Lingua   

Ta senterét che ròba o Rosa stèla

anonimo


Lingua: Italiano (Lombardo Bergamasco)


Ti può interessare anche...

Mario il musicista
(Sandra Boninelli)
Basta guère
(Luciano Ravasio)
Lasèmela andà
(Sandra Boninelli)


‎[1942]‎
Raccolta da Cesare Bermani a Zogno (BG) dall’informatrice Enrica Calvi, maggio 1964.‎

Si tratta di una parodia antifascista della canzoncina “Rosabella del Molise”, incisa nel 1942 da ‎Ernesto Bonino e Silvana Fioresi.‎
Inserita nel brano intitolato “Strofette satiriche” di ‎‎Sandra Boninelli, nell’album “Legàmi” del 2005.‎

legami
Ta senterét che ròba o Rosa stèla
che pitansèla che 'l vén föra de lì ‘nscì
quan’ sarà ben bé rüstì.
Rosa stèla sta a sentir,
ciapa 'l Duce e fal rüstì
che 'l bötér ghe 'l mète mi,
l'ó comprat incö al mesdì.
con conturno de spinàs
te ghe agiünget öna Petàs
e con quater fasulì,
Farinacci e fa bulì [e Pavulìn].‎

Ta senterét che ròba o Rosa stèla
che pitansèla che 'l ven föra de lì ‘nscì
quan ' sarà bèn bé rüstì.‎

inviata da Dead End - 14/3/2013 - 10:46



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Sandra Boninelli
SENTIRAI CHE ROBA, ROSA STELLA

Sentirai che roba, Rosa stella
che pietanza uscirà da lì
quando sarà ben arrostita

Rosa stella, stai a sentire:‎
prendi il duce fallo arrostire
che il burro lo metto io
l’ho comprato oggi a mezzodì ‎
con contorno di spinaci
aggiungi una Petacchi
con quattro fagiolini
Farinacci e fai bollire [e Pavolini].‎

Sentirai che roba, Rosa stella
che pietanza uscirà da lì
quando sarà ben arrostita

inviata da Dead End - 14/3/2013 - 10:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org