Lingua   

Inghjustizia

L'Arcusgi


Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

Guerrieri
(Chjami Aghjalesi)
E prigione francese
(Chjami Aghjalesi)
La povera Letizia
(Gian Piero Testa)


[1989]
Testo e musica: L'Arcusgi
Lyrics and Music: L'Arcusgi
Paroles et Musique: L'Arcusgi
Album: Resistenza

L'Arcusgi

arcupasq


Jean-Pierre Bonci
Jean-Christophe Bastiani
Louis Franceschi
Pierre Bracci
Anthony Battesti
Nicolas Giustiniani
Guillaume Savelli
Jean-Marc Camurati
Laurent Ducatillon
Mathieu Camurati
Jean-Paul Peretti
"Pilou" Barque


Sarei tentato di inserire "Inghjustizia" degli Arcusgi tra le "dimenticanze delle CCG", tanto questa è una canzone che coniuga alla perfezione la provenienza tenacemente locale e il valore universale che essa reca. Invece c'è voluto un errore per farmela tornare a mente: un errore non mio, ma degli Anarchistes che, esibendosi a Firenze al teatro "L'Affratellamento" in occasione dell'iniziativa annuale organizzata dall'Istituto De Martino, intitolata -ebbene sì- "Canzoni Contro la Guerra", hanno sì dato una bella interpretazione di questo capolavoro, ma attribuendolo a un altro fondamentale gruppo corso, i Chjami Aghjalesi. Ciò non toglie che, fin dalla sua comparsa (proviene dal primo album degli Arcusgi, Resistenza del 1989) "Inghjustizia" sia divenuta semplicemente una canzone di tutti, in Corsica. Di tutti, cioè interpretata e cantata da tutti. Con questa pagina tardiva, complici senz'altro anche gli Anarchistes, mi piacerebbe che -in questo particolare frangente di ingiustizia sempre più generalizzata e nascosta in modo sempre più agghiacciante sotto il nome di "democrazia"- mi piacerebbe che oltrepassasse ogni confine; anche per questo vorrei dedicarla al popolo greco e alla Grecia tutta, in questo Mediterraneo amaro di lacrime. Da qualcosa che si chiama, ora e sempre, Resistenza. Da un'isola nel mare, in volo per tutti i mari. Dimenticavo: è anche una canzone di una bellezza incomparabile. [RV]

arcuresi
A l’alba, un nucente da li soi hè sradicatu
Senz’un’ affollu è nisun’difesa.
Torna una volta, l’onore hè sprizzatu
E d’un populu sanu si sente l’offesa.

C’hè tanti feriti e tant’inghjuliati
Ch’in lu mondu sanu si sò pisati
I diritti di l’omi a caternu lampati
Omi di gran’valore, sò stat’imprigiunati.

Soffia in lu mondu u ventu d’inghjustizia
Corre ‘ssu velenu, si sparghje pianu pianu
Invad’e nazione, scacci’a demucrazia
Calpighja u dirittu, avillisce l’umanu.

Stati arganti li vostri malfatti
Li vostr’assassinii seranu svilati
Truverette sempre di pettu à un’armata
Un pugnu pisatu per stangavvi a strada

Di populu l’idea ùn si po’ inchjustrà
Un s’azzitt’una voce chi mughja libertà
Più cresce a ripressione, più lotta piglia forza
Un si sguass’una storia, ùn si schis’una lingua.

Soffia in lu mondu u ventu d’inghjustizia
Corre ‘ssu velenu si sparghje pianu pianu
Invad’e nazione, scacci’a demucrazia
Calpighja u dirittu, avillisce l’umanu.

I muri di u putere dumane cascheranu
Di li populi cechi l’ochji s’apreranu
Smariscerà lu bughju è u lume sbucerà
U soffiu di’a rivolta tandu sventulerà.

Soffia in lu mondu u ventu d’inghjustizia
Corre ‘ssu velenu, si sparghje pianu pianu
Invad’e nazione, scacci’a demucrazia
Calpighja u dirittu, avillisce l’umanu

Soffia in lu mondu u ventu d’inghjustizia
Corre ‘ssu velenu, si sparghje pianu pianu
Ma leva la sumenta e fiurisce la via
Chi ci porta si sà, versu’a demucrazia.

inviata da Riccardo Venturi - 11/11/2013 - 17:15




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
11 novembre 2013

L'Arcusgi alla "Tre Giorni di Musica Popolare" del CPA Firenze Sud.
L'Arcusgi alla "Tre Giorni di Musica Popolare" del CPA Firenze Sud.


Il corso, naturalmente, "si capisce benissimo"; io però, che sono elbano e proprio della parte di fronte alla "Corsica surella", ci sono sempre andato parecchio cauto anche perché se aveste sentito ragionare un vecchio pomontinco di quando non c'era nemmeno la strada, non so se lo avreste capito così bene. Quindi una traduzione dalla mia "lingua dirimpettaia" la faccio volentieri anche perché non vorrei che questo testo degli Arcusgi non fosse ben capito nella sua interezza, visto quel che dice. Nella resa italiana ho però seguito pedissequamente il testo corso, cercando di cambiarne il meno possibile le parole. Se poi, naturalmente, lo avete già capito senza nessun bisogno del sottoscritto, saltate tranquillamente questa parte. [RV]
INGIUSTIZIA

All'alba un innocente dai suoi è strappato
Senza un appoggio e nessuna difesa.
Una volta tornato, l'onore è disprezzato
E d'un popolo intero si sente l'offesa.

Ci son tanti feriti e tanti umiliati
Che nel mondo intero sono calpestati
I diritti dell'uomo al diavolo gettati
Uomini di gran valore son stati imprigionati.

Soffia nel mondo il vento d'ingiustizia
Scorre questo veleno, si sparge piano piano
Invade la nazione, scaccia la democrazia
Calpesta il diritto, avvilisce l'essere umano.

Stati arroganti, le vostre malefatte,
I vostri assassinii saranno rivelati
Troverete sempre di fronte un'armata,
Un pugno chiuso a sbarrarvi la strada

Di popolo l'idea non si può incarcerare
Non si zittisce una voce che urla libertà
Più cresce la repressione, più la lotta prende forza
Non si cancella una storia, non si evita una lingua.

Soffia nel mondo il vento d'ingiustizia
Scorre questo veleno, si sparge piano piano
Invade la nazione, scaccia la democrazia
Calpesta il diritto, avvilisce l'essere umano.

I muri del potere domani crolleranno
Dei popoli ciechi gli occhi s'apriranno
Svanirà il buio e la luce apparirà
Il soffio della rivolta allora sventolerà.

Soffia nel mondo il vento d'ingiustizia
Scorre questo veleno, si sparge piano piano
Invade la nazione, scaccia la democrazia
Calpesta il diritto, avvilisce l'essere umano.

Soffia nel mondo il vento d'ingiustizia
Scorre questo veleno, si sparge piano piano
Ma reca il seme e fiorisce la via
Che porta, si sa, alla democrazia.

11/11/2013 - 18:00




Lingua: Inglese

English adaptation by Riccardo Venturi
October 17, 2016 23:21

INJUSTICE

An innocent at dawn is torn from his family
Defenceless, without help, without support.
When he is back, you feel honour is contempted,
You feel offence is given to an entire people.

So many are wounded, so many humiliated,
So many are oppressed throghout the world.
The rights of man are ridden roughshod over,
Men of great merit are cast in prison.

The world is swept by the wind of injustice,
This poison is flowing, it spreads constantly,
It pours into the nation driving liberty away,
It crushes underfoot the laws of mankind.

You arrogant states, your evil actions,
Your murders will be revealed one day,
You will always find an army to face,
A clenched fist will always bar your way.

You can never put in jail a people's idea,
You can never silence a voice crying for liberty,
The more you oppress, the stronger is our struggle,
You cannot wipe out history, you cannot shun a language.

The world is swept by the wind of injustice,
This poison is flowing, it spreads constantly,
It pours into the nation driving liberty away,
It crushes underfoot the laws of mankind.

The walls of power are going to fall down,
The eyes of blind peoples are going to open wide,
Darkness is going to fade and light is appearing,
The wind of revolution is going to sweep the world.

The world is swept by the wind of injustice,
This poison is flowing, it spreads constantly,
It pours into the nation driving liberty away,
It crushes underfoot the laws of mankind.

The world is swept by the wind of injustice,
This poison is flowing, it spreads constantly,
But a seed is also spreading with it, you know,
The flower-giving seed of democracy.

17/10/2016 - 23:23


Ci proviamo, Riccardo, a renderla in greco?

Gian Piero Testa - 12/11/2013 - 05:05





Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione greca di Gian Piero Testa
Μετἐφρασε στα Ελληνικά ο Τζαν Πιέρο Τέστα
ΑΔΙΚΙΑ

Χάραμα πιάνουν τ´άθωον μεσ´απ´το σπίτι του
Αβοήθητην ψυχήν και δίχως προστασία
Στο γυρισμό η τιμή του πια παραφρωνιέται
Κι ένας λαός ολόκληρος προσβεβλημένος νιώθει.

Τόσοι πολλοί πληγώθηκαν, τόσοι πολλοί ταπείθηκαν
Τόσοι πολλοί πατήθηκαν σ´όλη την οικουμένη
Άδικα φυλακήστηκαν τόσοι πολλοί γενναίοι
Τ´ανθρώπου τα δικαιώματα στην κόλαση έχουν ρίξει.

Πάνω στη γης φυσάει ο αγέρας της αδικίας
Φαρμακερός κυλάει κι αργά κι αργά απλώνει
Τις χώρες τις εισβάλλει, διώχνει τη δημοκρατία
Το δίκαιο τσακίζει, το μπόι του ανθρώπου μειώνει.

Kράτη αλαζόνες, δολοφονικά κακούργα,
Όσα θα κάντε εγκλήματα, τόσα ανακαλυφτούν
Μπροστά σας στρατόν θα βρείτε ίδιο με φράγμα,
παντού γροθιές οι δρόμοι σας για να κλειστούν.

Το νόημα του Λαού δε το χωράνε οι φυλακές
Στα «σώπα!» δεν υπακούει η ελεύτερη κραυγή
Αντριεύουνε οι αγώνες με τις καταστολές,
Δεν σβήνεται ιστορία, μιά γλώσσα δε θα χαθεί.

Πάνω στη γης φυσάει ο αγέρας της αδικίας
Φαρμακερός κυλάει κι αργά κι αργά απλώνει
Τις χώρες τις εισβάλλει, διώχνει τη δημοκρατία
Το δίκαιο τσακίζει, το μπόι του ανθρώπου μειώνει.

Της εξουσίας τα τείχη αύριο θα γκρεμιστούνε
Των λαών των τυφλών τα μάτια θα πρωτανοίξουν
Φώς θ´αστραποβολεί, σκοτάδια θα ξεφανιστούνε
Της ανταρσίας στο τέλος τα πνεύματα θα φυσήξουν.

Πάνω στη γης φυσάει ο αγέρας της αδικίας
Φαρμακερός κυλάει κι αργά κι αργά απλώνει
Τις χώρες τις εισβάλλει, διώχνει τη δημοκρατία
Το δίκαιο τσακίζει, το μπόι του ανθρώπου μειώνει.

Πάνω στη γης φυσάει ο αγέρας της αδικίας
Φαρμακερός κυλάει κι αργά κι αργά απλώνει,
Αλλά τα σπόρα φέρνει και η ζωή φυτρώνει
Κι αντάμα της το ξέρουμε θα´ρθει κ´η λαοκρατία.

inviata da Gian Piero Testa - 13/11/2013 - 00:09


Ci avevo già provato a cominciarla in greco, Gian Piero, e ne avevo tradotto già un paio di strofe. Poi mi sono...bloccato, ma è una cosa che a volte mi prende, la traduzione è qualcosa di spaventosamente "umorale" per me. Quindi hai fatto benissimo a tradurla in greco tu, anche perché sinceramente ci tenevo parecchio. Naturalmente, poi, da par tuo...

Approfitto di questo commento anche per comunicare che ho caricato sul Tubo il video dell'interpretazione recente di questa canzone da parte de Les Anarchistes, di cui ho parlato nell'introduzione.

Riccardo Venturi - 18/11/2013 - 10:31


Les Anarchistes interpretano "Inghjustizia"
Les Anarchistes cantanu l' Inghjustizia di l'Arcusgi

Firenze, 3 novembre 2013, "Canzoni contro la Guerra" al Teatro Affratellamento

Riccardo Venturi - 18/11/2013 - 14:28


Un video di "Inghjustizia" per Yvan Colonna

Riccardo Venturi - 18/11/2013 - 15:45



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org