Lingua   

Fermata Siracusa, molo 41 Bis

Cantunovu
Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Abbi pietà di noi
(Enzo Avitabile)
Ogni anno a fine d'agosto
(Anton Virgilio Savona)
Intossicato
(Litfiba)


[1998]
Nell’album intitolato “Petra Janca”, il quarto per questo gruppo siracusano nato oltre 30 anni fa.

Petra Janca

“Dumani è duminica tagghiamu a testa a Minica…” è l’incipit di una filastrocca infantile molto diffusa in Sicilia, e che abbiamo già trovata in apertura de Lu me sangu, la poesia di Mario Gori messa in musica dai Canterini di Ortigia.
E propriu sta canzuna nun la vogghiu cantari
ca sugnu stancu i sentiri e puru di pinsari
e sulu cu’ la vuci vi vogghiu ambriacari
e sulu cu’ la vuci vi vogghiu ambriacari.

Li Greci e li Rumani, li Turchi e li Spagnoli
e puru li Francisi, assemi a li Burbuni
e Garibaldi vinni, vinni pi tutti quanti
e ppi ‘ddaricci e Savoia lu scettru di li Santi.

E quannu Mussolini mannò o Prefettu Mori
ca fici ‘nticchia i scrusciu e nun canciau nenti
fici scantari sulu a quattro picciriddi e a
quattro vecchi stanchi senza panza e senza renti.

Dumani è duminica
Tagghiamu a testa a Minica,
Minica nun c’è
Tagghiamu a testa o re
U re è a li catini assemi a li surdati
E assemi all’autri principi ro statu cunnannati.

E quannu Spadolini mannò a Dalla Chiesa
rurau centu jorna e dopu su jucaru
E di tannu finu a ora, di Palermu a Milanu
A mafia tagghia u mazzu rintra e fora lu palazzu.

A fami di putiri, u putiri ca un c’è
U statu cca unn’è? U statu è cco Re
Ca tagghia a testa a Minicu a Paulu e Giuvanni
Ca tagghia a testa a Minicu a Paulu e Giuvanni.

Falcone e Borsellino e i picciotti di la scorta
Si jucaru puru a iddi ma ‘sta vota anà sbagghiatu
Picchì lu sangu ittatu ri sti poviri ‘nnuccenti
È l’iniziu di la fini di sti quattru dilinquenti.

Dumani è duminica
Tagghiamu a testa a Minica,
Minica nun c’è
Tagghiamu a testa o re
U re è a li catini assemi a li surdati
E assemi all’autri principi ro statu cunnannati.

E uora n’autru Re ambrogghia all’italiani
Lu re de caroselli e di li cicci belli
Iè ‘ntantu a bossa scinni e sparanu ‘nte strati
‘U sancu è sempri russu jè pitta li nuttati.

Viva la libertà, nisciti tutti fora
La testa di li sbirri appizzativilla fora
Vitti na crozza sula nunn’era ‘no cannuni
Ma era comu a chiddu ca pigghia ‘ntumpuluni.

E senti e Cantunovu chi cantanu l’amuri
E tutti i cosi belli di sta terra ro Signuri.
Cantamu contru a mafia e ppi tutti l’innuccenti
Ammazzati comu cani sutta l’occhi di la genti.

Dumani è duminica
Tagghiamu a testa a Minica,
Minica nun c’è
Tagghiamu a testa o re
U re è a li catini assemi a li surdati
E assemi all’autri principi ro statu cunnannati.

inviata da Bernart Bartleby - 22/8/2014 - 11:03



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org