Lingua   

Attila József: Anyám

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG


Lingua: Ungherese

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Zöld az erdő
(Ando Drom)
A Kárpáthyék lánya
(Zsuzsa Koncz)
Dick Annegarn: Attila Jozsef
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


[Jánuar 6, 1931]
[6 gennaio 1931]
Poesia di Attila József
A poem by Attila József

Confesso che ho cercato in lungo in largo in rete, sperando che qualcuno avesse messo in musica questa spaventosa e bellissima poesia; non ho trovato nulla. Pazienza, mi sono detto; ci deve stare. Non può mancare. Starà negli „Extra” in quanto poesia non musicata; il motivo tutti lo capiranno dopo averla letta e ascoltata recitata nella sua lingua originale.

Attila József.
Attila József.
Negli anni '70, quand'ero ragazzo, le poesie di Attila József erano abbastanza conosciute; non credo che lo siano ancora adesso. Tra di esse, questa: „Mia madre”. Prima di parlarne un po', è bene di parlare della breve e tragica vita del più grande poeta ungherese moderno, un comunista che nemmeno la rivoluzione anticomunista del '56 si sognò minimamente di toccare. Attila József, o meglio József Attila (come è obbligatorio dire in ungherese), era nato a Budapest, nel quartiere popolare di Ferencváros famosissimo per una squadra di calcio, l'11 aprile 1905. Era figlio di un operaio, Áron József, e di una contadina, Borbála Pőcze. Il padre abbandonò la famiglia quando Attila aveva tre anni, e la madre non riuscì mai a mantenere i figli col duro lavoro di lavandaia a domicilio. Dire che la famiglia di Attila József era povera non rispecchia la realtà: lui, la madre e le due sorelle crepavano letteralmente di fame. Ad un certo punto la madre, sola, non ce la fece più e Attila, tramite un'istituzione nazionale di assistenza sociale, fu affidato ad una coppia di contadini che lo misero a spezzarsi la schiena nella loro fattoria. Attila era un ragazzo altissimo e fragile; le condizioni di vita erano talmente dure, che fuggi dalla campagna per tornare a Budapest dalla madre. La quale, nel 1919, morì di stenti e di lavoro pagato niente; aveva 43 anni. Venne quindi cresciuto dal cognato, tale Ödön Makai, che lo fece studiare in una scuola superiore; Attila era intelligentissimo, e aveva cominciato a scrivere poesie da giovanissimo. Ma non si trattava di poesiole rassicuranti e graziose: Attila vi metteva dentro tutto quel che vedeva attorno a sé. Miseria. Ingiustizia. Fame. Morte. Si iscrisse all'università di Szeged perché voleva diventare un insegnante, ma ne fu espulso per aver scritto una dura poesia di denuncia; da quel momento tirò a campare coi magri proventi dei suoi scritti, che qualcuno cominciava a conoscere. Immediatamente dopo, cominciò a dare segni di schizofrenia, finendo in cura psichiatrica. Il 3 dicembre 1937, dopo trentadue anni di questa vita, andò in una stazioncina di campagna dal nome per noi impronunciabile, Balatonszárszó, e si buttò sotto il primo treno che passava. Per divenire ed essere considerato il più grande poeta che il destino avesse dato all'Ungheria nel XX secolo dovette, naturalmente, provvedere a ammazzarsi dopo un'esistenza di merda; succede così.

Attila József, sua sorella Etelka e la loro madre. La donna morì a 43 anni.
Attila József, sua sorella Etelka e la loro madre. La donna morì a 43 anni.
Quando, il 6 gennaio 1931 (datava sempre scrupolosamente le sue poesie), Attila József scrisse questa poesia, sua madre era morta oramai da dodici anni; Attila, di anni, ne aveva ventisei. La sua lingua era, al tempo stesso, delicatissima e perfetta, e durissima e popolaresca. Col tempo, era diventata anche cinica, di quel cinismo che ha chi avverte attorno a sé, in ogni cosa, il peso di una società ostile. Ma era anche poesia lucidissima che esprimeva una coscienza di classe: per questo non è sbagliato dire che era un poeta proletario, uno dei principali che l'intera Europa abbia avuto. In tutto ciò che scrive si avvertono le sue concezioni sociali derivate dalla sua vita, dall'esserci dentro senza via d'uscita. Un suo verso dice: “Soltanto i poveri andranno all'inferno.” E', la sua, una poesia che non consola affatto; una poesia di risentimento, spesso faziosa, di durissima protesta. Ma, al tempo stesso, è una poesia semplicissima, non retorica, contenuta formalmente proprio per dare maggior mordente a ciò che vi si dice. Una cosa che in “Mia madre” è espressa al meglio. State per leggere ciò che è, a mio parere, uno dei capolavori della poesia del secolo passato.

La madre di Attila József era una donnetta striminzita, che a quarant'anni ne dimostrava almeno venti di più. Proletaria, lavoratrice malpagata e donna. Con le spalle ingobbite. Anni dopo la sua morte, il figlio se ne ricorda, e se la ricorda così: portare a casa, per mangiare, qualche avanzo del padrone. Stanca e distrutta dal bucato imposto, perché il padrone deve avere la biancheria pulitissima. Spezzata dal capitalismo, e questa non è una metafora: così dice, precisamente, un verso della poesia. Ad un certo punto prorompe, inatteso, un monito. La madre diventa simbolo di tutte le donne proletarie, e di tutti i proletari. Dei poveri, degli sfruttati. Di milioni di esseri umani che, come lei, sono risecchiti e senza niente. Segno e simbolo del dolore del mondo, che è un dolore che ha una causa. Non dice di lottare, Attila József: ma leggendo ogni parola di questa poesia, ne dovrebbe venire l'imperativo categorico.

E' giunto quindi il momento, se non la conoscete, che la leggiate nella storica traduzione che ne fece un giramondo nato a Montalcino e dal nome bellissimo, Folco Tempesti, nel 1969. Buona lettura, e pensateci. [RV]
A bögrét két kezébe fogta,
úgy estefelé egy vasárnap
csöndesen elmosolyodott
s ült egy kicsit a félhomályban.

Kis lábaskában hazahozta
kegyelmeséktől vacsoráját,
lefeküdtünk és eltünődtem,
hogy ők egész fazékkal esznek.

Anyám volt, apró, korán meghalt,
mert a mosónők korán halnak,
a cipeléstől reszket lábuk
és fejük fáj a vasalástól.

S mert hegyvidéknek ott a szennyes!
Idegnyugtató felhőjáték
a gőz s levegőváltozásul
a mosónőnek ott a padlás.

Látom, megáll a vasalóval.
Törékeny termetét a tőke
megtörte, mindíg keskenyebb lett :
gondoljátok meg, proletárok.

A mosástól kicsit meggörnyedt,
én nem tudtam, hogy ifjú asszony,
álmában tiszta kötényt hordott,
a postás olyankor köszönt néki.

inviata da Riccardo Venturi - 14/1/2014 - 19:47




Lingua: Italiano

La traduzione italiana di Folco Tempesti (1969).
Riprodotta da: Folco Tempesti, La letteratura ungherese, p. 242. Edizioni Sansoni/Accademia, Firenze-Milano 1969, Collana "Le letterature del mondo", 25.



La lettura italiana (non di questa traduzione) di Luigi Vannucchi
MIA MADRE

Una domenica sera mia madre è tornata
fra le mani recando due pentolini:
sorrideva in silenzio e s'è fermata
un po' nella penombra.

Nelle pentole c'erano gli avanzi
della cena dei nostri padroni;
anche a letto, dopo, io pensavo
che quelli ne mangiano pentole piene.

Mia madre, esile, scarna, è morta giovane:
le lavandaie muoiono presto.
Le gambe non reggono ai carichi,
la testa duole dallo stirare.

Ed è il bucato la loro montagna!
Per allietanti giochi di nuvole,
il denso vapore, e per cambiare aria
le lavandaie hanno, su, la soffitta.

La vedo: sta con il ferro da stiro.
Il capitalismo ha spezzato il suo fragile corpo;
si fece sempre più striminzita
- pensateci, proletari.

Si aggobbì per lavare:
ed io non sapevo che era ancora giovane.
Sognava di avere un grembiule pulito
e allora il postino la salutava.

inviata da Riccardo Venturi - 14/1/2014 - 20:56




Lingua: Inglese

English Translation by Riccardo Venturi
Florence, July 17, 2016, 11:38 am

Attila József, his sister Etelka and their mother Borbala. The woman died at 43.
Attila József, his sister Etelka and their mother Borbala. The woman died at 43.
MY MOTHER

One sunday, mother came back home
Holding a couple of pans in her hands:
Smiling so quietly, she sat a little while
To take some rest in the growing dusk.

She brought home, in those saucepans
Leftovers from her rich master’s home;
Then, lying in my bed, I kept thinking
That some folks eat whole potfuls.

My mother was a small, skinny woman:
She died early, like most washerwomen.
Their legs can’t stand lugging the hampers,
Their heads ache from ironing on.

Piles of laundry, that’s their mountains,
Their cloudscapes are made of steam.
To change climate, a washerwoman
Has only the attic stairs to climb.

I see her pressing on without cease,
Her thin body broken by Capital, at last.
And she grew thinner, thinner and thinner:
Now think about this, proletarians.

She stooped from all that laundry,
I didn’t realize she was still young.
In her dreams, she wore a clean apron
And the mailman would say hello to her.

17/7/2016 - 11:38




Lingua: Finlandese

Traduzione finlandese/ Finnish Translation / Traduction finnoise / Suomennos: Juha Rämö
ÄITINI

Eräänä sunnuntaina äiti tuli kotiin
käsissään pari kattilaa.
Ääneti hymyillen hän istui hetken
levätäkseen illan hämärissä.

Noissa kattiloissa hän toi kotiin
rikkaan isäntänsä ruuantähteitä.
Maatessani sitten vuoteessa mietin,
että jotkut syövät kokonaisia kattilallisia.

Äitini oli pieni langanlaiha nainen.
Hän kuoli nuorena, kuten useimmat pyykkärit,
joiden jalat eivät kestä pyykkikorien raahaamista
ja joille jatkuva silittäminen aiheutaa päänsärkyä.

Pyykkikasat ovat heidän vuoristonsa
ja pesulan höyryt heidän pilvimaisemansa.
Ilmanalaa vaihtaakseen pyykkäri
voi vain kavuta ylös ullakon portaita.

Näen äitini raatavan taukoamatta,
kunnes pääoma viimein särki hänen hennon vartensa.
Ja päivä päivältä hän kuihtui kuihtumistaan.
Siinäpä pohtimista köyhälle kansalle.

Jatkuva pyykinpesu väänsi hänen selkänsä luokille,
enkä minä edes tajunnut, että hän oli vielä nuori.
Hänen unelmansa olivat puhdas esiliina
ja kierroksellaan kulkevan postinkantajan tervehdys.

inviata da Juha Rämö - 19/7/2016 - 10:31


Grazie Riccardo, bellissima.

Bernart Bartleby - 15/1/2014 - 08:58


Eh sì, Bernart, è bellissima. E lo è perché si sa bene che cosa c'era dietro. Non c'è un granello di finzione, di immaginazione. Non è il poeta borghese "ispirato" e "partecipativo" alle disgrazie altrui. E' una poesia che viene dall'interno di una classe; in Italia l'unico che mi viene a mente, ma in un contesto molto diverso (quello della campagna e dei braccianti) è Rocco Scotellaro. Anche per questo, mi sa che oggi mi dedicherò ad un'altra terrificante poesia di Attila József, "Notte di sobborgo". Mi ci esercitavo quando avevo appena cominciato a imparare l'ungherese, a 16 anni, ed è un'altra cosa che ho dentro. A presto.

Riccardo Venturi - 15/1/2014 - 13:34


Forse l’ultima poesia di Attila József, datata novembre 1937, pochi giorni prima del suo suicidio.

TALÁN ELTŰNÖK HIRTELEN...

Talán eltűnök hirtelen,
akár az erdőben a vadnyom.
Elpazaroltam mindenem,
amiről számot kéne adnom.

Már bimbós gyermek-testemet
szem-maró füstön száritottam.
Bánat szedi szét eszemet,
ha megtudom, mire jutottam.

Korán vájta belém fogát
a vágy, mely idegenbe tévedt.
Most rezge megbánás fog át:
várhattam volna még tiz évet.

Dacból se fogtam föl soha
értelmét az anyai szónak.
Majd árva lettem, mostoha
s kiröhögtem az oktatómat.

Ifjúságom, e zöld vadont
szabadnak hittem és öröknek
és most könnyezve hallgatom,
a száraz ágak hogy zörögnek.



Traduzione italiana di Agnes Preszler da Poesie, racconti e fiabe ungheresi

FORSE SPARIRÒ ALL'IMPROVVISO...

Forse sparirò d'improvviso,
come le impronte nel bosco.
Ho sperperato tutto ciò
di cui dovrei rendere conto.

Già il mio corpo da bimbo
fu arso dal fumo corrosivo.
Tristezza mi sbrana la mente
se penso al mio destino.

Il desiderio vagante in terre lontane
mi ha azzannato ben presto.
Ora mi invadono rimpianti vibranti:
dovevo attendere ancora dieci anni.

Per sfida non ascoltavo
il consiglio materno.
Poi rimasi solo, orfano,
e derisi il mio maestro.

La giungla verde della mia giovinezza
credevo libera ed eterna,
ed ora con lacrime negli occhi ascolto
tra i rami secchi il rumore del vento.

Bernart Bartleby - 19/5/2016 - 14:18


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org