Lingua   

Il meridionale

Franco Trincale
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

E a te, Pietro Valpreda
(anonimo)
Les Immigrés
(Michel Bühler)
La povera Rosetta
(anonimo)


[1962]
Parole e musica di Franco Trincale
Nell’LP autoprodotto intitolato “Canzoni in piazza!”
Testo trovato su Il Deposito

Canzoni in piazza!
Io sono nato laggiù in Meridione
dove la gente fa colazione
con un po' di cipolla e di pane
e certezza non ha del domani.
Dove ancora il padrone è il barone
e quando passa gli bacian le mani.

Dove il divorzio esiste di fatto,
dove le mamme si vestono a lutto,
dove le mogli son senza mariti
e le baracche hanno i terremotati.
Dove il meglio aspettando si spera,
dove si muore sepolti in miniera.

Io sono nato laggiù in Meridione
dove la gente è semplice e buona,
dove in pochi si legge il giornale
e la scuola non è obbligatoria.
Dove a dieci anni si è sfruttati
ed a vent'anni in Questura arruolati.

Io sono nato laggiù in Meridione
dove profuma la zagara in fiore,
dove il sensale porta l'amore
e le ragazze son vergini ancora.
Dove il treno lascia i villeggianti
e fa carico degli emigranti.

Dove la barba si fa dal barbiere
e il calzolaio fa ancora il mestiere,
dove ancora non c'è l'ospedale
e l'autostrada ci han fatto passare,
dove i giovani voglion tornare
ed i vecchi ci voglion morire.

Io sono nato laggiù in Meridione
e voglio fare la rivoluzione.

inviata da Bernart Bartleby - 4/6/2014 - 14:21



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org