Lingua   

Canto de’ malavita

Gabriella Ferri


Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Gracias a la vida
(Violeta Parra)
Il poeta in gabbia
(Michele Gazich)
In cerca di te (Perduto amore)
(Nella Colombo)


Bellissima versione del popolare “Canto de’ malavita”, ovvero “So' stato carcerato”.
Molto diversa dall’originale stornello, grazie alla musica, al disperato ritornello e alla splendida e dolente voce della Ferri.
Nel suo album intitolato “Remedios” del 1974.

Remedios
So' stato carcerato pe 'n capriccio
perché portavo 'n berta 'n cortellaccio
scontrai la corte e me piovò de piccio:
“Fermo, sta fermo là! Fermo crevaccio!”

E mo' sto dentro, comme te posso ama'?
E mo' sto dentro, comme te posso ama'?
E mo' sto dentro, comme te posso ama'?
E mo' sto dentro, comme te posso ama'?
E mo' sto dentro, comme te posso ama'?

Me misero a li piedi 'n grosso impiccio
centocinquanta libbre de feraccio
m'ammanettorno co' le castagnole
e me portorno a le carceri nove.

E mo' sto dentro, comme te posso ama'?
E mo' sto dentro, comme te posso ama'?
E mo' sto dentro, comme te posso ama'?
E mo' sto dentro, comme te posso ama'?
E mo' sto dentro, comme te posso ama'?

inviata da Bernart Bartleby - 21/8/2014 - 19:38



Lingua: Italiano

Un’altra strofa (omessa dalla Ferri) ed il ritornello dell’originale stornello romano, da Catone il Censore
A le carcere nove ce so' stato
a San Michele er cavalletto ho avuto
pe' ladro già in galera ce so' stato
me resta solo de morì impiccato!

Mejo sarebbe
ch'io nun t'amassi
ch'io te scordassi
finché nun sorto de qui

inviata da Bernart Bartleby - 21/8/2014 - 19:40



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org