Lingua   

Dove sei stato mio bel Alpino?‎

anonimo
Lingua: Italiano (Veneto)


Ti può interessare anche...

Preghiera del Marine
(Michele Luciano Straniero)
Siam prigionieri
(anonimo)


‎[1915-16]‎
Da “Canti della Grande Guerra”, due volumi a cura di A. Virgilio Savona e ‎‎Michele L. Straniero, Garzanti, 1981.‎

B00000201

B00000203


Le strofe che ho indicate tra parentesi e in corsivo fanno parte della versione estesa del canto, che ‎però normalmente terminava con “ma i tuoi colori ritorneranno questa sera a far l'amor”…‎
La Celestina in camicetta,
la Celestina, in camicetta
che ricama rose e fior.‎
‎ ‎
Vieni da basso, o Celestina;
vieni da baso, o Clestina,
ch’è rivà il tuo primo amor…‎
‎ ‎
Sì, l’è rivato ieri sera,
sì l’è rivato ieri sera,
con la corsa del vapor…‎
‎ ‎
Se l’è rivato lassè ch’el riva
se l’è rivato lassè ch’el riva
mi son pronta a far l’amor.‎
‎ ‎
Dove sè stato, mio bel Alpino;
dove sè stato, o bel Alpino,
che ti ha cambià color?‎
‎ ‎
L'è stata l'aria dell' Ortigara;
l'è stata l'aria dell'Ortigara,
che mi ha cambià color!‎
‎ ‎
Sul Monte Nero c'è una tormenta,
sul Monte Nero c'è una tormenta
che mi ha cambià color
‎ ‎
Là sul Pasubio, c’è un barilotto
là sul Pasubio c’è un barilotto
che mi ha cambià color.‎
‎ ‎
Sul Monte Grappa c'è una ‎bombarda;
Sul Monte Grappa c'è una bombarda
che mi ha cambià color.‎
‎ ‎
E' stato il fumo della mitraglia,
è stato il fumo della mitraglia
che mi han cambià color.‎
‎ ‎
Ma i tuoi colori ritorneranno,
ma i tuoi colori ritorneranno
questa sera a far l'amor.‎
‎ ‎
[A far l’amore, ci vuol vent’anni;
a far l’amore ci vuol vent’anni
e una bambina e del buon vin.‎
‎ ‎
Una bambina appassionata,
una bambina appassionata
e occhi azzurri e cavei d’or.‎
‎ ‎
Si fa l’amore senza malizia,
si fa l’amore con una man in man
e gli occhi volti al ciel.‎
‎ ‎
Lassù nel cielo ci stan le stelle;
si contano tra loro le storielle
nelle notti oscure.‎
‎ ‎
Si contan tante storie d’amore,
ripetono quello che leggono
in fondo ad ogni cuor.‎
‎ ‎
In fondo ad ogni cuore ci son segreti;
solo una mamma e una stella
li san leggere e capir.‎
‎ ‎
O Teresina, sei la mia bella,
guarda nel mio cor, ci troverai
un fiorellin di amor.‎
‎ ‎
Un fiorellino fatto di sogni,
un fiorellino fatto di sogni
e di speranze e di dolor.‎
‎ ‎
Fatto di sogni sognati in cielo,
di dolori patiti in terra
su pei monti a far la guerra. ‎
‎ ‎
Ma i tuoi dolori ti passeranno;
ma i tuoi dolori ti passeranno
questa sera a far l’amor.]

inviata da Bernart - 25/10/2013 - 09:15


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org