Lingua   

Don Salvatò

Enzo Avitabile


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Mio fratello è pakistano
(Babalù)
Quanno sona la campana
(Musicanova)
Italiella
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)


(2009)
Album: Napoletana
napoletana

Meravigliosa devozione dialettale contemporanea scritta da Enzo Avitabile nel cemento della Napoli che non si vede
(ovviamente quando ci si prende confidenza con Dio, mica ci si può risparmiare, anzi...)
Don Salvatò ca nce guardate ra coppa
sicuramente risultammo ridicole
cu tutte chisti veli annanze all’uocchie
nuje figli e chesta terra, e chesta vita
nuje ca parlamme troppe spisso
pure senza essere interrogati
nuje ca mo nu guaje mo na disgrazia
pare ca nce simmo abituati

Don Salvatò gli alberi chiagneno
i frutti se sò nfracidati
veleno fummo e cielo grigio
quanno a mana vosta nun è arrivata
e po’ a paura accanno a nuje
miezzo i deserti ‘ra miseria
carogne puorc’, sang’ cruro
e mane sporche, a famm’ e a sete

Don Salvatò a che nce serve
tutta chesta educazione
si po’ ogne scarpa se fa vecchia
e si nun more è nu scarpone
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti sulo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore, Don Salvatore

Don Salvatore che nce ne facimme?
Ro credere ra speranza e re l’opere bone
se poje o destino o decidite vuje
e nuje nun avimme maje ragione
e popolo arabo o popolo balcanico
tiempo moderno o tiempo antico
Don Salvatò nu poco e pacienza
si nuje ancora niente avimmo capito

Don Salvatò sotto a tavola vosta
na tozzola e pane quanno care
nu surse e vino ru figlio vuosto
sang’ e chiuove miezzo e mane
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti solo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore, Don Salvatore

inviata da Flavio Poltronieri - 30/5/2014 - 00:15



Lingua: Italiano

Versione italiana di Flavio Poltronieri
DON SALVATÒ

Don Salvatò che ci guardate da lassù
sicuramente risultiamo ridicoli
con tutti questi veli davanti agli occhi
noi figli di questa terra e di questa vita
noi che parliamo troppo spesso
anche senza essere interrogati.
Noi che ora un guaio, ora una disgrazia
sembra che ci siamo abituati.

Don Salvatò gli alberi piangono
i frutti son marciti:
veleno, fumo e cielo grigio
quando la mano vostra non è arrivata.
E poi la paura accanto a noi
in mezzo ai deserti della miseria
carogne, porci , sangue crudo,
le mani sporche,
la fame, la sete!


Don Salvatò a che ci serve
tutta questa educazione
se poi ogni scarpa si fa vecchia
e se non muore è uno scarpone?
E se vai col cuore nessuno ti aiuta:
resti solo schiavo del pudore
che ti fa fesso e contento.
E poi una spina dentro al cuore
Don Salvatò
Don Salvatò.

Don Salvatò che ce ne facciamo
del credere, della speranza
e delle opere buone
se poi il destino lo decidete voi
e noi non abbiamo mai ragione?
E popoli arabi, popoli balcanici
tempi moderni o tempi antichi.
Don Salvatò un po’ di pazienza
se noi ancora niente abbiamo capito.

Don Salvatò sotto la vostra tavola
un tozzo di pane, quando cade,
un sorso di vino del figlio vostro,
sangue e chiodi in mezzo alle mani.
E se vai col cuore nessuno ti aiuta:
resti solo schiavo del pudore
che ti fa fesso e contento.
E poi una spina dentro al cuore
Don Salvatò
Don Salvatò.

Ave, o vero corpo, nato
da Maria Vergine
che veramente patì e fu
immolato sulla croce per l’uomo.
Dal cui fianco squarciato
sgorgarono acqua e sangue:
fa’ che noi possiamo gustarti
nella prova suprema della morte.

inviata da Flavio Poltronieri - 30/5/2014 - 12:09



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org