Lingua   

Pirati del ventesimo secolo

Dzilda Mazikaite
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Quand Viêt-Nam s'appelait Indochine
(Anne Vanderlove)
Te bomby lecą na nasz dom
(Blackout)
Hallå där bonde
(Knutna Nävar)


Si tratta della traduzione italiana di una canzone russa (dell'artista lituana Dzilda Mazikaite) il cui titolo originale è Пираты двадцатого вeка. Purtroppo non siamo riusciti a reperire il testo originale russo, ma proseguiremo come sempre le ricerche. Inseriamo per il momento soltanto la traduzione italiana proveniente da La musica dell'altra Italia, sezione canzoniere internazionale, a sua volta riportata nel disco "Generazione Vietnam". [RV]
Nel cielo sfrecciano gli aerei
si lanciano a distruggere le dighe
le fiamme avvolgono il tutto
scuole, villaggi e palme.

Ma i pirati del ventesimo secolo
non toglieranno al Vietnam il suo cielo
non toglieranno al Vietnam il suo sole
non gli toglieranno la sua secolare libertà.

Giorno e notte, giorno e notte
il mondo ripete ostinato
giù le mani, giù le mani, giù le mani
da tutto il Vietnam!

È stato inutile con precisione colpire
il cuore diventò partigiano.
Non si porta via il cielo al Vietnam
Non si porta via il sole al Vietnam.

Nel cielo sfrecciano gli aerei
ma essi non raggiungeranno il Vietnam
perché non portano la libertà
perché non portano la ragione umana.

Ma i pirati del ventesimo secolo
non toglieranno al Vietnam il suo cielo
non toglieranno al Vietnam il suo sole
non gli toglieranno la sua secolare libertà.

inviata da Riccardo Venturi - 10/8/2006 - 21:28



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org