Lingua   

Krakowiaczek 1940

Aleksander Kulisiewicz


Lingua: Polacco


Ti può interessare anche...

Domek z kart
(Mieczysław Fogg)
Campo di Fiori
(Czesław Miłosz)
Im Auschwitzlager wo ich wohnte
(Aleksander Kulisiewicz)


Sachsenhausen, 1940
Lyrics: Aleskander Kulisiewicz
Music: Polish Folksong (unidentified)
kulisbroad
Sachsenhausen, 1940
Testo: Aleksander Kulisiewicz
Musica: Canzone popolare polacca (non identificata)

Il prof. Jan Miodoński (1902-1963)
Il prof. Jan Miodoński (1902-1963)

Kulisiewicz generally names the older melodies on which he based his new creations. “Krakowiaczek 1940” is among the exceptions. The melody—introduced in the recording by some virtuoso whistling—is identified only as a folksong. Krakowiaczek literally means little Krakowiak, the emblematic folk song and dance of the Krakow region. But the diminutive form also expresses affection, proclaiming Kulisiewicz’s love for his vanquished native city. The song also honors Dr. Jan Miodoński, a medical professor arrested November 6, 1939, during the Sonderaktion Krakau, the Nazi attempt to crush Polish intellectual life by imprisoning or killing instructors at Krakow’s Jagiellonian University. Deported to Sachsenhausen, Miodoński boldly confronted prison guards who threatened some of his older colleagues. The mention of waiting for a trumpet call refers to the Hejnał, a fanfare that sounds hourly from the tower of St. Mary’s Church in Krakow’s central square, an ancient theme familiar to all Krakow inhabitants.

Kulisiewicz generalmente specifica le antiche melodie che gli servivano da base per le sue nuove creazioni; “Krakowiaczek 1940” è tra le eccezioni. La melodia, introdotta nella registrazione da un virtuosistico fischio, viene identificata solo come canzone popolare. Krakowiaczek significa alla lettera “piccolo Krakowiak”; il Krakowiak è il tipo di canto e danza popolare della regione di Cracovia. Ma il diminutivo esprime anche affetto e mette in risalto l'amore di Kulisiewicz per la sua città natale, vinta e conquistata. La canzone intende anche onorare il dr. Jan Miodoński, un professore di medicina arrestato il 6 novembre 1939 durante la Sonderaktion Krakau (“Azione Speciale Cracovia”), il tentativo nazista di schiacciare la vita intellettuale polacca imprigionando o uccidendo i docenti dell'Università Jagiellonica. Deportato a Sachsenhausen, il dr. Miodoński sfidò coraggiosamente i guardiani che minacciavano alcuni dei suoi colleghi più anziani. La menzione dell'attesa di uno squillo di tromba si riferisce allo Hejnał Mariacki, una fanfara che risuona ogni ora dalla torre della chiesa di Santa Maria, nella piazza principale di Cracovia; un antico motivo familiare ad ogni cracoviano. [trad. RV]





Aleksander Kulisiewicz: Ballads and Broadsides - Songs from Sachsenhausen Concentration Camp 1940-1945


La chitarra di Alex Kulisiewicz a Sachsenhausen. Alex Kulisiewicz's guitar in Sachsenhausen.
La chitarra di Alex Kulisiewicz a Sachsenhausen. Alex Kulisiewicz's guitar in Sachsenhausen.


"This compact disc focuses exclusively on Kulisiewicz’s own song repertoire from Sachsenhausen. These recordings, preserved on reel-to-reel tapes by Kulisiewicz after the war, are of variable quality, reflecting the conditions in which they were produced, from home recordings to studio or concert hall productions. The selections are arranged chronologically and are intended to provide both a representative sample of Kulisiewicz’s artistic output and a sense of his personal reactions to the realities of life in a Nazi concentration camp"


1. Muzulman-Kippensammler
2. Mister C
3. Krakowiaczek 1940
4. Repeta!
5. Piosenka niezapomniana
6. Erika
7. Germania!
8. Olza
9. Czarny Böhm
10. Maminsynek w koncentraku
11. Heil, Sachsenhausen!
12. Pożegnanie Adolfa ze światem
13. Tango truponoszów
14. Sen o pokoju
15. Dicke Luft!
16. Zimno, panie!
17. Moja brama
18. Pieśń o Wandzie z Ravensbrücku
19. Czteroziestu czterech
20. Wielka wygrana!


Aleksander Kulisiewicz (1918–1982) was a law student in German-occupied Poland in October 1939 when the Gestapo arrested him for antifascist writings and sent him to the Sachsenhausen concentration camp near Berlin. A talented singer and songwriter, Kulisiewicz composed 54 songs during five years of imprisonment. After liberation, he remembered his songs as well as ones he had learned from fellow prisoners and dictated hundreds of pages of them to his nurse in a Polish infirmary. As a “camp troubadour,” Kulisiewicz favored broadsides—songs of attack whose aggressive language and macabre imagery mirrored his grotesque circumstances. But his repertoire also included ballads that often evoked his native Poland with nostalgia and patriotic zeal. His songs, performed at secret gatherings, helped inmates cope with their hunger and despair, raised morale, and sustained hope of survival. Beyond this spiritual and psychological importance, Kulisiewicz also considered the camp song to be a form of documentation. “In the camp,” he wrote, “I tried under all circumstances to create verses that would serve as direct poetical reportage. I used my memory as a living archive. Friends came to me and dictated their songs.” Haunted by sounds and images of Sachsenhausen, Kulisiewicz began amassing a private collection of music, poetry, and artwork created by camp prisoners. In the 1960s, he joined with Polish ethnographers Józef Ligęza and Jan Tacina in a project to collect written and recorded interviews with former prisoners on the subject of music in the camps. He also inaugurated a series of public recitals, radio broadcasts, and recordings featuring his repertoire of prisoners’ songs, now greatly expanded to encompass material from at least a dozen Nazi camps. Kulisiewicz’s monumental study of the cultural life of the camps and the vital role music played as a means of survival for many prisoners remained unpublished at the time of his death. The archive he created, the largest collection in existence of music composed in the camps, is now a part of the Archives of the United States Holocaust Memorial Museum in Washington, D.C.

Aleksander Kulisiewicz (1918-1982) era uno studente di giurisprudenza nella Polonia sotto occupazione tedesca quando, nell'ottobre 1939, la Gestapo lo arrestò per i suoi scritti antifascisti e lo inviò al campo di concentramento di Sachsenhausen, vicino a Berlino. Kulisiewicz era un cantautore di talento: durante i suoi cinque anni di prigionia compose 54 canzoni. Dopo la liberazione si ricordò non solo delle sue canzoni, ma anche di quelle che aveva imparato dai suoi compagni di prigionia, e dettò centinaia di pagine alla sua infermiera in un ospedale polacco. In quanto “cantastorie del campo”, Kulisiewicz prediligeva le ballate descrittive, usando un linguaggio aggressivo e brutale per riprodurre le circostanze grottesche in cui si trovava assieme agli altri; ma il suo repertorio comprendeva anche ballate che, spesso, evocavano la Polonia natia con nostalgia e patriottismo. Le sue canzoni, eseguite durante riunioni segrete, aiutarono i prigionieri a far fronte alla fame e alla disperazione, sostenendo il morale e le speranze di sopravvivenza. Oltre a rivestire un'importanza spirituale e psicologica, Kulisiewicz riteneva che le canzoni del campo fossero anche una forma di documentazione. “Nel campo”, scrisse, “ho cercato sempre di creare versi che servissero da reportage poetico diretto. Ho usato la mia memoria come un archivio vivente. Gli amici venivano da me e mi recitavano le loro canzoni.” Quasi ossessionato dai suoni e dalle immagini di Sachsenhausen, Kulisiewicz cominciò a raccogliere una collezione privata di musica, poesia e opere d'arte create dai prigionieri. Negli anni '60 si unì agli etnografi polacchi Józef Ligęza a Jan Tacina in un progetto di raccolta di interviste scritte e registrate con ex prigionieri a proposito della musica nei campi di concentramento. Cominciò anche a tenere una serie di spettacoli, trasmissioni radiofoniche e incisioni del suo repertorio di canzoni di prigionia, che si ampliarono fino a comprendere materiale proveniente da almeno una dozzina di campi. L'enorme studio di Kulisiewicz sulla vita culturale nei campi e sul ruolo decisivo che la musica vi svolgeva come strumento di sopravvivenza per molti prigionieri rimase inedito fino alla sua morte. L'archivio da lui creato, la più vasta raccolta esistente di musica composta nei campi di concentramento, fa ora parte degli archivi dell'United States Holocaust Memorial Museum a Washington.

Krakowie, Krakowie,
Malowany grodzie,
Dziwują się ludzie,
Tej twojej urodzie!

Krakowie, Krakowie,
Malowany grodzie,
Syn mój rozstrzelany,
A ja tu o głodzie.

I szwargocą szwaby,
Że “urdeutsche Krakau”...
A ja pod Berlinem,
Na mój hejnał czekam.

Krakusowa góra
Słoneczkiem się pali,
U mojej Kasieńki
Złoty sznur korali!

Krakusowa góra
Słoneczkiem się pali,
Kasia zapłakana,
A nam pasiak dali.

Ale pięści wściekłe
I Kasieńka własna,
Oby was zalała
Krew siarczysta jasna!

inviata da Riccardo Venturi - 21/3/2014 - 19:26




Lingua: Inglese

Traduzione inglese dal Libretto dell'album
English translation from the Album booklet

arbmafre
KRAKOWIACZEK 1940

Oh Krakow, oh Krakow,
Lovely city,
Everyone’s astonished
By your beauty!

Oh Krakow, oh Krakow,
Lovely city,
My son shot dead
And I’m here starving.

And the Krauts gibber
“Krakow is so very German,”
And I’m near Berlin
Waiting for my trumpet call

The royal hill of Krakow
Shimmers in the sun,
Around my Kasia’s neck—
A golden string of beads!

The royal hill of Krakow
Shimmers in the sun,
Kasia in tears
And we wear their stripes.

But my fists are furious
And Kasia is forever mine,
So may you all be cursed—
With boiling red blood!

inviata da Ryszard Węturysiewicz - 21/3/2014 - 19:49




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
21 marzo 2014
KRAKOWIACZEK 1940

O Cracovia, Cracovia,
città incantevole,
la gente è esterrefatta
dalla tua bellezza!

O Cracovia, Cracovia,
città incantevole,
mio figlio fucilato
e io qui a morir di fame.

E i Crucchi gracchiano:
“Krakofia da zempre teteska!”...
E io, qui vicino a Berlino
A aspettare il mio squillo di tromba...

La Collina Reale di Cracovia
risplende nel sole,
al collo della mia Kasia
c'è una catenina di raggi d'oro!

La Collina Reale di Cracovia
risplende nel sole,
Kasia è in lacrime
e noi con addosso le loro strisce.

Ma i miei pugni sono infuriati
e Kasia è per sempre mia,
siate tutti quanti maledetti -
ribolle il rosso sangue!

21/3/2014 - 20:07


Amazza, però, son esterrefatto dalle tue nuove traduzioni. A dire poco, perfetto. Mi duole unicamente il mancato riferimento al corallo, nella quarta strofa, ma mi rendo conto che è una cosa al limite der possibile, rendere quel passo in italiano. La tua soluzione è comunque molto bella, poeticamente. A 'sto punto, penzo, che il corso estensivo di perfezionamento di lingua polacca, ce lo possiamo pure risparmiare : D
Sei un grande (spiritualmente, ovviamente, e a parte il tuo fisico ben noto)...grazie, Ricky (il nome che comunque sta a significare - pieno di doti) e because, Ti Salud!

Krzysiek Wrona - 21/3/2014 - 23:25



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org