Lingua   

Nel tempo che regnava il re Pipino

anonimo


Lingua: Italiano (Laziale)


Ti può interessare anche...

Skarabiniere!
(Filo da torcere)
Coraggio amor mio
(La Macina)
Me sa' mmianno da veda (come annarà a fornì)
(La Tresca)


Canto popolare laziale raccolto sul territorio di Gallicano negli anni 20 da Giorgio Nataletti (1907-1972), musicista, compositore, fondatore dell'Istituto per le ricerche etnografiche dell'Accademia di Santa Cecilia, nel secondo dopoguerra collaboratore della BBC e di Alan Lomax.
Nei “Canti della campagna romana” (1930), raccolti e armonizzati da Nataletti insieme ad un giovane Goffredo Petrassi.



Un espediente frequente nella canzone popolare, quello di descrivere il mondo alla rovescia, in qualche modo per sfuggire alla miseria e alla sofferenza di quello reale...

Nel tempo che regnava il re Pipino
Le tartarughe andavano alla guerra
Il rospo lo faceva il tamburino
La ranocchia portava la bandiera
Lo scardafone ch’era lo più dotto
Faceva le palle per caricà lo schioppo.

inviata da Bernart Bartleby - 16/8/2014 - 14:21


il mio nonno paterno, me la raccontava spesso , e dopo della frase "per caricare lo schioppo" aggiungeva ... "er ragno che era er piu' intelligente, faceva tela per vestir la gente "..." e li pidocchi ,tutti quanti in coro, cantavano l'inno nazionale..... piannose.... a cazzotti fra de loro.

luciano mochi - 4/5/2017 - 17:12


Carissimi, mia madre ricorda che sua madre le cantava questa canzone ma un po' diversa ed era:

Ar tempo che regnava er re tartano
le tartarughe annavano a la guera....la ranocchia portava la bandiera ..
er ragno ch'era er piu intelligente facea a tela per coprir la gente.


Lei la ricorda da sempre così i nonni erano di origine tivolese ma vivevano a Roma. Mi piacerebbe averla tutta in questa versione se qualcuno la ricorda . Grazie

LAURA - 22/4/2018 - 14:00



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org