Lingua   

A me vita

Rosa Balistreri


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Uomini e soldi
(Fausto Amodei)
Song for Two Jims
(Laurie Anderson)
Sicilia canta, Sicilia frana
(Sicilia Canta, Sicilia Frana)


[1977]
Parole e musica di Lillo Catania, già coautore di Quannu moru, il testamento artistico e spirituale di Rosa Balistreri.
Una canzone che ho voluto attribuire alla grande artista siciliana perché basata sul racconto della sua vita, raccolto dall’autore di questo splendido testo, Lillo Catania, un altro artista siciliano che conosco poco ma che in queste strofe si rivela essere davvero molto sensibile.
Lillo Catania e Rosa Balistreri si conobbero per caso, alla fine degli anni 70, essendo vicini di casa a Palermo. Per quattro anni Lillo e Rosa si incontrano quasi quotidianamente e i pezzi di vita che Rosa racconterà a Lillo diventeranno liriche e melodie di struggimento sincero, gran parte delle quali, purtroppo, non vennero allora pubblicate.
Testo inedito trovato sul libro di Nicolò La Perna “Rosa Balistreri - Rusidda... a licatisa”.



«[…] Rosa Balistreri si sedette di fronte a noi e disse: “Ora vi cuntu un cuntu.” E cominciò a raccontarci tutte le emozioni che si portava appresso sin dalla sua fanciullezza.
Quann’era picciridda,” esordì, “eramu poveri, tantu poveri ca mi nni jva cu me patri a fari spichi. Circavamu ‘nmenzu li terri chiddu ca nun interessava a cu era sazio e ca ‘nveci era grazia di Diu pi’ cu avia fami...
Quann’ era picciridda,” diceva, “durmivamu tutti dintra ‘na stanza, supra un lettu sulu, e mangiavamu o scuru pi’ risparmiare l’ogghiu c’accurriva pi fari lucerni
Rosa parlava ed io memorizzavo. Più in là nel tempo, da quelle commozioni dovevano nascere tutte le mie canzoni; da questi fatti, dalle parole dette e da quelle appena accennate o non dette, derivarono due delle mie canzoni più belle: “A me vita” e “E cantu, e cantu
Poi il suo racconto si fece drammatico: “E’ comu si la me famiglia havissi ‘na maledizioni.” “Happi ‘na soru ammazzata du maritu e u patri, me patri, affucatu pi la disperazione. Vautri, carusi, ‘un putiti ‘maginari quantu duluri, quantu chiantu, e poi, pi’ amara cumpagnia, la solitutini, la disperazioni, e sempri la miseria pi’ contornu.” Mi soffermai a guardarla in viso per bene. I lineamenti non erano belli: gli occhi piccoli, la bocca grande, il naso leggermente a patata, non la dipingevano come una donna bella. Mi colpì in modo singolare lo stato della sua pelle, specie quella del viso in cui si evidenziavano centinaia di piccole rughe che le deturpavano l’aspetto, me la rendevano più vecchia di quanto effettivamente era. […] C’è da dire, però, che tutti questi difetti fisici sparivano quando si cominciava a discutere con lei perché erano altri gli interessi che attraevano l’intelletto degli astanti.
Poi a diciassette anni mi maritavu. Pinsava tra di mia ‘mi sistimavu…” ammeci chidd’ omu si rivilò un dibosciato: ‘mbriacuni, lagnusu e viziuso d’ogni cosa. Doppu a prima figlia, fici un aborto dopu l’autro sino a cuntarini deci, undici, dudici. Allura scappai e lu lassai. Sula, iu e me figlia, a Diu e la vintura.
La stessa sera, sul tardi, quando rientrai a casa, non feci altro che pensare al racconto che avevo sentito, alle emozioni che mi avevano colto, a come avrei potuto riportarle in musica. Mi ritrovai seduto sul letto con la chitarra in mano. Caddi in una specie di catalessi catartica in cui solo il mio spirito poteva generare la melodia che si abbinasse ai fatti conosciuti quel pomeriggio e alla loro drammaticità.
Arpeggiavo e sussurravo, pronunciando parole senza senso, seguendo solo la dolcezza o il pathos che gli accordi che formavo sulla chitarra mi ispiravano. Poi, quasi per incanto, uscirono le parole giuste sulla musica giusta: “Quann’era picciridda…” È così che è nata la prima strofa di “A me vita” […]». (Testimonianza di Lillo Catania)
Quann’era picciridda cu me patri
mi’ni jva a fari spichi,
e mi ricordu ca lu suvrastanti, ruffianu
du patruni, ‘ni mannava all’istanti.
Patri miu! Ora ca ti putissi addifinniri,
di pani ed acqua ‘chiù nun pò campari
e li gammuzzi mia chini di sangu,
nill’occhi ti purtasti ‘o campusantu.

Quann’era picciridda m’allisciava li capiddi
a matri mia, e mi parlava di li cosi tinti,
ca ponnu capitari, a li ‘nuccenti.
Figlia mia, lu sangu è sangu e nun si po’ tradiri,
ma l’omu è tintu e nun si fa scupriri,
a spisi tua sulu po’ ‘mparari
ca l’omu è farsu ‘nsinu nill’amuri.

Crisciennu ni la vita mi trovai maritata
a un tradituri, dudici aborti e cu figlia ranni,
di corpu mi lassò ‘nmenzu la strata.
Matri mia! Lu sacciu matri chi vuliatu diri
ma sulu ora ti pozzu capiri,
lu sacciu mi vuliatu sarvari
ma a vita è chista e nun si pò scappari.

Di ferru su li cordi da chitarra ca m’aiutanu
a cantari, mi fannu cantari contra i cosi storti,
i guai di la genti, contra tutti i prepotenti.
Chitarra mia! Tu sula sai quantu aju chiantu,
ca l’omu giustu m’ha mancatu tantu,
tu sula si’ l’amanti, amica e patri,
tu sula ha la ducizza di ‘na matri.

inviata da Bernart Bartleby - 4/6/2014 - 09:22



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dal libro di di Nicolò La Perna “Rosa Balistreri - Rusidda... a licatisa”.
LA MIA VITA

Quand’ero piccolina con mio padre
me ne andavo a raccogliere spighe
e mi ricordo che il sovrastante, ruffiano
del padrone, ci mandava all’istante.
Padre mio! Ora che ti potrei difendere,
di pane ed acqua non puoi più vivere
e le gambette mie piene di sangue,
negli occhi ti sei portato al camposanto.

Quand’ero piccolina mi lisciava i capelli
la madre mia, e mi parlava delle cose brutte
che possono capitare agli innocenti.
Figlia mia, il sangue è sangue e non si può tradire,
ma l’uomo è cattivo e non si fa scoprire,
a spese tue solo puoi imparare
che egli è falso persino nell’amore.

Crescendo nella vita mi trovai sposata
a un traditore, dodici aborti e una figlia
grande, di colpo mi lasciò in mezzo la strada.
Madre mia! Lo so, madre, che volevi dire
ma solo ora ti posso capire,
lo so, mi volevi salvare
ma la vita è questa e non si può scappare.

Di ferro sono le corde della chitarra che m’aiutano a cantare,
mi fan cantare contro le cose storte,
i guai della gente, contro tutti i prepotenti.
Chitarra mia! Tu sola sai quanto ho pianto,
perchè l’uomo giusto mi è mancato tanto,
tu sola sei l’amante, amica e padre,
tu sola hai la dolcezza di una madre.

inviata da Bernart Bartleby - 4/6/2014 - 09:24


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org