Lingua   

Postkort fra Port Stanley

C.V. Jørgensen


Lingua: Danese


Ti può interessare anche...

Kaltrinas sang
(Sergio Marini)
Great What?
(Conflict)
The Malvinas
(Dave Rogers)


1990
Postkort fra Port Stanley
Nu smiler Lady Margaret Thatcher
Blottende tre plomber & en bro
Sit liderlige iskolde ligblege smil
Stædigt ventende på Quinn the Eskimo
Rule Britannia britternes slagsang
Var godt i gang med helt at dø hen
da Maggie herself tog mikrofonen
& afsang den play-back igen & igen
for alle sine drenge der aldrig blev mænd

De vasker stranden ren ved Port Stanley
hvor sporene de skræmmer endnu
& tonsvis af Tommy'er kom langvejs fra
for ved selvsyn at bese et Waterloo
Men nu tilbage til London & dens gader
hvor bybilledet brød ud i anarki
da Lady Madonna kom ud & stod på flisen
foran døren ind til Downing Street 10
hvor hun Gud bedre det endnu er på kost & logi

Hejs det hvide flag
& erkend hellere dit nederlag
for når først Maggie Messer den mær
har følt sig gået lidt for nær
trækker hun i rustning for i frihedens navn
at gå i clinch med alle & enhver
svingende skeden til retfærdighedens sværd

Livet mister sin mening
når det skal leves som vi gør det her
Hvor lig på lig i skøn forening
bli'r til legender eller de monumenter
vi for eftertiden aldrig ser

inviata da DoNQuijote82 - 3/1/2014 - 17:04



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
3 gennaio 2014

Si vedano anche le Note alla traduzione
CARTOLINA DA PORT STANLEY

Ora sorride Lady Margaret Thatcher
Scoprendo tre piombature e un ponticello
Il suo lascivo sorrido, gelido e pallido
Che aspetta ostinatamente Quinn l'Eschimese 1
Rule Britannia 2, il canto di battaglia dei Britanni
Era stato ben intonato ma ormai stava smorzandosi
Quando Maggie herself aveva preso il microfono
E si era messa a cantare in playback e continuava
Per tutti i suoi ragazzi che non erano mai diventati uomini

Puliscono la spiaggia a fondo là a Port Stanley
Dove le tracce ancora fanno spavento
E dove tonnellate di Tommies erano venuti da lontanissimo
Per dare un'occhiata di persona a una Waterloo
Ma ora torniamo a Londra e alle sue strade
Dove l'immagine della città è esplosa in anarchia
Quando Lady Madonna 3 è uscita ritta sul selciato
Di fronte alla porta del 10 di Downing Street
Dove lei -accidenti!- gode ancora di vitto e alloggio

Alza bandiera bianca
E riconosci, suvvia, la tua sconfitta
Perché non appena quella vacca di Maggie Messer 4
Si è accorta che le hanno pestato un po' troppo i piedi
Si è messa l'armatura per fare la lotta
Con tutti quanti in nome della libertà
Sguainando la spada della giustizia

La vita perde di significato
Se dev'essere vissuta come la viviamo
Diventando uno ad uno, tutti belli assieme,
Leggende, oppure quei monumenti
Che in futuro non guarderemo mai.

3/1/2014 - 18:58



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org