Lingua   

Casteddu '43

Dr. Drer & Crc Posse


Lingue: Sardo, Italiano


Ti può interessare anche...

El Tano
(Dr. Drer & Crc Posse)
L'estaca
(Lluís Llach)


(2013)

Canzone composta per i 70 anni del bombardamento di Cagliari per il documentario di Rai Sardegna curato da Pierpaolo Piludu e Cristina Maccioni.

Cagliari bombardata - 17 febbraio 1943
Cagliari bombardata - 17 febbraio 1943
Fiast piciocheddu gioghendi in sa 'ia
candu via Dante e via Tuveri fiant periferia
e dònnia tzia de bixinau ti fadiat de mama
Casteddu fiat ancora una bidda manna

Il sabato mattina scuole elementari Riva
i figli della lupa, l'adunata in divisa
la domenica di fronte al porto la passeggiata
via Roma è un boulevard una grande piazza alberata

Castedd' 'e susu, Marina, Biddanoa, Stampaxi
si connosciant totus e circant 'e bivi in paxi
nci fiat pagu e nudda, donànt sa ratzioni
spraxiant e arrexonànt is fèminas in balconi

La radio trasmette la stessa frase da mesi
"Spezzeremo le reni agli alleati e agli inglesi"
i primi bombardamenti, nel mare luci e bengala
la gente guarda lo spettacolo al bastione la sera

Curri piciocheddu no ti firmist
Ajò, boga-tì de ingunis
movi-tì, curri piciocheddu
o! atura atentu!
curri piciocheddu no ti firmist
ajò, boga-tì de ingunis
movi-tì, curri piciocheddu

Anche se era febbraio era un bel giorno di sole
Casteddu alza gli occhi al cielo e il cielo cambia colore
più di cento fortezze volanti,
l'America è una nuvola nera che da Su Sicu viene avanti

Con bombe e con spezzonamenti
che esplodono a mezzo metro dal suolo in mille schegge roventi
chi cerca la mamma, chi urla, chi piange
via Sant'Efisio è un fiume rosso di sangue

A Santa Restituta no ant fatu in tempus
a foras 'e su rifùgiu funt mortus in centus
e in dònnia domu, pròpriu a s'ora 'e prandi
s'àcua buddendi e is pipius abetendi

Crollano i tetti, gli affetti, il domani
i ricordi appesi ai muri, le posate tra le mani
Casteddu ora è fuoco, è polvere e paura
Piazza Yenne un cratere, Via Roma un mare di macerie

Curri piciocheddu curri, no ti firmist
Ajò, sposta-tì
boga-tì de ingunis,
movi-tì, debressi
curri piciocheddu
funt ghetendi is bombas a Casteddu

Curri piciocheddu curri, no ti firmist
Ajò, sposta-tì
boga-tì de ingunis,
movi-tì, debressi
curri piciocheddu
funt ghetendi is bombas a Casteddu

C'è un fiume silenzioso di gente che se ne va
parte da Sant'Avendrace fino a fuori la città
chi ha la testa china, chi non parla e cammina
su un carro materassi, mobili, nonna e la bambina

E ti ses apiculau a su trenu e Senorbì
giai mesu Casteddu fiat fuendi-sì
no nc'est cani in giru e nimancu sa gatu
vita da sfollato vita da affamato

Scambiare scarpe, vestiti per un pezzo di pane
lasciar la casa tutto quanto per andare a far la fame
tra chi è rimasto in città c'è chi vende l'amore
ai soldati americani per la disperazione

De is biddas atesu de su Campidanu
s'intendint ancoras is bombas de beranu
de su 43 Casteddu sciusciada
o piciocheddu! t'arregordas ancora?

Curri piciocheddu no ti firmist
Ajò, boga-tì de ingunis
movi-tì, curri piciocheddu
o! atura atentu!

Curri piciocheddu curri, no ti firmist
ajò, sposta-tì
boga-tì de ingunis,
movi-tì, debressi
curri piciocheddu

inviata da dr.drer - 27/3/2014 - 09:06



Lingua: Italiano

Versione italiana delle parti in sardo
CAGLIARI '43

eri un ragazzino che giocava per strada
quando via Dante e via Tuveri eran periferia
ed ogni anziana del vicinato ti faceva da mamma
Cagliari era ancora un grande paese

Il sabato mattina scuole elementari Riva
i figli della lupa, l'adunata in divisa
la domenica di fronte al porto la passeggiata
via Roma è un boulevard una grande piazza alberata

Castello, Marina, Villanova, Stampace
tutti si conoscevano e cercavano di vivere in pace
mancava l'essenziale, tutto era razionato
stendevano il bucato e chiacchieravano le donne dai balconi

La radio trasmette la stessa frase da mesi
"Spezzeremo le reni agli alleati e agli inglesi"
i primi bombardamenti, nel mare luci e bengala
la gente guarda lo spettacolo al bastione la sera

Corri ragazzino non fermarti
dai, spostati da lì
muoviti, corri ragazzino
oh! stai attento!
corri ragazzino non fermarti
dai, spostati da lì
muoviti, corri ragazzino

Anche se era febbraio era un bel giorno di sole
Cagliari alza gli occhi al cielo e il cielo cambia colore
più di cento fortezze volanti,
l'America è una nuvola nera che da Su Sicu viene avanti

Con bombe e con spezzonamenti
che esplodono a mezzo metro dal suolo in mille schegge roventi
chi cerca la mamma, chi urla, chi piange
via Sant'Efisio è un fiume rosso di sangue

a Santa Restituta non han fatto in tempo
fuori dal rifugio son morti in cento
e in tutte le case, proprio all'ora di pranzo
l'acqua bolliva ed i bambini in attesa del pasto

Crollano i tetti, gli affetti, il domani
i ricordi appesi ai muri, le posate tra le mani
Cagliari ora è fuoco, è polvere e paura
Piazza Yenne un cratere, Via Roma un mare di macerie

corri ragazzino non fermarti
dai, spostati,
togliti da lì,
muoviti, in fretta,
corri ragazzino
stanno buttando le bombe su Cagliari

Corri ragazzino non fermarti
dai, spostati,
togliti da lì,
muoviti, in fretta,
corri ragazzino
stanno buttando le bombe su Cagliari

C'è un fiume silenzioso di gente che se ne va
parte da Sant'Avendrace fino a fuori la città
chi ha la testa china, chi non parla e cammina
su un carro materassi, mobili, nonna e la bambina

E ti sei appeso al treno per Senorbì
già mezza Cagliari stava fuggendo
non ci son cani in giro e neanche gatti
vita da sfollato vita da affamato

Scambiare scarpe, vestiti per un pezzo di pane
lasciar la casa tutto quanto per andare a far la fame
tra chi è rimasto in città c'è chi vende l'amore
ai soldati americani per la disperazione

dai paesi lontani del Campidano
si sentono ancora le bombe di primavera
del '43 Cagliari distrutta
o ragazzino ti ricordi ancora?

Corri ragazzino non fermarti
dai, spostati da lì
muoviti, corri ragazzino
oh! stai attento!

Corri ragazzino non fermarti
dai, spostati,
spostati da lì,
muoviti, in fretta,
corri ragazzino

27/3/2014 - 09:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org