Lingua   

Devento mata in fabrica

Canzoniere Popolare Veneto
Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)


Ti può interessare anche...

Indiani
(Pitura Freska)
Ilegal, ¿Y Qué?
(Los Crudos)
Mi voria saver
(Gualtiero Bertelli)


‎[1973]‎
Con Alberto D'Amico, Emanuela Magro, Luisa Ronchini



Il testo della prima strofa e la musica sono stati scritti da alcuni militanti della sezione "Che ‎Guevara" della Giudecca (Venezia). Il brano è stato poi completato dal gruppo musicale del ‎Comitato Femminista di Padova (da Il ‎Deposito)‎
Devento mata in fabrica
coi ritmi e 'l sfrutamento
come se no bastasse
fasso el straordinario
‎ ‎
Dopo tute ste ore
arivo a la Giudeca
e trovo e case in tochi
co le fogne che vien su
da la pavimentasiòn
‎ ‎
Devento mata in casa
drio ai fioi e a me marìo
che da mi vol tuto
presto a cusinar!‎
‎ ‎
E a russàr dapartuto
coi muri che va in frègoe
el cesso che sprofonda
e che nol vien mai neto
‎ ‎
Mi go sto bel lavoro
xontà a queo in fabrica
solo perchè son donna
mi go da lavorar
par vinti ore al dì
‎ ‎
Le ore de la fabrica
i me paga de manco
che se fussi un omo
E a netar el cesso
lo go da far gratis
solo perchè son donna
perchè son donna

inviata da Dead End - 12/3/2013 - 09:48


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org