Lingua   

Ora ca cc’è la Talìa

Cantunovu


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Mundu a scali
(Mattanza)
Lu dudici jnnaru 1848
(anonimo)
U spagnu di Borboni
(Mattanza)


[subito dopo il 1861]
Versi di anonimo autore siciliano, nati per protestare contro il governo post-unitario che si prese l'oro e l'argento e diede in cambio la carta-moneta…
Nell’album dei Cantunovu di Siracusa intitolato “'U portu ro munnu” del 2012.

'U portu ro munnu
Ora ca cc’è la Talìa, fannu la Talìa,
ccu’ na canna a li manu è la Sicilia!
Lu beddu rregnu ha jutu a gammi all’aria,
Palermu fa dijunu, ch’è vigilia.

St’èbbuca d’ora chi nni curri laria!
Lu celu ni li manna tirribilia!
L’oru e l’argentu squagghiaru pill’aria,
di carta la visteru la Sicilia!

Chi nova liggi ca vinni aguannu,
chi ognunu si diliggi a lu so rregnu!
li cresii e li batii stanu spugghiannu,
li quattru sbirri di chistu guvernu!

Lu populu si java rivutannu,
ma si rivutirà tuttu lu regnu;
aspittamu ‘stu jornu, e (cui sa quannu?)
vinnitta si farà sangu ppi sangu!

inviata da Bernart Bartleby - 22/8/2014 - 13:18




Lingua: Italiano

Traduzione italiana delle prime due strofe, da dialettando.com
ORA CHE C’E’ L’ITALIA

Ora che c'è l'Italia, ci derubano;
con una canna in mano è la Sicilia!
Il bel regno è andato a gambe all'aria;
Palermo fa digiuno, chè è vigilia.

Che brutta che è quest'epoca attuale!
Il cielo ci manda malanni!
L'oro e l'argento si sono sciolti nell'aria;
di carta hanno rivestito la Sicilia!

inviata da Bernart Bartleby - 22/8/2014 - 13:19




Lingua: Italiano

Traduzione delle ultime due strofe (in realtà originariamente una sola ottava) da questa pagina del sito della Regione Sicilia, dove viene annotato anche quanto segue:

“Questa ottava tratta da un canto, raccolto a Palermo, Messina e Catania, è espressione del grave scandalo che aveva suscitato il provvedimento del prodittatore Antonio Mordini per la censuazione e la redistribuzione dei beni di manomorta degli enti ecclesiastici. È chiara l'insinuazione, tipica della propaganda clericale, che il nuovo governo stesse tentando di arricchirsi alle spalle dei siciliani.”
Che nuova legge è venuta quest'anno
Che ognuno "si dirige" al proprio regno!
Le chiese e i conventi si vanno spogliando
I quattro sbirri di questo governo!

Il popolo s'andava rivoltando
Ma si rivolterà tutto il regno;
aspettiamo quel giorno, e chi sa quando?
Vendetta se ne farà sangue per sangue!

inviata da Bernart Bartleby - 25/8/2014 - 10:56



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org