stanchi di Parigi e della sua gastronomia
ce ne andammo a piedi verso est,
frequentando strade solitarie di campàgnah
lontano dalla guida Michelin.

Il cibo che tu mangi non nutre solo il corpo,
ma è cibo dello spirito,
un uomo che mangiasse solo würstel con i crauti
avrebbe un'anima di senape.

Pane e salame,
piatti di couscous,
la Sacher Torte
non mi basta più...


Camionisti russi che mangiavano i ćevapčići
mi spalmarono di mussakàh,
Wittgenstein mangiava solo sedani su sedani
e non era mica un bischero.

Cibi antichissimi
sulle strade dell'est,
un uomo che ciucciava un sasso
mi vide, e me lo offrì...


Ritornammo a casa magri come dei chiodi,
sognavamo solo nòccioli,
ed entrammo dentro un ristorante a 5 stelle
e mangiammo a crepapelle.

Rendimi i soldi
del viaggio a Bucarest,
mi è venuta l'ulcera,
'e 'un ci ritorno più...!


'...e 'un tucciavèvi a venireee.... !

inviata da Ahmed il Lavavetri - 26/12/2014 - 22:24


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org