Lingua   

L'inondasion dël Pò

Fausto Amodei


Lingua: Italiano (Piemontese)


Ti può interessare anche...

Guera d'Abissinia
(Gipo Farassino)
Men in Helicopters
(Adrian Belew)
Pare
(Joan Manuel Serrat)


[2006]
Parole e musica di Fausto Amodei
Nell’album intitolato “Per fortuna c'è il Cavaliere”
Testo trovato su Il Deposito





Una canzone satirica che prende come spunto la disastrosa alluvione in Piemonte dell’ottobre 2000 (23 morti, 11 dispersi, oltre 40.000 sfollati) per prendersela con “coi picio frust 'd la Lega”…
Për che rason ël Pò a l'è anrabiasse
a l'ha ampinì soe val con dl'aqua àota
dësbland i pont, le strà, le cà, le piasse
quatand sità e campagne con soa pàota?

La rason l'è che ël Pòa l'ha vist rivé
coj dla Lega che an man tnisìo 'd le ampole
pëe porteje via l'aqua al Pian dël Re
e a l'ha tacà a criè: “Chi a son 'ste ciole

Che, tute vestìe ëd vèrd, con l'armadura
gieugo aij babacio, senssa fé 'na piega?
Esse balengo sì, ma con misura,
picio va bin, ma nèn com coj 'd Lega!

Coj òmo vèrd son mnù sota ël Monvis
con an testa na fissa, coma un ciò:
cola ëd pijesse mia aqua a la sorgis
për fe la sirimonia dël dio Pò.

Prèive ëd na veja religion pagan-a
son tramudase ëd colp tuti in crosià;
fin la Ciesa Catòlica Roman-a
për lor a l'è venduse ai fieuj d'Allah!

Adess për lor combate l'Alcoran,
a l'è na fissasion, a l'è na smania:
contra moschee, Maométte maometan
son cissà coi gadan ëd la Gadania.

Mi, parland come Pò, bin pì ëd na vòta
j'eu vist gènet d'ògni sòrta, sie sle mie arvere:
imperador, tiran e patriòta,
prinssi, baron, soldà 'd tute bandiere.

Tuti i mnisìò con spa, fusil e lansa
për pianté arlongh mie sponde ël sò drapò,
d'Austria, d'Italia, Almagna, Spagna e Fransa
col but -për drit divin- ëd pijesse ël Pò.

Ma, Cristo, i ero ëd gent ch'i avìo i cojon
quàich vòlota ëd lasaron, ma sempe svicio:
Visconti, Este, Gonzaga, Napolion...
senssa confront con costa banda ëd picio!".

L'è për lòn, brava gent, ch'a l'è nen vera
che ël Poò l'abia anlagà la soa pianura
për quistion riguardant tuta la tera
ch'a l'è bele antossià, l'è pì nen pura,

pëerché a i è tròp dë mniss ant l'aqua e ant l'aria,
e i montagnin bandon-o le soe baite,
fium e torent son mach na dëscaria
e ij euvre ëd protession a son malfàite.

Se tanta provra gent a l'è trovase
coatà d'aqua e d' paciòch soa cà e botega,
la rason l'è che ël Pò a l'è anrabiasse
mach për copa ëd coi picio frust 'd la Lega.

inviata da Bernart Bartleby - 9/1/2014 - 09:42



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da Il Deposito (rivista e corretta da B.B.)
L’INONDAZIONE DEL PO

Per quale ragione in Po s'è arrabbiato,
ha riempito le sue valli con l'acqua alta
distruggendo ponti, strade, case, piazze,
coprendo città e campagne con il suo fango?

La ragione è che il Po ha visto arrivare
quelli della Lega, che tenevano in mano delle ampolle
per portargli via l'acqua al Pian del Re
ed ha preso a gridare: “Chi sono 'sti idioti

Che tutti vestiti di verde, con l'armatura
giocan a far gli scemi, senza fare una piega?
Vabbe’ essere stupidi, ma con misura,
piciu va bene, ma non come quelli della Lega!

Quegli uomini verdi sono venuti sotto il Monviso
con in testa un'idea fissa come un chiodo:
quella di prendersi la mia acqua alla sorgente
per far la cerimonia del dio Po.

Sacerdoti d'una vecchia religiona pagana
si sono trasformati di colpo in crociati;
fin la Chiesa Cattolica Romana
per loro si è venduta ai figli di Allah!

Adesso per loro combattere il Corano
è una fissazione, è una smania:
contro moschee, Maometto e maomettani
sono eccitati quei gadàni della Gadània

Io, parlando come Po, più di una volta
ho visto gente d'ogni sorta sulle mie rive:
imperatori, tiranni, patrioti,
principi, baroni, soldati di tutte le bandiere.

Tutti venivano con la spada, il fucile, la lancia
per piantar sulle mie sponde il loro vessillo,
d'Austria, d'Italia, Germania, Spagna e Francia
con il fine di prendersi, per diritto divino, il Po.

Ma, Cristo, erano gente che aveva coglioni,
talvolta lazzaroni, ma sempre in gamba:
Visconti, Este, Gonzaga, Napoleone...
nessun paragone con questa banda di piciu!”

È per questo, brava gente, che non è vero
che il Po abbia allagato la sua pianura
per questioni riguardanti tutta la terra
che è bell'avvelenata, non è più pura

perchè c'è troppa immondizia nell'acqua e nell'aria,
ed i montanari abbandonano le loro baite,
fiumi e torrenti sono soltanto più una discarica
e le opere di protezione son malfatte.

Se tanta povera gente si è trovata
Con casa e bottega coperte d’acqua e di fango
la ragione sta nel fatto che il Po si è arrabbiato
solo per colpa di quei piciu sfiniti della Lega.

inviata da Bernart Bartleby - 9/1/2014 - 09:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org