Lingua   

'A livella

Totò



Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

The Rich Man and the Poor Man
(Bob Miller)
L'albero
(Lorenzo Cherubini (Jovanotti))
Aragon Mill
(Si Kahn)


[1964]
di Antonio Griffo Focas Flavio Ducas Commeno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, altezza imperiale, conte palatino, cavaliere del Sacro Romano Impero, esarca di Ravenna, duca di Macedonia e di Illiria, principe di Costantinopoli, di Cilicia, di Tessaglia, di Ponte di Moldavia, di Dardania, del Peloponneso, conte di Cipro e di Epiro, conte e duca di Drivasto e Durazzo, in arte Totò

Poesia di Totò, originariamente intitolata “Il due novembre”, nella raccolta (cui dà il titolo) pubblicata nel 1964 per i tipi dell’editore Fausto Fiorentino di Napoli.

'A livella

Credo che la prima interpretazione musicale di un certo valore di questa celeberrima e bellissima poesia sia stata quella di Giacomo Rondinella (1923-), cantante ed attore originario di Messina che fece parte per cinque anni della compagnia di Totò prima di essere accolto in quella di Eduardo e Peppino De Filippo. Rondinella nel 1951 fu anche il primo interprete di “Malafemmena”, altrettanto famosa canzone di Totò che però “sua altezza imperiale” scelse poco dopo di interpretare personalmente.


Totò, 'A livella e altre 11 poesie musicate e cantate da Giacomo Rondinella

“Conobbi Totó mentre seguivo all'Accademia d'Arte Navale di Napoli gli studi per divenire capitano di lungo corso. Totó aveva accettato di partecipare ad uno spettacolo di beneficenza organizzato dall'Accademia in favore dei marittimi bisognosi. Con l'autorizzazione dei miei superiori, che conoscevano la mia passione per il canto, vi partecipai anch'io. Totó, dopo avermi ascoltato cantare, volle conoscermi e mi disse: ‘Cadetto, se un giorno decidessi di lasciare il mare, fammelo sapere........ e statte bbuono’. Un anno dopo facevo già parte della sua compagnia di rivista. Rimasi con lui per oltre cinque anni e, fra un viaggio e l'altro e negli intervalli dei doppi spettacoli, ho visto nascere molte delle poesie che piú tardi egli raccolse nei libro 'A livella. A Totó devo anche la mia carriera di attore. ‘Tieni 'a stoffa’ mi diceva, e mi incoraggiò a studiare recitazione, cosa che mi permise qualche anno dopo di far parte delle compagnie di Eduardo e Peppino De Filippo e di interpretare una cinquantina di film tra i quali ‘Carosello napoletano’ di Ettore Giannini. Ed é proprio come attore che ho avuto modo di dire in pubblico le poesie di Totó, accolte sempre con affettuoso calore. Tuttavia proprio quando presentavo 'A livella, questa amara, triste e lunghissima poesia che ha dato il titolo alla sua raccolta, mi accorgevo che a volte il pubblico si distraeva, si perdeva. Ho provato a musicarla, ed é stata impresa né breve nè facile; cantandola ho potuto però constatare che l'ascoltatore la seguiva sino in fondo senza neanche accorgersi che durava quasi otto minuti. E' stato codesto il punto di partenza di questo microsolco che, come il libro, ho voluto intitolare 'A livella in omaggio alla filosofia semplice, umanissima e tutta partenopea di Totó.
Le dodici liriche da me musicate e cantate costituiscono un po' il compendio di tale filosofia e, nell'alternarsi di momenti di gioia e di malinconia, sono tutte accomunate da un profondo amore per la vita. Totó fu anche autore di canzoni - chi non ricorda la sua ‘Malafemmena’ - e sono certo che non gli sarebbe dispiaciuto di veder musicate le sue poesie. Io mi son permesso di farlo cercando di interpretarne lo spirito, oltre che rispettarne la lettera, e in nome di un'amicizia che fu lunga e sincera. E se poi questa mia per me piacevole fatica indurrà qualcuno a prendere in mano il suo libro per leggere o rileggere le altre non meno belle sue liriche, potró dire di aver raggiunto il mio scopo. Giacomo Rondinella


Da ricordare anche la più recente versione di Enzo Avitabile, nel suo disco del 1994 intitolato “Easy”

Easy

Un tale, recatosi al cimitero per curare la tomba di una parente, si attarda ad osservare le tombe, constatando che, curiosamente, accanto al mausoleo di un nobile blasonato è stata posta la misera tomba di un netturbino, di terra nuda, senza fiori, con in cima soltanto una povera croce. Chi ha avuto tanto e chi ha avuto nulla, anche da morto. Perso in questo pensiero, il tale non si avvede che è trascorso l’orario di visita. Il cancello del cimitero è stato chiuso, ormai è calata la notte e gli toccherà trascorrerla in quel posto non certo molto allegro…
Scocca la mezzanotte e al malcapitato, incredulo, tocca assistere all’incontro di due anime, proprio quelle del marchese e del netturbino. Il marchese, con tono arrogante ed offensivo, apostrofa il netturbino intimandogli di allontanarsi dalla sua sepoltura e di andare a stare con gli straccioni suoi pari. Sulle prime il poveretto sembra quasi discolparsi: non è stato certo lui a poter scegliere dove essere sepolto. Poi, di fronte ai toni sempre più minacciosi dell’antipatico “nobiluomo”, il netturbino contrattacca con rabbia e impartisce al marchese una sonora lezione di giustizia ed umiltà: almeno di fronte alla morte, alla suprema livellatrice, siamo tutti uguali.



Totò aveva 66 anni quando compose questa poesia.
‘A livella lo raggiunse tre anni più tardi.

«Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo paese, in cui però per venire riconosciuti qualcosa bisogna morire.»


Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del ‘31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese,
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello... 'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé... piglia sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te sentì; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo.. .'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino, che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo à morte!"

inviata da Bernart Bartleby - 24/12/2014 - 13:18


Sul sito Totò, il principe della risata “‘A livella” è tradotta in non meno di 50 fra lingue e dialetti… Mi chiedo però se sia il caso di contribuirle… Non so, mi sembrerebbe strano quanto proporre traduzioni della Divina Commedia…

Ditemi voi, voi che anche a Natale restate i più perfidi dell’intero globo terracqueo…

Bernart Bartleby - 24/12/2014 - 14:41


Con questo nome completo di Totò mi avete spaginato mezzo sito... dove si scelgono gli autori ora è tutto di lunghezza chilometrica. Buon Natale eh...

Il Webmastro - 24/12/2014 - 18:15


Mi dispiace, era insostenibile. Ve l'ho tagliato, ma il nome completo l'ho rimesso sotto....

24/12/2014 - 18:21


Ehi, ma qui volano parole grosse! "Spaginato", "lunghezza chilometrica", "tagliato", persino "Buon Natale"...
"A chi?!?"

B.B. - 24/12/2014 - 18:46


E "'A livella" è arrivata anche per Giacomo Rondinella, autore della prima versione musicale della famosa poesia del grande Totò.

Giacomo Rondinella con Totò in una scena di
Giacomo Rondinella con Totò in una scena di "Dov'è la libertà...?" (1952), amaro e travagliato film realizzato un po' da Rossellini e un po' da Monicelli, Fulci e Fellini.


Rondinella aveva 91 anni e si è spento il 25 febbraio nella sua casa di Fonte Nuova, nelle campagne romane.

Bernart Bartleby - 27/2/2015 - 09:58


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org