Lingua   

Revoluzione

L'Arcusgi


Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

L'estaca
(Lluís Llach)
Inghjustizia
(L'Arcusgi)
The Ballad of Nick & Bart [Here's To You]
(Joan Baez)


[1995]
Testo e musica: L'Arcusgi
Lyrics and Music: L'Arcusgi
Paroles et Musique: L'Arcusgi
Album: Scrittori di a storia

L'Arcusgi

arcupasq


Jean-Pierre Bonci
Jean-Christophe Bastiani
Louis Franceschi
Pierre Bracci
Anthony Battesti
Nicolas Giustiniani
Guillaume Savelli
Jean-Marc Camurati
Laurent Ducatillon
Mathieu Camurati
Jean-Paul Peretti
"Pilou" Barque


A te, la radicata parola / Nata in questo vento che scuote / Sei granata in ogni mente / Senza che nessuno ti senta... può essere che i versi iniziali di questa canzone del 1995 (tratta dall'album Scrittori di a storia) siano, al tempo stesso, tra le più belle definizioni della Revoluzione e non propriamente “pacifisti” o, comunque, innocui o buoni per tutti. Le canzoni degli Arcusgi sono canzoni di lotta e lo so più che bene e di persona, avendoli conosciuti in una delle loro apparizioni alla “Tre Giorni di Musica Popolare” del CPA Firenze Sud. Canzoni di lotta di popoli oppressi, perché è inutile far finta di niente e voltare la testa dall'altra parte: i popoli oppressi esistono allo stesso modo in cui esistono gli Stati oppressori, fatti peraltro per opprimere sovente il loro stesso popolo. Non è quindi “strano” che, in una canzone del genere, esistano poi dei ben precisi e chiari riferimenti alla scomparsa della guerra e alla pace; ma non certamente la “pacetta” fatta di accettazione dello status quo, e neppure quella personale o “interiore” -la quale viene spesso gabellata subdolamente come “necessaria” per raggiungere una “pace universale” sotto l'egida di qualche falso soprannaturale di controllo. Per nulla strano e del tutto conseguente a ciò che dicono gli Arcusgi, questi “baschi corsi” insuscettibili di ravvedimento. Ancora convinti di un Indipendentismo non fine a se stesso, ma inserito in una ribellione universale (altresì detta internazionalismo, che è l'esatto contrario di nazionalismo). [RV]

arcuscritt
A tè , l'irradicata parolla
Nata à 'ssu ventu chi scuzzula
Si granata in ogni mente
Senza chi nisun'ùn ti senti.

Cun tè , hè l'abbracciu fiuritu
D'un avvene più culuritu
Chi si sparghje à u luntanu
Cum'è prufume di veranu.

Revoluzione chjama voce ribelle
Revoluzione vole voce surelle
Revoluzione chjama voce ribelle

Di tè quellu sguardu turchinu
Bagnatu di soffiu marinu
Chi sunieghja à l'avvene
D'una vita senza catene .

Per tè , annacquata hè a chjama
Dà li pienti d'una mamma
Per 'ssu babbu chi ghjè cascatu
Per stu figliolu incarceratu .

Revoluzione vole voce ribelle
Revoluzione chjama voce surelle
Revoluzione vole voce ribelle

Di tè rinascerà a talla
D'una cuscenza chi si salla
Per ch'ella smarischi a guerra
A i cunfini di a terra .

Cun tè quella culomba bianca
Chi camina à lu to fiancu
Porta un ramu di a pace
Per 'ss'umanità chi si face .

Revoluzione vole voce ribelle
Revoluzione chjama voce surelle
Revoluzione vole voce ribelle

In noi sempre correrà
Un fiume scemu chi sciapperà
E sponde operate
Di é bugie impetrate

In noi sempre correrà
Un fiume scemu chi lamperà
L'idee fatte di puvertà
Per fà risorge a verità

Revoluzione chjama voce ribelle
Revoluzione vole voce surelle
Revoluzione chjama voce ribelle

Revoluzione chjama voce ribelle
Revoluzione vole voce surelle
Revoluzione chjama voce ribelle

inviata da Riccardo Venturi - 11/11/2013 - 22:02




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
12 novembre 2013

Sarà un “principio ispiratore” di tutte le “traduzioni dal corso” che andrò facendo nei prossimi tempi; in un primo momento, era stato tacitamente deciso che non ve ne fosse bisogno, dato che i corsi stessi, senza per questo mininamente mettere in dubbio la natura e l'uso del corso come lingua a tutti gli effetti, sanno benissimo che si tratta di un linguaggio appartenente al sistema italiano e, in particolare, toscano. Per il sottoscritto, ritrovare ad esempio nel corso trinnicà (scuotere, smuovere, traballare) l'elbano occidentale trenicà sentito e usato fin da bambino piccolo, fa sempre un gran piacere come per decine di altre parole. Però, ciò che può essere naturale per me, può non esserlo per altri; seguire un testo scritto in corso può a volte riservare dei “momenti di buio”, e la lingua parlata è molto meno semplice di quella scritta. Quindi si riscriveranno i testi in italiano, con l'accorgimento di aderire quanto più possibile al testo originale. [RV]
RIVOLUZIONE

A te, la radicata parola
Nata in questo vento che scuote
Sei granata in ogni mente
Senza che nessuno ti senta.

Con te è l'abbraccio fiorito
Di un avvenire più colorato
Che si sparge lontano
Come profumo di primavera.

Rivoluzione chiama voce ribelle
Rivoluzione vuole voci sorelle
Rivoluzione chiama voce ribelle

Di te quello sguardo turchino
Bagnato di soffio marino
Che sogna l'avvenire
D'una vita senza catene.

Da te bagnato è il richiamo
Dai pianti di una madre
Per questo padre che è caduto
Per questo figlio incarcerato

Rivoluzione chiama voce ribelle
Rivoluzione vuole voci sorelle
Rivoluzione chiama voce ribelle

Da te rinascerà il germe
Di una coscienza che si salda
Perché faccia scomparire la guerra
Ai confini della terra.

Con te quella colomba bianca
Che cammina al tuo fianco
Porta un ramo di pace
Per questa umanità che viene.

Rivoluzione chiama voce ribelle
Rivoluzione vuole voci sorelle
Rivoluzione chiama voce ribelle

In noi sempre scorrerà
Un fiume folle che schianterà
Le sponde che sono fatte
Di menzogne pietrificate

In noi sempre scorrerà
Un fiume folle che getterà via
Le idee fatte di povertà
Per far risorgere la verità

Rivoluzione chiama voce ribelle
Rivoluzione vuole voci sorelle
Rivoluzione chiama voce ribelle

Rivoluzione chiama voce ribelle
Rivoluzione vuole voci sorelle
Rivoluzione chiama voce ribelle

12/11/2013 - 04:38




Lingua: Francese

Version française – RÉVOLUTION – Marco Valdo M.I. – 2013
d'après la version italienne de Riccardo Venturi d'une
Chanson corse – Revoluzione – L'Arcusgi – 1995

Paroles et Musique: L'Arcusgi
Album: Scrittori di a storia

« À toi, la parole enracinée
Née dans ce vent qui secoue
Tu te diffuses dans chaque esprit 
Sans que personne ne t'entende. »


Peut-être que les vers initiaux de cette chanson de 1995 (tirée de l'album Scrittori di a storia) sont, en même temps, parmi les plus belles définitions de la Révolution et pas proprement « pacifiste » ou, de toute façon, inoffensive ou bonne pour tous. Les chansons des Arcusgi sont des chansons de lutte et je le sais mieux que personne, les ayant connus dans une de leurs apparitions lors des « Trois Jours de Musique Populaire » du CPA Firenze Sud. Chansons de lutte de peuples opprimés, car il est inutile de faire comme si de rien n'était et tourner la tête de l'autre côté ; les peuples opprimés existent de la même manière là où existent les États oppresseurs, lesquels d'autre part, sont souvent même faits pour opprimer leurs propres peuples. Il n'est pas donc « étrange » que, dans une chanson du genre, il y ait ensuite des références précises et claires à la disparition de la guerre et à la paix ; mais certainement pas la « pacetta » (petite paix) faite d'acceptation du statu quo, et même pas la « paix » personnelle ou « intérieure » – qu'on fait souvent sournoisement passer pour « nécessaire » pour atteindre une « paix universelle » sous l'égide d'une fausse puissance surnaturelle de contrôle. Ce que disent les Arcusgi n'est en rien étrange et entièrement conséquent ces « Basques corses » irréductibles, encore convaincus d'un indépendantisme qui n'est pas une fin en soi, mais inséré dans une rébellion universelle (autrement dit un internationalisme, qui est l'exact contraire de nationalisme). [RV]

Ce sera un « principe inspirateur » de toutes les « traductions du corse » que je ferai dans les temps prochains ; dans un premier temps, il avait été tacitement décidé qu'il n'y en avait pas besoin, vu que les Corses eux-mêmes, sans pour ceci mettre en doute, le moins du monde, la nature et l'usage du corse comme langue à part entière, savent très bien qu'il s'agit d'un langage appartenant au système italien et, en particulier, toscan. Pour le soussigné, retrouver par exemple dans le corse « trinnicà » (ébranler, déplacer, branler) l'elbois occidental « trenicà » entendu et utilisé depuis la petite enfance, fait toujours un grand plaisir comme pour des dizaines d'autres mots. Cependant, ce qui peut être naturel pour moi, peut ne pas l'être pour d'autres ; suivre un texte écrit en corse peut parfois réserver des « moments d'obscurité », et la langue parlée est beaucoup moins simple que celle écrite. Donc on réécrira les textes en italien, avec la perspicacité de coller autant que possible au texte original. [RV]
RÉVOLUTION

À toi, la parole enracinée
Née dans ce vent qui secoue
Tu te diffuses dans chaque pensée
Sans que personne ne t'entende.

Avec toi, c'est le baiser volé
D'un avenir plus coloré
Qui au loin se répand
Comme un parfum de printemps.

Révolution appelle des voix rebelles
Révolution veut des voix fraternelles
Révolution appelle des voix rebelles

À toi ce regard bleu foncé
De souffle marin baigné
Qui pour l'avenir rêve
D'une vie sans chaînes.

Par toi sont baignés la prière
Et les larmes d'une mère
Pour ce père qui est tombé
Pour ce fils incarcéré.

Révolution appelle des voix rebelles
Révolution veut des voix fraternelles
Révolution appelle des voix rebelles

Par toi renaîtra le germe
D'une conscience qui se resserre
Pour faire disparaître la guerre
Des confins de la terre.

Cette colombe blanche, en effet
Qui avance à ton flanc
Porte un rameau de paix
Pour cette humanité qui vient là devant

En nous toujours courra
Un fleuve fou qui avalera
Les idées faites de pauvreté
Pour faire renaître la vérité

Révolution appelle des voix rebelles
Révolution veut des voix fraternelles
Révolution appelle des voix rebelles

En nous toujours courra
Un fleuve fou qui détruira
Les digues fondées
De mensonges pétrifiés

Révolution appelle des voix rebelles
Révolution veut des voix fraternelles
Révolution appelle des voix rebelles

Révolution appelle des voix rebelles
Révolution veut des voix fraternelles
Révolution appelle des voix rebelles

inviata da Marco Valdo M.I. - 23/11/2013 - 13:35


Interessante che verano/veranu sia estate in spagnolo e primavera in corso. Come mai questo cambiamento stagionale?

Lorenzo - 12/11/2013 - 12:48


Perché la "primavera" e l' "estate" sono come...stagioni interscambiabili nelle lingue romanze, Lorenzo. La situazione latina era la seguente: ver (neutro) "primavera"; æstas (femminile) "estate". Veranus è in origine un aggettivo dal significato di "primaverile". Dalla comune espressione primo vere "a inizio primavera" si è avuto (con cambio di genere) l'italiano primavera e il rumeno primăvară; ma mentre in italiano si è mantenuto il termine latino per la stagione successiva (estate), il rumeno ha "spostato" la primavera latina all'estate: vară. In spagnolo si è avuta pressoché la stessa cosa: la "primavera" ha spostato l'antico termine all'estate, ma in questo caso mediante l'antico aggettivo corrispondente: verano (lo stesso nel portoghese verão). Nel corso si ha una situazione ancor più complicata, perché ferma restando l'estate, la "primavera" può essere sì veranu (in questo caso l'antico aggettivo è usato nel senso primitivo!), ma esiste anche primavera. Il francese è andato per conto suo: ha mantenuto il latino per l'estate (été), ma la "primavera" è un derivato di primum tempus nel senso di "prima stagione dell'anno": printemps. Il retoromancio ha la situazione italiana (primavaira, stad). Comunque sia, in tutte le lingue romanze, parlate generalmente in terre dove già in primavera si hanno temperature abbastanza elevate, la "primavera" e l' "estate" si scambiano spesso il posto. Saluti autunnali!

Riccardo Venturi - 12/11/2013 - 16:02


Un'aggiunta interessante sul corso. In questa canzone vediamo nel testo "granata" usato nel senso comune di "bomba a mano"; ma che il corso sia un dialetto toscano lo vediamo dal fatto che "granata" vuol dire anche "scopa di saggina". Nessuno al di fuori della Toscana usa "granata" in questo senso, a parte -appunto- in Corsica. Se a Marina di Campo dicevo a mia zia: "dammi quel chiòzzero" (= tazza, recipiente qualsiasi), nessuno mi avrebbe capito tranne un corso col suo chjòzzeru. Insomma, se dico "Corsica surella" mi capirete; del resto racconto sempre che a 10 anni di età, la prima volta che i miei genitori mi portarono in Corsica si parlava tranquillamente in elbano coi vecchi di Patrimonio e di San Fiurenzu, e ci si capiva alla perfezione...

Riccardo Veturi - 12/11/2013 - 16:14


A proposito del significato di granata è famosa nella mia famiglia la storia della mia nonna paterna che era nata nel 1901 e durante la prima guerra mondiale era una ragazzina, fra le poche nel paese che sapevano leggere. Per questo motivo le madri analfabete dei soldati al fronte le portavano le lettere dei figli per farsele leggere.
Una volta in una lettera un soldato aveva scritto.”qui è tutto tranquillo, soltanto ogni tanto qualche colpo di granata”. La madre sollevata aveva commentato:” finché fanno alle granatate va bene, l'importante è che non facciano alle fucilate!”.

Lorenzo - 12/11/2013 - 17:19



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org