Lingua   

Bim Bam Bom

anonimo


Lingua: Italiano (Emiliano)


Ti può interessare anche...

Al Têrz Inpêr
(Malnàtt)
S'ciòp e Picòun
(Modena City Ramblers)


Canzone raccolta a Scandiano, Reggio Emilia, e arrangiata da Fedele Fantuzzi (1956-), attualmente ‎direttore del Coro La Baita di Scandiano.‎
Il testo però l’ho trovato nel repertorio di un altro coro emiliano, quello dei ‎‎Castellani della Valle di Crevalcore, Bologna, ‎diretto dal maestro Gian Marco Grimandi, che hanno proposto il brano nel loro disco intitolato “Da ‎sole a sole - canti di lavoro della tradizione popolare”‎

Da sole a ‎sole - canti di lavoro della tradizione popolare‎


L'impotenza di un contadino nei confronti del suo padrone trova sfogo in questo canto. Non si tratta ‎però di una vera protesta in quanto il contadino parla a sè stesso, accorgendosi di essere un "gran ‎caiòn", “un gran coglione”, vittima dello sfruttamento più totale.‎
Al vilan ciapa la sapa
và sapèr al furmintòun
al lavora ca 'l s'amasa
per mantgnir al sò padròun.
Sò muiéra 'lla matèina
tò sù 'l fèr e la va sghèr
che 'l padròun con la sò sgnòura
‎'l va in ti camp a passeggèr.‎

Bim bam bom
té vilan t'é un gran caiòn
se 'l padròun vol da magnèr
dégh' cal vaga a lavurèr.‎

Quand a sòm là per Nadél
al vilan mètt' sò 'l grumbiél
al prepèra un per capòun
da purter al sò padròun.
Quand ariva al tèimp dal fitt
al padròun l'é là cal ridd
agh pianta sò 'na mucià ed ciacèr
ciapa i sòld el và teatèr.‎

Bim bam bom
té vilan t'é un gran caiòn
se 'l padròun vol da magnèr
dégh' cal vaga a lavurèr.‎

Té vilan ciapa la fèra
và in ti camp a sghèr al fèin
che 'l padròun còn la tò sgnòura
agh fà un mucc ed complimèint:
agh piés i pir, agh piés i pòm,
agh piés anca al bèli dònn
lò 'l t'aiuta a fer famìa
pò pèr péga at manda via.‎

Bim bam bom
té vilan t'é un gran caiòn
se 'l padròun vol da magnèr
dégh' cal vaga a lavurèr.‎

inviata da Dead End - 13/3/2013 - 17:40



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dal sito del Coro Castellani ‎della Valle
BIM BAM BOM

Il contadino prende la zappa
va a zappare il granoturco
lavora da ammazzarsi
per mantenere il suo padrone.‎
Sua moglie alla mattina
prende la falce e va a tagliare il fieno
mentre il padrone con la sua signora
va nei campi a passeggiare.‎

Bim bam bom
tu, contadino, sei un gran coglione
se il padrone vuol da mangiare
digli che vada a lavorare.‎

Quando siamo per Natale
il contadino si mette il grembiale
e prepara un paio di capponi
da portare al suo padrone.‎
Quando viene il momento dell'affitto
il padrone è là che ride
gli racconta un mucchio di chiacchiere
prende i soldi e va a teatro.‎

Bim bam bom
tu, contadino, sei un gran coglione
se il padrone vuol da mangiare
digli che vada a lavorare.‎

Tu contadino prendi la falce
va nei campi a tagliare il fieno
mentre il padrone alla tua bella
fa un mucchio di complimenti:‎
gli piacciono le pere, gli piacciono le mele,
gli piacciono anche le belle donne
lui ti "aiuta" a far famiglia,
poi, per paga, ti licenzia.‎

Bim bam bom
tu, contadino, sei un gran coglione
se il padrone vuol da mangiare
digli che vada a lavorare.‎

inviata da Dead End - 13/3/2013 - 17:40


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org