Lingua   

Canción del jinete

Federico García Lorca


Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Palabras para Julia
(Paco Ibáñez)
Canción otoñal
(Federico García Lorca)
Aceituneros (Andaluces de Jaén)‎
(Paco Ibáñez)


[1924]
Versi del grande poeta andaluso, nella raccolta “Canciones y Primeras Canciones”
Musica di Paco Ibáñez, nel disco “Por una canción” del 1990.
Interpretata anche da Chavela Vargas nel disco "Luna Grande", omaggio a García Lorca.

Por una canción

Una canzone in cui il poeta in qualche modo vaticinava (vate, veggente, è ben un sinonimo di poeta...) la propria fine, occorsa il 18 agosto del 1936, 12 anni più tardi, all’inizio della Guerra civile, quando i fascisti lo assassinarono in località Fuente Grande, sulla strada tra Víznar e Alfacar. Lo storico ispanista irlandese Ian Gibson nel suo “La represión nacionalista de Granada en 1936 y la muerte de Federico García Lorca” (1971) riporta le terribili parole di uno degli assassini del poeta-vate, tal Juan Luis Trescastro: “Acabamos de matar a Federico García Lorca… Yo le metí dos tiros en el culo por maricón” Abbiamo appena ammazzato Federico García Lorca… Gli ho piantato due palle nel culo a quel frocio!".

 Federico García Lorca


Subito dopo, gli squallidi assassini dell’Escuadra Negra si recarono a casa della famiglia del poeta con un foglietto su cui, prima di ammazzarlo, lo avevano costretto a scrivere: “Te ruego, papá, que a este señor le entregues 1.000 pesetas como donativo para las fuerzas armadas”… “Ti prego, papà, dai a questo signore 1000 pesetas come donazione per le forze armate” … E i bastardi riuscirono ad estorcerli quei soldi sporchi di sangue, mostrando un pacchetto di sigarette Lucky, le preferite da Federico, e dicendo che lo avrebbero ucciso se non avessero avuto subito il denaro richiesto…
Córdoba.
Lejana y sola.

Jaca negra, luna grande,
y aceitunas en mi alforja.
Aunque sepa los caminos
yo nunca llegaré a Córdoba.

Por el llano, por el viento,
jaca negra, luna roja.
La muerte me está mirando
desde las torres de Córdoba.

¡Ay qué camino tan largo!
¡Ay mi jaca valerosa!
¡Ay que la muerte me espera,
antes de llegar a Córdoba!

Córdoba.
Lejana y sola.

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:12




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Carlo Bo, in «F.G. Lorca, Tutte le poesie», Milano, Garzanti 1975.
lorcapoeCANZONE DI CAVALIERE

Cordova.
Lontana e sola.

Cavallina nera, grande luna,
e olive nella mia bisaccia.
Pur conoscendo le strade
mai piú arriverò a Cordova.

Nel piano, nel vento,
cavallina nera, luna rossa.
La morte mi sta guardando
dalle torri di Cordova.

Ahi, che strada lunga!
Ahi, la mia brava cavalla!
Ahi, che la morte mi attende
prima di giungere a Cordova!

Cordova.
Lontana e sola.

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:13




Lingua: Francese

Version française - CHANSON DU CAVALIER – Marco Valdo M.I. – 2014
d'après la version italienne de Carlo Bo, in «F.G. Lorca, Tutte le poesie», Milano, Garzanti 1975.
d'une chanson espagnole de Paco Ibanez (1990), elle-même tirée d'un poème de Federico Garcia Lorca – Canción del jinete – 1924 .


Une chanson dans laquelle le poète d'une certaine façon vaticinait (vate, voyant, est bien un synonyme de poète…) sa fin, arrivée le 18 août de 1936, 12 ans plus tard, au début de la Guerre civile, lorsque les fascistes l'assassinèrent à Fuente Grande, sur la route entre Víznar et Alfacar. L'historien hispaniste irlandais Ian Gibson dans son ouvrage « La represión nacionalista de Granada en 1936 y muerte de Federico García Lorca » (1971) rapporte les terribles mots d'un des assassins du poète-vate, un certain Juan Luis Trescastro : « Acabamos de matar à Federico García Lorca… Yo le metí dos tiros en el cul por maricón »… Nous venons de tuer Federico García Lorca… Je lui ai planté deux balles dans le cul à cette pédale ! ».

Juste après, les misérables assassins de l'Escuadra Negra se sont rendus à la maison de la famille du poète avec un feuillet sur lequel, avant de le tuer, ils l'avaient forcé à écrire : « Te ruego, papá, que a este señor le entregues 1.000 pesetas como donativo para las fuerzas armadas »… « Je te prie, papa, de remettre à ce monsieur 1000 pesetas comme donation pour les forces armées »… Et les bâtards réussirent à extorquer cet argent sale de sang, en montrant un paquet de cigarettes Lucky, les préférées de Federico, et en disant qu'ils le tueraient s'ils n'avaient pas vite l'argent demandé… .
CHANSON DU CAVALIER

Cordoue
Lointaine et solitaire.

Jument noire, lune pleine
Et des olives dans ma besace
Même en connaissant les routes
Jamais plus je n'arriverai à Cordoue.

Dans le vent, dans la plaine
Jument noire, lune rousse
La mort me regarde
Des tours de Cordoue

Hai, que la route est longue !
Hai, ma bonne jument !
Hai, dire que la mort m'attend
Avant même Cordoue !

Cordoue
Lointaine et solitaire.

inviata da Marco Valdo M.I. - 20/1/2014 - 14:02




Lingua: Inglese

Traduzione inglese di A.W. Tüting da Ti Fa-kuan's First Home Page
HORSEMAN’S SONG

Cordoba.
So distant and lonely.

Black little horse, and big moon,
and in my saddlebag olives.
Though the ways are familiar,
at Cordoba I will never arrive.

Across the plain, through the wind,
black little horse, and red moon.
Death keeps staring at me,
down from Cordoba's towers.

Oh, how the way's dragging on!
Oh, so patient my brave little horse!
Oh, that death waits for me,
before Cordoba will ever be reached!

Cordoba.
So distant and lonely.

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:15




Lingua: Italiano

Traduzione tedesca di A.W. Tüting da Ti Fa-kuan's First Home Page
REITERLIED

Cordoba.
So ferne und einsam.

Schwarzes Pferdchen, großer Mond,
und Oliven im Sack meines Sattels.
Wiewohl kenne ich die Wege,
doch bis Cordoba komme ich nie.

Durch die Ebene, durch den Wind,
schwarzes Pferdchen, roter Mond.
Der Tod starrt auf mich herab
von Cordobas Türmen.

Ach, wie so lange der Weg!
Ach, wie so tapfer mein Pferdchen!
Ach, es erwartet der Tod mich,
noch ehe ich in Cordoba bin!

Cordoba.
So ferne und einsam.

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:13




Lingua: Rumeno

Traduzione rumena di A.W. Tüting da Ti Fa-kuan's First Home Page

La traduzione è stata rifatta dal punto di vista esclusivamente ortografico. Questo sito non accetta il rumeno "stile Internet". [RV]
CÂNTEC DE CĂLĂREŢ

Cordoba.
Singuratică şi departe.

Caluţ negru, lună mare,
şi măsline-n ranita mea.
Deşi eu cunosc pe-ale drumuri,
mai ajunge nu voi la Cordoba.

Peste şesuri, prin vântul,
Caluţ negru, lună roşie.
Moartea mă priveşte din sus
de pe-ale Cordobii turnuri.

Ah, ce calea mi-e lungă!
Ah, caluţul meu răbdător!
Ah, că moartea m-aşteaptă,
înainte de Cordoba mai s-o ajung!

Cordoba.
Singuratică şi departe.

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:14




Lingua: Artificiale (Altre) (Lojban)

Traduzione nella lingua artificiale Lojban ad opera di Jorge Llambias, da Ti Fa-kuan's First Home Page
XIRLI’U SELSANGA

.i la kOrdobas.
zo'u darno .o'enai

.i xekri xirma .i barda lunra
.i daskyne'i rasygrute
.i i'a lei dargu mi slabu
.i ku'i na tolcliva la kOrdobas.

.i pa'o le foldi .e le brife
.i xekri xirma .i xunre lunra
.i la nunmro mi ca catlu
to'o lei galdi'u pe la kOrdobas.

.i .oi lo mutce clani dargu
.i .oi doi pemi virnu xirma
.i .oi la nunmro mi ba penmi
pu le nu tolcliva la kOrdobas.

.i la kOrdobas.
zo'u darno .o'enai

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:17




Lingua: Artificiale (Altre) (Sindarin)

Traduzione nella lingua artificiale Sindarin creata da J.R.R. Tolkien, ad opera di Eirien a Edhilhaelor (?), da Ti Fa-kuan's First Home Page
ROCHVEN-LINN

Cordoba.
Haeron a ereb.

Roch vorn, ithil dhaer,
a vi logel ieiv-o-galadh-e-hîdh.
Im iston i min,
dan Gordoba ú rathathon an-uir.

Trî dalath, trî 'waew,
roch vorn, ithil ngoll.
I ngûr dad-diriel nín
od i Chordoba-meraid.

Ai, i ven and!
Ai, roch veren nîn!
Ai, dartha enni i ngûr
nui lû Gordoba rathathon aen.

Cordoba.
Haeron a ereb.

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:18




Lingua: Kelartico

La versione in Kelartico di Riccardo Venturi.

In questa pagina dove gli amici sig. Tolkien e sig. Logical Language Group (inventore del Lojban, ndr) sono presenti in forze con le loro lingue, potevo forse esimermi dal rendere la famosa poesia di García Lorca (Fredīk Garsīa Lorka; in k. si "kelartizzano" anche i nomi, da qui il mio "alterego" che vedete nello spazio contributori) in Kelartico? Il kelartico compie quest'anno 42 anni, e ancora non mi ricordo dove piazzare correttamente i pronomi atoni (per cui devo consultare la grammatica da me personalmente scritta). Le figure di merda degli inventori di lingue alle prese con le loro creazioni sono, del resto, proverbiali. [RV]
CAND NĂ LAUVDĀR

Kardāb.
Brăkăl y' engād.

Lauvīye malăn, dlŭn māg
ya rhayanāi in mān gĕrduz.
Yos syekenăm to hadāin
năroāsyem ampōt ad Kardāb.

In to fŭld, in to vănd,
lauvīye malăn, dlŭn rhudăr.
To mārd luik mă
ap durnāi nă Kardāb.

Ŭsy to had inkŭt braukuar dĕstāi!
Ŭsy mān lavke inkŭt sī klēv!
Ŭsy adsyevār mă to mārd
Mey syeroām ad Kardāb!

Kardāb.
Brăkăl y' engād.

inviata da Risyart Vandtūar - 19/1/2014 - 00:38




Lingua: Lingue Native Nord Americane (Lakota-Sioux)

Traduzione in lingua Lakota-Sioux (senza accentazione) ad opera di Kini Anpetu, da da Ti Fa-kuan's First Home Page
SUNKAKANYANKE TALOWANPI

Córdoba
tehantu na isnala.

Mitasunka sapa, hanhepi wi tanka,
na wigli-kan anungwakicaska ogna.
Canku kin hena slolwaye esa
ska Córdoba ekta kal wai kte sni.

Blaye kin opta, tate kin opta,
mitasunka sapa, hanhepi wi sa.
Córdoba tiipasotka kin kakiyatan
wicunt'e kin amayuta yelo.

Hehe cewins canku kin hanskeya slohan ke !
Hehe mitasunka cantet'insya waste !
Hehe Córdoba ekta wai sni itokab
wicunt'e kin amakipin ktelo !

Córdoba
tehantu na isnala.

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:20




Lingua: Lingue Native Nord Americane (Lakota-Sioux)

Traduzione in lingua Lakota-Sioux (con accentazione) ad opera di Kini Anpetu, da da Ti Fa-kuan's First Home Page
S^UNK-A’KANYANKE TXALO’WANPI

Córdoba.
the'haNtu na is^na'la.

Mitxa's^uNka sa'pa, haNhe'pi-wi txaN'ka,
na wi'gli kxaN anuN'gwakic^as^ka ogna'.
C^haN'ku kiN hena' slolwa'ye es^a'
s^ka Córdoba ekta' kal wai'-kte s^ni.

Bla'ye kiN o'pta, txate' kiN o'pta,
mitxa's^uNka sa'pa, haNhe'pi-wi s^a'.
Córdoba thii'pxasotka kiN ka'kiyataN
wic^huN't?e kiN ayu'ta mauN'.

Hehe' c^he'wiNs^ c^haN'ku kiN haN'skeya slohaN' ke !
Hehe' mitxa's^uNka c^haNte't?iNsya was^te' !
Hehe' Córdoba ekta' wai' s^ni itxo'kab
wic^huN't?e kiN ama'kiphiN ktelo' !

Córdoba.
the'haNtu na is^na'la

inviata da Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 19:22


Speriamo solo che il signor Tüting, che traduce in rumeno, non si ritrovi qualche Nicoleta in agguato! :-) Scherzi a parte, dovrò rimetterci un po' le mani: l'ortografia della versione rumena lascia parecchio a desiderare, anche se la lingua mi sembra corretta. E' anche una conferma di ciò che dicevo qualche giorno fa: in Rete è quasi impossibile trovare alcunché scritto in rumeno (in primis dai rumeni stessi!) che rispetti l'ortografia della lingua.

Riccardo Venturi - 17/1/2014 - 21:04


Allora chissà quale sarà lo stato delle artificiali e del Lakota-Sioux, in particolare quello con accentazioni ed aspirazioni, dove compaiono anche un paio di strani punti interrogativi...
Comunque, comincia pure a mettere le mani sul rumeno (anche se forse preferiresti metterle su una certa rumena...)

Bernart Bartleby - 17/1/2014 - 21:18


Mettete anche la foto dove quello schifoso di Dalì è con Franco.

L.L. - 17/1/2014 - 22:30


Già, Dalì... André Breton (credo) lo soprannominò, anagrammando il suo nome, "Avida Dollars"...credo che la cosa spieghi tutto! Comunque, di foto di Dalí assieme al "Caudillo" ce ne sono diverse. Eccone due:

dalifranco1


dalifranco2


Da dire anche che l' "illustre coppia", vale a dire Franco e la consorte, Carmen Polo, mancavano raramente a un'esposizione di Salvador Dalí...

Riccardo Venturi - 17/1/2014 - 23:19


Mi dispiace, non sapevo che Dalí fosse quel gran pezzo di merda... A volte si rischia di dar per scontato che i grandi artisti, per cultura, per sensibilità, per intelligenza, stiano sempre dalla parte del «kalòs kai agathòs» e invece non è sempre così... In più Dalí era pure uno con un ego smisurato, probabilmente con qualche disturbo della personalità, credo bastasse lodarlo ed incensarlo e lui avrebbe scodinzolato e dipinto anche per Hitler...

Secondo quanto Dalí stesso ebbe a dichiarare in un’intervista, nemmeno l’amicizia con Lorca sfuggì al suo egocentrismo megalomane: «Era omosessuale, come tutti sanno, e follemente innamorato di me. Tentò due volte un approccio con me... Ero molto infastidito perché io non ero omosessuale e non avevo intenzione di concedermi. A parte tutto, fa pure male. Così non se ne fece nulla. Mi sentivo però terribilmente lusingato. Dentro di me sentivo che lui era un grande poeta e che gli dovevo un pezzettino del divino buco del culo di Dalí.»

Davvero squallido...




Tuttavia, nel momento stesso in cui scriveva a Franco per incoraggiarlo a fucilare i prigionieri comunisti ed anarchici, Dalí continuò sempre ed apertamente a lodare la grandezza di Lorca, il poeta che il regime avrebbe voluto cancellare dalla storia e dalla memoria di Spagna.

Forse per Dalí vale semplicemente quello che diceva di lui il socialista antitotalitarista George Orwell (in «Dickens, Dali, and Others» del 1958): «Bisognerebbe essere capaci di tenere presente che Dalí è contemporaneamente un grande artista ed un disgustoso essere umano. Una cosa non esclude l'altra né, in alcun modo, la influenza.»

Bernart Bartleby - 18/1/2014 - 09:02


Penso alle foto di Elvis Presley con Richard Nixon...
O a quelle di Johnny Cash con lo stesso Nixon e poi con Ronald Reagan...
Francisco Franco, al confronto di questi, è stato un dilettante... E penso alla guerra in Vietnam (1.100.000 morti solo tra i resistenti vietnamiti, quasi 300.000 tra americani e loro alleati), o alle guerre sporche degli USA in America Latina (decine di migliaia di morti)...
Eppure, anche su queste pagine, salutiamo Elvis e Cash come due artisti giganteschi...

Bernart Bartleby - 18/1/2014 - 11:43


A parte il fatto che io non impazzisco per Elvis Presley, ci penserei due volte prima di dire che Francisco Franco è stato un "dilettante" rispetto a Nixon. Forse, Bernart, non hai ben presente che cosa sia stata la Guerra di Spagna; oppure che Nixon, ad un certo punto, è scivolato su una buccia di banana e si è dovuto dimettere a pochi giorni dall'impeachment (pensa che mi ricordo nitidamente quando Nixon si dimise, ero alla televisione all'Isola d'Elba nell'estate del '74). Tu prova a fare l'impeachment a Francisco Franco, e vedere che bella garrotina ti mettevano al collo girandola ammodino. Insomma, il signor Dalí Salvatore lo si vede cheek-to-chin con un dittatore sanguinario, Johnny Cash e Elvis Presley erano in compagnia del Presidente degli Stati Uniti. Si può ragionare sul numero di morti e sull'essere stati più o meno macellai, ma quel presidente ha dovuto togliersi di mezzo perché delle istituzioni stavano per togliercelo loro. Cosa che con il Caudillo senz'altro non era possibile.

C'è poi da dire che, almeno a me, sembra che la predilezione di Dalí per García Lorca (a prescindere dalla loro amicizia, di cui francamente mi interessa poco o punto) derivi da una sorta di "superomismo artistico". In breve: si possono fucilare i comunisti e gli anarchici "normali", ma il "gran poeta" no. Per questo nutro, e ho sempre nutrito, una notevole diffidenza non solo verso i "grandi artisti", ma anche verso l' "arte" tout court (fuck art, let's dance!). Avrà anche ragione Orwell, per carità, e in questo sito diavolo se ce ne sono di gran musicisti, cantautori e cantanti notissimi e notevoli pezzi di merda matricolati (un nome: Wolf Biermann; oppure l'altro giorno abbiamo addirittura ricordato ufficialmente Gipo Farassino, che sfilava assieme a Borghezio, oppure rilasciava dichiarazioni del genere:

farasleb


E' giusto non dare censure di sorta e accogliere tutto; ma non è giusto, a mio parere, tacere chi siano stati certi personaggi. Si dovrebbe tacere, ad esempio, che Louis-Ferdinand Céline, l'autore del "Viaggio al termine della notte", è stato uno schifoso nazista e un razzista? Non solo non lo si deve tacere, ma lo si deve mettere nel giusto risalto. Esistono, tra l'altro, artisti ben più grandi di Salvador Dalí; la forma d'arte maggiore di Dalí, in linea di massima, direi che sia stata la prostituzione. Con tutto questo, continuiamo tranquillamente ad ascoltare i "Carmina Burana", ben sapendo che il loro autore, era un nazista perfetto (la prima della composizione avvenne alla diretta presenza di Hitler e Goebbels). Il Maggiolino Wolkswagen è diventato un'icona "alternativa" e un simbolo degli anni '60 della contestazione, pur essendo stato progettato dal nazista ing. Ferdinand Porsche su diretti suggerimenti di Adolf Hitler (la macchina, nel 1939, si chiamava "Typ 1 KdF", ove "KdF" stava per "Kraft durch Freude"). E così via. Salvador Dalí è stato un disgustoso essere umano, e basta. Poi era amico di García Lorca e sapeva magari anche fare qualche disegnino; ma non è un Caravaggio né un gigante dell'arte, sarà bene anche ridimensionarlo un po'. Uno che si è saputo vendere, la sua "arte" maggiore. Saluti.

Riccardo Venturi - 18/1/2014 - 15:46


La traduzione rumena di A.W. Tüting è stata totalmente rifatta dal punto di vista ortografico. Si ricorda che, purtroppo, la quasi totalità del rumeno presente in rete non rispetta l'ortografia ufficiale e storica della lingua, pur esistendo da sempre gli appositi caratteri ASCII. Una pessima abitudine che in questo sito non ha cittadinanza.

Riccardo Venturi - 18/1/2014 - 16:29


Grazie, Riccardo, per la revisione della traduzione rumena.
Ci sarebbe da mettere le mani pure sulla foto di Lorca e Dalí che ho contribuito con il commento introduttivo: si tratta infatti di un bieco fotomontaggio, che la fotografia originale è questa, di Dalí con la sua compagna e musa Elena Ivanovna Diakonova, detta Gala.

Per il resto, questione sempre di punti di vista.
Secondo me, la grandezza di un artista si misura in rapporto al tempo in cui è vissuto: Caravaggio lo è stato senz’altro nel suo; Salvador Dalí, Joan Miró, Max Ernst, Pablo Picasso, Man Ray, René Magritte nel loro...
Rispetto ai macellai, «democratici» o dittatori che siano, beh, non volevo certo negare la terribile valenza della Guerra civile spagnola (decine sono le canzoni che ho contribuito sull’argomento, che mi sta particolarmente a cuore) ma comunque non mi pare che la Spagna in età contemporanea abbia al suo attivo tali e tante sanguinarie aggressioni ad altri popoli e paesi quante ne possono vantare i democraticissimi Stati Uniti, dove mai vi fu una dittatura e però ne hanno impiantate a decine in tutto il mondo...
Quanto alla garrota, certo, la barbarie medievale di certi regimi fa impressione, dopo di che mi chiedo se certi altri metodi propri di paesi democratici e, in particolare, del prototipo della democrazia che sono gli USA, non siano anche più efficaci e letali... Lo chiederei alle migliaia di linciati o uccisi di prigione o di lavori forzati con il consenso o, addirittura, per mano dell’autorità costituita e ai suoi massimi livelli, lo chiederei alle centinaia di oppositori (e non solo delle Black Panthers) assassinati, lo chiederei ai milioni di americani che nella più grande democrazia del mondo vivono sotto la soglia non della povertà, ma della miseria, depredati financo della casa e privati di ogni diritto sancito dalla loro splendida Costituzione...
Saluti

Bernart Bartleby - 18/1/2014 - 18:19


Non sapevo molto di questo lato oscuro di Dalì. Comunque personalmente, pur trovando alcune sue opere interessanti, non lo metterei sullo stesso piano di Picasso o di Magritte... detto da un ignorante totale di arte. Allora vuol dire che di Figueres continuerò ad amare soltanto le strepitose cipolle!

PS. comunque ho sostituito il fotomontaggio con un'altra foto di Lorca senza nessun intruso.

Lorenzo - 18/1/2014 - 18:34


Bene, grazie Lorenzo, anche Lorca sta meglio solo che male accompagnato...
Anch'io non sono un esperto, però ho sempre considerato Dalí come uno dei grandi del surrealismo, per tecnica, per metodo, per ispirazione e per originalità...

Bernart Bartleby - 18/1/2014 - 18:44


Per Bernart.
Il "punto interrogativo" in Lakota-Sioux in realtà non è tale: è un simbolo fonetico internazionale per un particolare (e raro) fonema detto "laringale". Credo quindi che si possano dormire sonni tranquilli per la trascrizione "accentata" qui presentata. Guardando un attimo il "Sindarin" ho constatato quanto sia vero quel che lo stesso JRR Tolkien ebbe a affermare, ovvero che il Sindarin era una riproduzione strutturale pedissequa del gallese (cimrico): ci sono persino le serie delle mutazioni (Cordoba, Gordoba, Chordoba)! Tolkien aveva un rapporto di puro piacere linguistico con gli idiomi, una cosa che me lo rende molto vicino: nutriva tale piacere specialmente per il gallese, che riprodusse nel Sindarin (che quindi, strutturalmente è una lingua "paraceltica", per chiamarla così...), e per il finlandese, che riprodusse invece strutturalmente nel Quenya, lingua strettamente agglutinante ecc. Non mi esprimo sul Lojban e sul suo famoso puntino (che è uno specifico fonema): non ne so niente o quasi.

Riccardo Venturi - 19/1/2014 - 00:01


GACELA DE LA MUERTE OSCURA

di Federico García Lorca, dalla raccolta "Diván del Tamarit", 1936.

Quiero dormir el sueño de las manzanas
alejarme del tumulto de los cementerios.
Quiero dormir el sueño de aquel niño
que quería cortarse el corazón en alta mar.

No quiero que me repitan que los muertos no pierden la sangre;
que la boca podrida sigue pidiendo agua.
No quiero enterarme de los martirios que da la hierba,
ni de la luna con boca de serpiente
que trabaja antes del amanecer.

Quiero dormir un rato,
un rato, un minuto, un siglo;
pero que todos sepan que no he muerto;
que haya un establo de oro en mis labios;
que soy un pequeño amigo del viento Oeste;
que soy la sombra inmensa de mis lágrimas.

Cúbreme por la aurora con un velo,
porque me arrojará puñados de hormigas,
y moja con agua dura mis zapatos
para que resbale la pinza de su alacrán.

Porque quiero dormir el sueño de las manzanas
para aprender un llanto que me limpie de tierra;
porque quiero vivir con aquel niño oscuro
que quería cortarse el corazón en alta mar.

Bernart Bartleby - 19/1/2014 - 08:51


Siamo sicuri che quella messa in musica da Ibáñez sia proprio questa? Nei video che ho trovato Ibáñez canta piuttosto quest'altra poesia dallo stesso titolo. Ho trovato invece una versione di Chavela Vargas che corrisponde al testo.

CCG Staff - 20/1/2014 - 09:22


Mi correggo. Ibáñez ha cantato entrambe le poesie, ho trovato anche il video di "Córdoba. Lejana y sola."

CCG Staff - 20/1/2014 - 09:35


Ibáñez le ha messe in musica entrambe, sia questa "Canción del jinete" che l'altra, intitolata "Canción del jinete (1860)" ("En la luna negra / de los bandoleros, / cantan las espuelas. / Caballito negro...")
Qui Ibáñez che interpreta la prima...
Vero però che ho sbagliato il riferimento all’album: non è quello indicato, dove Ibáñez interpretava invece per la prima volta la "Canción del jinete (1860)", ma “Por una canción” del 1990.

Bernart Bartleby - 20/1/2014 - 09:40


Leggendo La represión nacionalista de Granada en 1936 y la muerte de Federico García Lorca di Ian Gibson

– Lucertola, lucertola, lucertola!
dicono che prima di fucilare
Federico García Lorca i fascisti
gli rivolgessero parole oscene
Questo fu presso la fonte che i Mori
chiamavano delle lacrime e Qui
insieme al poeta furono uccisi
il maestro Dióscoro Galindo
e Cabezas e Galadí toreri
– e molti altri ragazze e adolescenti
Poi vennero i Gitani a seppellirlo
ai piedi del cerro del Aceituno
senza chiedersi dove fosse il Cristo
che da venti secoli risuscita invano

5-6 dicembre 2014

L.L. - 11/12/2014 - 17:30




Lingua: Turco

Che lunga ed interessante pagina di traduzioni, permettetemi di unirmi a voi con la versione di uno dei grandi di Turchia, Zülfü Livaneli (si trova nel disco Zor Yillar del 1987):
ATLI

Ay kocaman at kara
Torbamda zeytin kara
Bilirimde yolları
Varamam Kardoba'ya

Ova geçtim yel geçtim
Ay kırmızı at kara
Ölüm gözler yolumu
Kardoba surlarında

Yola baktım yol uzun
Canım atım canım atım
Etme eyleme ölüm
Varmadan Kardoba'ya

inviata da Flavio Poltronieri - 3/4/2018 - 11:44





Irish transcreation by Gabriel Rosenstock
CÓRDOBA. LEIS FÉIN SAN IMIGÉIN

Córdoba. Leis féin san imigéin.
Capaillín dubh, gealach ollmhór,
Is mo diallaitse, í lán d’ológa.
Cé gurb eol dom na bóithre
Ní shroisfidh mé go deo deo Córdoba.
Tríd an macha’re, in aghaidh na gaoithe,
Capaillín dubh, ré ómra.
Tá an bás ansin ag faire orm
Ó na túir arda i gCordóba.
Aidhe, nach fada an bóthar é!
Aidhe, mo chapaillínse cróga!
Aidhe, agus an bás ag fionraí liom
Ar an taobh seo díot, a Chórdoba.
Córdoba. Leis féin san imigéin.

inviata da Gabriel Rosenstock - 29/7/2018 - 17:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org