Lingua   

Tute le sére 'ndo ‘n lèi sènsa mangià

anonimo


Lingua: Italiano (Lombardo Bergamasco)


Ti può interessare anche...

Mario il musicista
(Sandra Boninelli)
Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]
(Hans Leip)
Fogli volanti
(Sandra Boninelli)


‎[1942]‎
Raccolta da Riccardo Schwamenthal a Bergamo dagli informatori Piero Soglian, Ornella Nardari, ‎Gianpiero Bossi, 23 novembre 1965.‎
Si tratta di una delle tante parodie dell’immortale Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens], incisa in italiano nel 1942 da Lina‎
Termini con l’orchestra Angelini. ‎
Inserita nel brano intitolato “Strofette satiriche” di ‎‎Sandra Boninelli, nell’album “Legàmi” del 2005.‎

legami
Tute le sére 'ndo ‘n lèi sènsa mangià
perché 'l Benito 'l m’à dit de risparmià,
mentre i inglés i mangia 'l rost
i Italià i cicia i òs
per tè sucù de lègn
sta 'n pé söl dit marmèl.‎

inviata da Dead End - 14/3/2013 - 11:08




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Sandra Boninelli
TUTTE LE SERE VADO A LETTO SENZA MANGIARE

Tutte le sere vado a letto senza mangiare
perché Benito ha detto di risparmiare
mentre gli inglesi mangiano l’arrosto
gli italiani rosicchiano le ossa
per te zuccone di legno
stare in piedi sul dito alluce‎

inviata da Dead End - 14/3/2013 - 11:09




Lingua: Italiano (Lombardo)

Altra parodia italiana di Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens], anche questa lombarda.‎
Testo trovato su Quella fame terribile tra fascismo e guerra, di Filippo Colombara, in Studi ‎sulla Resistenza, ANPI.‎
TUTTE LE SERE ’NDÀ IN LETT SENSA MANGIAR‎

Tutte le sere ’ndà in lett sensa mangiar‎
e la matina a un’ora andà a lavorar,‎
dopu mezz dì, patati e ris
e ’noster dus el fa on sorìs...‎
Evviva l’italian
c’un et e mezz de pan

inviata da Dead End - 14/3/2013 - 11:10




Lingua: Italiano

Traduzione italiana della parodia lombarda da ‎‎Quella fame terribile ‎tra fascismo e guerra, di Filippo Colombara, in Studi sulla Resistenza, ANPI.‎
TUTTE LE SERE ANDARE A LETTO SENZA MANGIARE

Tutte le sere andare a letto senza mangiare
e la mattina all’una andare a lavorare,‎
dopo mezzogiorno, patate e riso‎
e il nostro duce fa un sorriso…‎
Evviva l’italiano
con un etto e mezzo di pane

inviata da Dead End - 14/3/2013 - 11:11




Lingua: Italiano (Piemontese)

Ancora una parodia di Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens], questa in piemontese dal cuneese.‎
Testo trovato su Quella fame terribile tra fascismo e guerra, di Filippo Colombara, in Studi ‎sulla Resistenza, ANPI.‎
‎“La Bella Gigogìn” è una canzone patriottica italiana risalente alla seconda guerra d’indipendenza.‎
QUAND CH’AS CANTAVA LA BÉLA GIGÖGÌN

Quand ch’as cantava la Béla Gigögìn
‎’nsima le tàule as mangiava i tajarin
Adès ca véini Lilì Marlen
la pansa vöja e ’l tübu pièn.‎
Ma mì Lilì Marlen
ma mì Lilì Marlen

inviata da Dead End - 14/3/2013 - 11:14




Lingua: Italiano

Traduzione italiana della parodia piemontese da ‎‎Quella fame terribile ‎tra fascismo e guerra, di Filippo Colombara, in Studi sulla Resistenza, ANPI.‎
QUANDO SI CANTAVA LA BELLA GIGÒGIN

Quando si cantava la Bella Gigògin
sopra la tavola si mangiavano le tagliatelle
Adesso che viene Lilì Marleen,‎
la pancia è vuota, le scatole piene.‎
Ma a me Lilì Marleen‎
ma a me Lilì Marleen…‎

inviata da Dead End - 14/3/2013 - 11:14


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org