Lingua   

Ciente veleni - Sguarracino

Gruppo Operaio E Zézi
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Histoire de l'ouvrier
(Daniele Sepe)
Copșa Mică
(Denez Prigent)
No Ombrina
(Anemamé)


[2011]
De Falco - E Zézi
'O Guarracino - Tradizionale.
Album: Ciente paise. Tra cient'anne e ciente mise torna l'acqua a li paise - Vesuvio.
Massimo Mollo (Voce e chitarra)
Maurizio Saccone (Sax)
Antonello Paliotti (Chitarra battente, plettri)
Angelo Di Falco (Putipù)
Massimo Ferrante (Marranzano, chitarra e voce)
Maura Sciullo e Pasquale Terracciano (Tamburelli)
Marzia del Giudice (Castagnette)
Enzo Salerno (Basso)
Roberto Sansone (Batteria)
Gatti Distratti (Rumori)



Un brano straordinario che potremmo chiamare della “nuova tradizione”. Nell'anno del Signore 2011, di grazia e (soprattutto) disgrazia, il Gruppo Operaio E Zézi di Pomigliano d'Arco, attivo fin dai primi anni '70 e che vide le prime gesta di un giovanissimo Daniele Sepe mentre -tra le altre amene cose- esplodeva la fabbrica Flobert di Sant'Anastasia, decise di trasportarci a tutti quanti a farci fare un bel giro a Napoli e dintorni; ma non si trattò, no, di un itinerario di bellezze paesaggistiche, storiche e culturali. Fu invece un giro, allucinante assai, per veleni, spazzature, percolati, cadmii, diossine, terre de' Fuochi, amianti, cianuri e ogni sorta di altra schifezza che ammorba quelle plaghe. Schifezze, guerre, rivolte, discariche, camorre, corruzioni:

Ciente paise aggiu cammenato
milla disastri nc' aggiu truvato
Napule bella n'è chella 'e 'na vota
munnezza, veleni, bidune atterrate
mò chesta è 'a terra de' disperate.


Eccola qua, la “nuova tradizione” di cui parlavo prima. Innestata sulla più antica: una cospicua parte della canzone è infatti condotta sulla musica e sulla falsariga di una delle più antiche e note canzoni napoletane, 'O guarracino, una tarantella indiavolata tardo-settecentesca resa famosissima da Roberto Murolo e dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare. La canzone narra di una gigantesca rissa tra due fazioni di pesci (elencati scrupolosamente nel testo) per il contrastato amore tra il guarracino (Chromis chromis o castagnola) e la sardella. Nel 2011, niente pesci (che, del resto, saranno tutti quanti contaminati), bensì un elenco completo di tutte i troiai possibili e immaginabili, quali si possono trovare sul terreno, nei campi incolti e coltivati, sulle spiagge, ovunque.

Mi sarebbe piaciuto poter tradurre questa canzone bella e civile; nella parte non “guarraciniana” è abbastanza agevole. Poi attacca la parte suddetta, e un non napoletano è alle perse. Si può soltanto intuire la confusione babelica di tutte le porcherie che vi sono nominate. Un qualche lettore napoletano potrebbe, speriamo, darsi da fare. Si capisce benissimo, però, l'agghiacciante strofa finale:

Amianto, cianuro e batterie
asbesto, piombo e ecoballe
arsenico, cadmio e diossina
scumma janca e percolato,
e chest'è 'a robba ca c'hanno rialato.


E non c'è altro da aggiungere. [RV]
Appillatev' o naso
arapite chist' uocchie
spilatev' e recchie
e stateve zitte
tengo 'nu fatto che v'aggia a cuntà

Ciente paise aggiu cammenato
milla disastri nc' aggiu truvato
Napule bella n'è chella 'e 'na vota
munnezza, veleni, bidune atterrate
mò chesta è 'a terra de' disperate

E ch'aria fina ce sta a Tufino
sacchette ammiscate a Marigliano
muntagnell' 'e cianuro sulo a Pianura
a Chiaiano hannu perz' 'e cerase
a chiù sporca rignuta 'a fann' a Terzigno

A Macchia Soprana e Casalduni
a Piano d'Ardine e Ariano Irpino
Difesa Grande e Savignano
a Sant'Angelo e Calabritto
Serre Lo Uttaro e Vallata

Villa Literno, Giugliano e Marano
Castelvolturno, Afravòla e Caivano
Boscoreale, Cardito e Mugnano
Santa Maria e Pummigliano
che brutta guerra s'è fatta p'Acerra

Caivano.
Caivano.


Amianto, cianuro e batterie
asbesto, piombo e ecoballe
arsenico, cadmio e diossina
scumma janca e percolato,
e chest'è 'a robba ca c'hanno rialato.

Fracetunne e saldatrici,
cuòfene, ornie e balice
sicchie, riggide, musdèe e scardune
purcelluzze e gravune
maruzze, vruòccole e nu treno,
annoglie, arche e turrene
scalune, soglie e serenghe
evere, bocce, tièrmene e sdanghe

Mbroglie, cònnole, vòtte e chiummo,
spighe, traccole, cazune a zeffunno
forge, verce e caurare,
gloriapate e muzzinare,
nirofummo e capetiella,
scolabrodo e varriciella,
capechiuove e sagliescinne,
capulicche, cozzeche e cucine

Bussole, nozzole e scalelle
dammiggiane e fenestelle,
spurchizia, màmmule sfarzosa,
quanta rena sporca e 'nfosa
provole, vrenzole, sterpe e scarpe
fauze, zuocole e ati scarti
mubbiglie, camorra e 'na giostra,
nova nora co tutt' 'e poste

Scatulune, caure e runcille
casce rosse e piccirille,
ai che fieto e fucarone tantille,
tante, chiù tante e tantone
quanto sfratte arrasussìa
ca ce steveno, mammamia
a centenare li sfrattate,
a meliure le mappate

Merda e schifezze a belluna,
a tunnellate e a muntune
nun ve dico che bivo fuoco
ca se vere pe' ogni luogo
té té té ca pistulate
tà tà tà lu percolato
tù tù tù ca lu veleno
bù bù bù ca li biduna
pure a cantà c'aìmma allentato
ca ce manca mò lu ciato
nuie priammo ca murite
pe' fà mpriesto piazzapulita
e ce bevimmo na meza de seje
pe' la salute de lui e de lei
e ca ce guardammo lo cannarone
pe' salvarce lu premmune

Appillatev' o naso
arapite chist' uocchie
spilatev' e recchie
e stateve zitte
tengo 'nu fatto che v'aggia a cuntà

Ciente paise aggiu cammenato
milla disastri nc' aggiu truvato
Napule bella n'è chella 'e 'na vota
munnezza, veleni, bidune atterrate
mò chesta è 'a terra de' disperate

E ch'aria fina ce sta a Tufino
sacchette ammiscate a Marigliano
muntagnell' 'e cianuro sulo a Pianura
a Chiaiano hannu perz' 'e cerase
a chiù sporca rignuta 'a fann' a Terzigno

A Macchia Soprana e Casalduni
a Piano d'Ardine e Ariano Irpino
Difesa Grande e Savignano
a Sant'Angelo e Calabritto
Serre Lo Uttaro e Vallata

Villa Literno, Giugliano e Marano
Castelvolturno, Afravòla e Caivano
Boscoreale, Cardito e Mugnano
Santa Maria e Pummigliano
che brutta guerra s'è fatta p'Acerra

Amianto, cianuro e batterie
asbesto, piombo e ecoballe
arsenico, cadmio e diossina
scumma janca e percolato,
e chest'è 'a robba ca c'hanno rialato.

Villa Literno.
Villa Literno.

inviata da Riccardo Venturi - 9/8/2014 - 20:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org