Lingua   

Terra de ninguém

Elis Regina


Lingua: Portoghese


Ti può interessare anche...

O Bêbado e a Equilibrista
(Elis Regina)
Jardins de infância
(Elis Regina)


‎[1965]‎
Scritta dai fratelli Marcos e Paulo Sérgio Valle, compositori e liricisti brasiliani, per lo spettacolo ‎‎"A bossa no Paramount"‎
Nel disco dal vivo di Elis Regina e Jair Rodrigues ‎intitolato “2 na Bossa”, pubblicato nel 1965.‎
Poi nell’album di Marcos Valle intitolato “Viola enluarada” del 1968.‎

2 na Bossa

Canzone dedicata al contadino del nordest brasiliano (così come a qualunque contadino ‎latinoamericano), costretto alla fame perché la terra fertile gli è negata, è tutta del latifondista o ‎della multinazionale di turno. Ma cresce la coscienza che la terra non può essere di nessuno se non ‎di chi la lavora: in Brasile il Movimento dos Trabalhadores Rurais Sem Terra nascerà nei primi anni ‎‎80…‎


Sem Terra, fotografia di Danilo De Marco.‎
Sem Terra, fotografia di Danilo De Marco.‎
Segue nessa marcha triste
Seu caminho aflito
Leva só saudade e a injustiça
Que só lhe foi feita desde que nasceu
Pelo mundo inteiro que nada lhe deu

Anda, teu caminho é longo
Cheio de incerteza
Tudo é só pobreza,‎
tudo é só tristeza
Tudo é terra morta
Onde a terra é boa
O senhor é dono
Não deixa passar

Pára no fim da tarde
Tomba já cansado
Cai o nordestino
Reza uma oração
Pra voltar um dia
E criar coragem
Pra poder lutar pelo que é seu

Mas, um dia vai chegar
Que o mundo vai saber
Não se vive sem se dar
Quem trabalha é quem tem
Direito de viver
Pois a terra é de ninguém

inviata da Bernart - 13/5/2013 - 11:55



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Meri Lao da “Basta: storia rivoluzionaria dell'America Latina attraverso la ‎canzone”.‎
TERRA DI NESSUNO

Segue in quella marcia triste ‎
il suo penoso cammino. ‎
Ne ricava solo il rimpianto e l’ingiustizia ‎
che solo ha ricevuto da quando nacque ‎
dal mondo intero che niente gli diede.‎

Percorre il suo lungo cammino, ‎
pieno di incertezza. ‎
Non c'è che povertà, ‎
non c'è che tristezza, ‎
non c'è che terra morta. ‎
Là dove la terra è buona ‎
il signore è padrone
non lascia passare

Si ferma alla fine della giornata, ‎
cade ormai stanco
crolla il nordestino, ‎
dice una preghiera, ‎
per tornare un giorno ‎
e avere il coraggio
di poter lottare per ciò che è suo. ‎

Ma arriverà il giorno ‎
in cui il mondo saprà:‎
non si vive senza darsi! ‎
Solo chi lavora ‎
ha il diritto di vivere ‎
ché la terra è di nessuno!‎

inviata da Bernart - 13/5/2013 - 11:55


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org