Lingua   

Dal nido

I Luf
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Da Genova alla luna
(Roberto Billi)
Breva e Taiwan
(I Luf)
Canzone del padre
(Fabrizio De André)


Da Flel 2010

fiel

Dedicata a Fabrizio De Andrè
Quando si aprirà di nuovo quella porta
tu sarai di là e io di qua
ti guarderò con gli occhi stupiti del bambino
ma io sarò di qua e tu di là

Si parte dallo stesso nido ma il vento soffia strano
qualcuno cade a terra altri volano lontano
si parte dallo stesso nido ma il vento soffia strano
io son caduto in terra e tu mi guardi da lontano

Un cero a santa Sara regina dei gitani
perché guidi per sempre le mie mani
sicure nelle tasche di quelli che han rubato
calde tra le cosce per il peccato

Veloci sulle corde che tu mi hai regalato
tenere sulle labbra di chi ho sempre amato
sincere sulle spalle di chi sta andando via
né confini né bandiere il mondo è casa mia

Quando si aprirà di nuovo quella porta
il sorriso avrà la meglio sulla rabbia
mi hai insegnato molto ho imparato nulla
solo come un bimbo nella culla

Si parte dallo stesso nido ma il vento soffia strano
qualcuno cade a terra altri volano lontano
si parte dallo stesso nido ma il vento soffia strano
io son caduto in terra e tu mi guardi da lontano

inviata da donquijote82 - 6/12/2013 - 12:02



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org