Lingua   

Πω πω τι έπαθε ο Μουσολίνι

Sofia Vembo / Σοφία Βέμπο




Ti può interessare anche...

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]
(Hans Leip)
Papì Satàn
(Gian Piero Testa)
Bάζει o Nτούτσε τη στολή του
(Yorgos Thisvios / Γιώργος Θίσβιος)


[1941]
Versi di Pol Menestrel / Πωλ Μενεστρέλ, che credo sia lo pseudonimo di tal Γιάννης Χιδίρογλου
Parodia sulla melodia di una qualche canzone italiana dell’epoca con musica scritta da Nino Casiroli (1910-1975), milanese, compositore, autore di testi, direttore d’orchestra ed editore.
Nella raccolta di canzoni interpretate dalla Vembo negli anni 40 intitolata “Η Σοφία Βέμπο Στα Τραγούδια Του '40”

Σοφία Βέμπο

Sofia Vembo cantò queste canzoni di sdegno e di incitamento contro l'aggressione italiana al suo Paese, diventando, tra l' Ottobre del 1940 e l'Aprile del 1941, la "voce della Grecia" per antonomasia. (Si vedano anche Bάζει o Nτούτσε τη στολή του e Στον πόλεμο βγαίν' ου Ιταλός)
“Μολών Λαβέ!”, “Vieni a prenderle!”, è la risposta data da Leonida a Serse che gli chiedeva di consegnare le armi (Battaglia delle Termopili, 480 a.C.). (Note di Gian Piero Testa, da Stixoi.info
Ντούτσε κορόιδο τα έκανες ρόιδο αφότου φοράς το χακί
και νόμισες τη Μεσσόγειο για λίμνη φασιστική
Η γκάφα σου πρώτη που πίστεψες ότι η Ελλάς σκλάβα ζει παλαβέ
Και σου απάντησαν οι Έλληνες με το Μολών Λαβέ!

Πω πω τι έπαθε ο Μουσολίνι από την Ελλάδα ο χαζός
Δίχως σπαγέτο ο φρατέλος θα μείνει για μήνες πολλούς ο φτωχός
Με τρόμο αντικρίζει το φαντάρο σαν χάρο
Την ξιφολόγχη του τσολιά σαν βλέπει το κόβεται ευθύς η λαλιά
Πω πω τι έπαθε ο Μουσολίνι από την Ελλάδα ο κουτός!

Για τιμωρία η αυτοκρατορία σαν στάχτη θα διαλυθεί
Μες τη Μεσσόγειο μεγάλη Ελλάς γοργά θα αναγεννηθεί
Και εις το τέλος ο βλαξ ο φρατέλος θα λέει με κομμένα αυτιά
Την έπαθα σαν το γαίδαρο που ‘θελε αρχοντιά

What a surprise for the duce,
the duce he can to *** over the Greeks
What a surprise for the duce,
they do say he said no spaggeti for weeks

inviata da Bernart Bartleby - 30/11/2014 - 00:12



Lingua: Italiano

Gian Piero Testa

Traduzione italiana di Gian Piero Testa da Stixoi.info

Il nostro Gian Piero, ben prima di approdare a questo progetto, contribuiva già le sue belle traduzioni sul grande database della canzone greca “Στίχοι ποιήματα μεταφράσεις”, e credo abbia continuato a farlo anche dopo l’incontro con la CCG/AWS. Ho come l’impressione che su Stixoi ci siano ancora parecchie tracce del suo lavoro che ancora qui non ci sono note...
OHI OHI SE NE HA PRESE MUSSOLINI!

Duce buffone sei andato a ramengo da quando ti sei messo in grigioverde
e hai pensato al Mediterraneo come a un lago fascista
La tua prima gaffe è che hai creduto che la Grecia può vivere schiava, pazzo che sei
E i Greci ti hanno risposto "Vieni a prenderla!"

Ohi ohi se ne ha prese dalla Grecia Mussolini quello scemo
Senza spaghetti il fratello starà molti mesi, poverello
Con terrore sta di fronte al nostro fante come alla morte
Quando vede la baionetta dell'euzono all'istante gli manca la favella
Ohi ohi se ne ha prese dalla Grecia Mussolini quello scemo !

Per punizione l'impero si dissolverà come cenere
Nel Mediterraneo una grande Grecia presto rinascerà
E alla fine l'imbecille fratello dirà con le orecchie mozze
Le ho buscate come l'asino che voleva farsi arconte

What a surprise for the duce,
the duce he can to *** over the Greeks
What a surprise for the duce,
they do say he said no spaggeti for weeks

inviata da Bernart Bartleby - 30/11/2014 - 00:13


La musica è quella di "Evviva la torre di Pisa", 1939, scritta da Nino Rastelli (con lo pseudonimo Aminta) con musica di Paola Marchetti e Nino Casiroli, interpretata da Alfredo Clerici e anche da Mario Latilla.

B.B. - 30/11/2014 - 00:19


Da sottolineare che l'autore della musica, Nino Rastelli, è anche l'autore della prima, storica versione italiana di Lili Marleen (1941) interpretata da Lina Termini.

Riccardo Venturi - 1/12/2014 - 20:15


Segnalo la traduzione diplomatica di Koroido che stempera l'impatto emotivo.

vasiloukos - 15/10/2015 - 13:12


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org