Lingua   

Maliritta carni

Cesare Basile
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Canzuni addinucchiata
(Cesare Basile)
Caminanti
(Cesare Basile)
Poesia facile
(Massimiliano Larocca)


[2013]

Album : Cesare Basile

Testo e musica di Cesare Basile
Prodotto e suonato da Cesare Basile, Luca Recchia, Massimo Ferrarotto, Rodrigo D'Erasmo, Enrico Gabrielli, Andrea "Fish" Pesce , Marcello Caudullo, Marco Iacampo, Guido Andreani.

cesare-basile-musica-s t

La carne maledetta degli ultimi, la carne che cuoce sotto il sole e non può gridare. Quelli che una volta erano i lavoratori di giornata, sfruttati da padroni e caporali, sono oggi gli immigrati che arrivano dall'altra parte del mare, accusati di rubare le bucce lasciate dai Signori.


Album Cesare Basile (2013)

A quasi due anni di distanza dal precedente album "Sette pietre per tenere il diavolo a bada" (urtovox 2011) ecco tornare CESARE BASILE con un pugno di 10 ottime canzoni,per nulla rassicuranti o piegate al benché minimo bisogno di assecondare chissà quale trend cantautorale dell'ultima ora.
Conosciamo bene Basile,un vero outsider,un fuoriclasse che brilla nel novero dei grandi autori italiani per l’eleganza,la classe e il modo,pur se cruento e "sanguinario", con cui continua a raccontarci la sua musica e le sue storie. Storie questa volta frutto del suo ritorno in Sicilia,del suo impegno nell’ambito dell’Arsenale (federazione siciliana per le arti e la musica) e del teatro Coppola occupato di Catania.

Introduzione e sfida - Parangelia (per Katerina Gogou) - Canzuni addinucchiata - Nunzio e la libertà - Maliritta carni - Minni spartuti - L’Orvu - Caminanti - Lettera di Woody Guthrie al giudice Thayer - Sotto i colpi di mezzi favori

Vènunu 'i jurnatàri
s'agghjùttunu la fami
e 'mprìnunu la morti,
vènunu 'i jurnatàri
di 'đđa banna 'ô mari

Scaljàtici 'i sacchètti
s'avìssinu arrubbàri
'i scorci dî patrùna
vènunu 'i jurnatàri
'i 'đđa banna 'ô mari

Ah, malirìtta 'a carni
ca coci sutta 'u suli
malirìtta carni..

Ô funnu dî tabúti
cu l'ossa schitti e 'i manu
a l'àrvulu 'nchiuvàti
préjunu 'i jurnatàri
di passari 'u mari

Scaljàtici 'i sacchètti
s'avìssinu arrubbàri
'i scorci di dumani
vènunu 'i jurnatàri
di 'đđa banna ô mari

Ah, malirìtta 'a carni
ca nun pò fari vuci
malirìtta 'a carni,
malirìtta 'a carni...

inviata da adriana e Giorgio - 25/4/2013 - 08:51



Lingua: Italiano

Versione italiana
SOLO CARNE MALEDETTA

Vengono (da lontano) i lavoratori di giornata
e ingoiano soltanto la fame
ma fecondano anche la morte..
i lavoratori di giornata provengono
dall'altra parte del mare

Controllategli le tasche
se per caso avessero rubato
le briciole dei padroni..
ché i lavoratori di giornata giungono
dall'altra parte del mare

Ah, maledetta è quella carne
che suda sotto il sole
Maledetta è quella carne

Al fondo delle loro bare
con le sole ossa e le mani
inchiodate all'albero
i lavoratori di giornata pregano
di oltrepassare il mare

Frugategli nelle tasche
se per caso avessero rubato
perfino le briciole di domani
ché i lavoratori di giornata provengono
dall'altra parte del mare

Ah, maledetta è quella carne
che non può protestare,
maledetta è quella carne,
maledetta è quella carne..

inviata da giorgio - 29/4/2013 - 13:22


Ah! Lingua: Siciliano.
Quale italiano !?!?!!

Stavo cercando di scrivere meglio 'sta canzone e magari di tradurla..
Ma a 'sto punto mi dichiaro offeso e.. vado in sciopero.(!)

giorgio - 25/4/2013 - 09:37


Correzione della lingua effettuata, sciopero revocato. Scusa, Adri, ma "Marilitta"(?)... peraltro solo nel titolo...
è vero che in lingua sicula abbiamo metatesi molto ricorrenti, ma questa non l'ho mai sentita..

giorgio - 28/4/2013 - 13:15


Corretto, ma è sbagliato pure su Wikipedia!! ;)

Lorenzo - 28/4/2013 - 16:02



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org