Lingua   

I coscritti di Bonaparte

anonimo


Lingua: Italiano (Piemontese)


Ti può interessare anche...

Il cielo di Austerlitz
(Roberto Vecchioni)
La balada ‘d Pipu Majen
(Piero Milanese)
Ël capital
(Luisella Guidetti)


[Primo decennio dell’800?]
Raccolta da Costantino Nigra (1828-1907, filologo, poeta, diplomatico e politico italiano) da un’anonima contadina di Moncalvo, Asti, al confine con Casale Monferrato e la Provincia di Alessandria. Nell’imprescindibile raccolta “Canti popolari del Piemonte”, pubblicata nel 1888.



Nel quindicennio di dominazione francese anche in Piemonte, come in ogni angolo d’Europa soggiogato da Napoleone, prima giovane generale della repubblica rivoluzionaria e poi Imperatore dei francesi, la coscrizione obbligatoria fu introdotta in tutti i paesi occupati e produsse ovunque forti resistenze, che si tradussero in un alto tasso di diserzione e di emigrazione.
Si vedano anche altre canzoni già presenti, come Canto dei coscritti, o Partirò, partirò, Maledet Napoleon, La balada ‘d Pipu Majen, Le conscrit du Languedô (Fanfan) e Coraggio amor mio.

Pierre-Etienne Le Sueur, “Requisizione dei giovani per la guerra”, acquerello. Anni Novanta del XVIII secolo, Musée Carnavalet, Parigi.
Pierre-Etienne Le Sueur, “Requisizione dei giovani per la guerra”, acquerello. Anni Novanta del XVIII secolo, Musée Carnavalet, Parigi.
Bonapart l’à manda a dire
Ch'àn da partire, ch'àn da partire.
— J partirun, i partirun,
Cul giuvinoto na servirun.

Passand fin a Poirino,
Che bel cammino, che bel cammino!
Sto bel cammin l’è sempre stà-je.
Povri coscrit, a 'n tuca andare!

Da Poirin a Vilanöva
Che bela piöva, che bela piöva!
Dia bela piöva n'è sempre stà-je.
Povrì coscrit a 'n tuca andare!

Da Vilanöva a Vilafranca
Che bela pianca, che bela pianca!
Sta bela pianca l’è sempre stà-je.
Povri coscrit, a 'n tuca andare!

Da Vilafranca a Soleri
Che belvederi, che belvederi !
Sto belvederi l’è sempre stà-je.
Povri coscrit a 'n tuca andare!

A 'n tuca andare cun i gendarmi,
Cun i gendarmi an piässa d'armi,
An piässa d'armi cun i gendarmi.
Povri coscrit a 'n tuca andare!

Coz' dirà-lo la mia mama?
Povra mama, la mia mama!
L'à ün bel piange e sospirare,
Povri coscrit, a 'n tuca andare!

Coz' dirà-lo lo mio pare?
Lo mio pare, póver pare!
L'à ün bel piange e sospirare,
Povri coscrit, a 'n tuca andare!

Coza dirà-lo la mia sorela?
Cara sorela, povra sorela,
L'à ün bel piange e sospirare,
Povri coscrit, a 'n tuca andare!

inviata da Bernart Bartleby - 29/9/2014 - 10:33



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Costantino Nigra da “Canti popolari del Piemonte”.
I COSCRITTI DI BONAPARTE

Bonaparte mandò a dire
che hanno da partire, che hanno da partire.
— Partiremo, partiremo,
quel giovanetto serviremo.

Passando sino a Poirino,
che bel cammino, che bel cammino!
Sto bel cammino c'è sempre stato.
Poveri coscritti, ci tocca andare!

Da Poirino a Villanuova,
che bella pioggia, che bella pioggia!
Di bella pioggia ce n'è sempre stata.
Poveri coscritti, ci tocca andare!

Da Villanuova a Villafranca,
che bel ponticello, che bel ponticello!
Sto bel ponticello c’è sempre stato.
Poveri coscritti, ci tocca andare!

Da Villafranca a Solero,
che belvedere, che belvedere!
Sto belvedere c'è sempre stato.
Poveri coscritti, ci tocca andare!

Ci tocca andare coi gendarmi,
coi gendarmi in piazza d'armi
in piazza d’armio coi gendarmi
Poveri coscritti, ci tocca andare!

Che dirà la mia mamma?
Povera mamma, la mia mamma!
Ha un bel piangere e sospirare.
Poveri coscritti, ci tocca andare!

Che dirà il mio padre?
Il mio padre, povero padre!
Ha un bel piangere e sospirare.
Poveri coscritti, ci tocca andare!

Che dirà mia sorella?
Cara sorella, povera sorella,
ha un bel piangere e sospirare.
Poveri coscritti, ci tocca andare!

inviata da Bernart Bartleby - 29/9/2014 - 10:44


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org