Lingua   

Addiu bedda Sicilia

Rosa Balistreri


Lingua: Siciliano

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Sicilia a lutto (I fatti di Avola)
(Franco Trincale)
Ginirali
(Fortunato Sindoni)
Una vita spesa a skivar la fresa
(Skiantos)


Parole di Ignazio Buttitta.
Musica di Rosa Balistreri.
Canzone inedita incisa da Rosa Balistreri trovata tra i dischi donati dall’artista al Comune di Licata.
Testo inedito trovato sul libro di Nicolò La Perna “Rosa Balistreri - Rusidda... a licatisa”.

Ignazio Buttitta con Rosa Balistreri (al centro la figlia di lei, Angela)
Ignazio Buttitta con Rosa Balistreri (al centro la figlia di lei, Angela)
Addiu bedda Sicilia, Palermu capitali,
ah! ci stannu brava genti,
e i cchiù carogna e 'nfami.
Addiu, bedda Sicilia,
o terra di ricchizzi,
e un sannu ca si provanu
puri li dibulizzi.
E' bedda la Sicilia
di sciuri e di giardini,
guvernu di parrini
ni fa muriri 'i fami.
'Na poca 'i carugnuna
ca stannu a lu putiri
aprunu li canteri ccu setticentu liri.
O carugnuna e vili
comu si po’ campari
travagliu notti e giornu
cchiù peggiu di l’armali,
li figli e li muglieri
chiancinu ppi lu pani
e su custritti a partiri
l’omini siciliani.
Su chini d'emigranti
li varchi e li vapuri,
si porta l'operai lu trenu di lu suli.
Addiu bedda Sicilia,
o terra mia nativa
partiri iu vurria e nun turnari cchiù,
Addiu bedda Sicilia,
o terra mia nativa
partiri iu vurria e nun turnari cchiù
partiri iu vurria e nun turnari cchiù.

inviata da Bernart Bartleby - 4/6/2014 - 11:12



Lingua: Italiano

Traduzione italina dal libro di Nicolò La Perna “Rosa Balistreri - Rusidda... a licatisa”.
ADDIO BELLA SICILIA

Addio, bella Sicilia, Palermo capitale,
ah, ci abitano brave persone
e le più carogna ed infami.
Addio, bella Sicilia,
o terra di ricchezze
e non sanno che si provano
pure le ristrettezze.
E’ bella la Sicilia
di fiori e di giardini,
governo di preti
che ci fa morire di fame.
Alcuni carognoni
che stanno al potere
aprono i cantieri con settecento lire.
O carognoni e vili
come si può vivere
lavorando notte e giorno
peggio degli animali,
i figli e le mogli
piangono per il pane,
e sono costretti a partire
gli uomini siciliani.
Son pieni d’emigranti
le barche e i vapori,
si porta gli operai il treno del sole.
Addio bella Sicilia,
o terra mia nativa
partire io vorrei e non tornare più.
Addio bella Sicilia,
o terra mia nativa
partire io vorrei e non tornare più
partire io vorrei e non tornare più.

inviata da Bernart Bartleby - 4/6/2014 - 11:14


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org