Lingua   

Li soprani der Monno vecchio

Giuseppe Gioacchino Belli
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Amoroma
(Adriano Bono)
So' Rugantino
(Radici nel Cemento)
A Cristo
(Antonello Venditti)


‎[1832]‎
Versi del grande poeta romano – che qui si firmava “Pepp’er tosto” - dai “Sonetti romaneschi”.‎
Musica di Adriano Bono, dallo spettacolo “Adriano Bono e La Banda De Piazza ‎Montanara”, da cui è stato tratto anche un disco intitolato “996 vol.1 – I Sonetti romaneschi di G. G. ‎Belli”.‎

Gioacchino ‎Belli
Gioacchino ‎Belli

996 vol 1

‎“«Io sò io, e vvoi nun zete un cazzo», uno dei versi più noti di Belli. Ancora oggi capace di ‎sintetizzare in undici sillabe il rapporto tra l'autorità, i potenti - da una parte - e i sudditi, il popolo - ‎dall'altra.” (Adriano ‎Bono)
C’era una vorta un Re (1) cche ddar palazzo
mannò ffora a li popoli st’editto:
‎«Io sò io, e vvoi nun zete (2) un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve (3) a ttutti a un tant’er mazzo:
Io, si vve fo impiccà nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
o dde Papa, o dde Re, o dd’Imperatore,
quello nun pò avé mmai vosce in capitolo».

Co st’editto annò er Boja pe ccuriero,
interroganno tutti in zur tenore;
e arisposeno tutti: «È vvero, è vvero».‎
Note autografe di Belli, dai Sonetti ‎romaneschi:‎

(1) - C’era una volta un Re, c’era una volta una Regina, è il principio generale di ogni favola che dal ‎popolo si racconta.
(2) - Non siete.
(3) - Posso vendervi.‎

inviata da Bernart - 30/10/2013 - 12:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org