Lingua   

Don Juan

Georges Brassens


Lingua: Francese


Ti può interessare anche...

Les Quat'z'arts
(Georges Brassens)
Amour, liberté, vérité
(Pierre Perret)
Totenweg
(Pardo Fornaciari)


brasschat
[1976]
Testo e musica di Georges Brassens
Paroles et musique de Georges Brassens
Lyrics and music by Georges Brassens
D'après/dall'album "Don Juan", n° 12 della serie "Liuteria".

Georges Brassens: Don Juan, 1972, album n° 12 della serie "liuteria".
Georges Brassens: Don Juan, 1972, album n° 12 della serie "liuteria".


Nessuna canzone di Georges Brassens è mai una cosa sola. Così questa "Don Juan", una delle sue canzoni più tarde pubblicata nell'ultimo (e omonimo) album uscito quando era ancora in vita. Di solito, "Don Juan" viene definita una delle numerosi canzoni brassensiane in cui l'ateo e l'anarchico esprime il suo eterno sentimento di "carità" (a scelta di ognuno se far seguire a questo sostantivo l'aggettivo "cristiana"), ma io preferisco senz'altro definirla la canzone di tutti coloro che non intendono, magari con un piccolo ma importante gesto di ribellione, sottostare ai dettami, agli ordini, alle imposizioni delle masse. Va da sé che vi trovano spazio, e come dubitare in una canzone di Brassens, dei riferimenti antimilitaristi; ma se dovessi darle un sottotitolo, la chiamerei la "Canzone della disobbedienza". [RV]
Gloire à qui freine à mort, de peur d'écrabouiller
Le hérisson perdu, le crapaud fourvoyé
Et gloire à don Juan, d'avoir un jour souri
A celle à qui les autres n'attachaient aucun prix
Cette fille est trop vilaine, il me la faut

Gloire au flic qui barrait le passage aux autos
Pour laisser traverser les chats de Léautaud
Et gloire à don Juan d'avoir pris rendez-vous
Avec la délaissée, que l'amour désavoue
Cette fille est trop vilaine, il me la faut

Gloire au premier venu qui passe et qui se tait
Quand la canaille crie haro sur le baudet
Et gloire à don Juan pour ses galants discours
A celle à qui les autres faisaient jamais la cour
Cette fille est trop vilaine, il me la faut

Et gloire à ce curé sauvant son ennemi
Lors du massacre de la Saint-Barthélémy
Et gloire à don Juan qui couvrit de baisers
La fille que les autres refusaient d'embrasser
Cette fille est trop vilaine, il me la faut

Et gloire à ce soldat qui jeta son fusil
Plutôt que d'achever l'otage à sa merci
Et gloire à don Juan d'avoir osé trousser
Celle dont le jupon restait toujours baissé
Cette fille est trop vilaine, il me la faut

Gloire à la bonne sœur qui, par temps pas très chaud
Dégela dans sa main le pénis du manchot
Et gloire à don Juan qui fit reluire un soir
Ce cul déshérité ne sachant que s'asseoir
Cette fille est trop vilaine, il me la faut

Gloire à qui n'ayant pas d'idéal sacro-saint
Se borne à ne pas trop emmerder ses voisins
Et gloire à don Juan qui rendit femme celle
Qui, sans lui, quelle horreur, serait morte pucelle
Cette fille est trop vilaine, il me la faut.

inviata da Riccardo Venturi - 8/8/2006 - 12:54




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
8 agosto 2006
DON GIOVANNI

Gloria a chi tira un'inchiodata per paura di maciullare
il riccio sperduto, il rospo fuori strada!
E gloria a Don Giovanni per avere un giorno sorriso
a quella di cui tutti quanti se ne fregavano!
Questa ragazza è troppo brutta, io la voglio.

Gloria al vigile che faceva fermare le macchine
per far attraversare i gatti di Léautaud!
E gloria a Don Giovanni per aver preso appuntamento
con quella trascurata, rinnegata dall'amore.
Questa ragazza è troppo brutta, io la voglio.

Gloria al primo venuto che passa e non dice niente
quando la canaglia inveisce addosso a qualcuno.
E gloria a Don Giovanni per le sue galanterie
a quella cui nessuno faceva mai la corte!
Questa ragazza è troppo brutta, io la voglio.

Gloria a quel parroco che salvò il suo nemico
quando ci fu il massacro della notte di S.Bartolomeo!
E gloria a Don Giovanni che ricoprì di baci
la ragazza che tutti si rifiutavano di baciare!
Questa ragazza è troppo brutta, io la voglio.

Gloria a quel soldato che buttò via il fucile
piuttosto che finire l'ostaggio nelle sue mani!
E gloria a Don Giovanni per aver osato alzare
la sottana alla ragazza che ce l'aveva sempre abbassata!
Questa ragazza è troppo brutta, io la voglio.

Gloria alla monaca, che in stagione non certo calda
sghiacciò nella sua mano il cazzo del monco.
E gloria a Don Giovanni che fece splendere una sera
quel culo diseredato che sapeva solo mettersi a sedere!
Questa ragazza è troppo brutta, io la voglio.

Gloria a chi, non avendo ideali sacrosanti,
si limita a non rompere troppo le scatole ai vicini!
E gloria a Don Giovanni per aver reso donna
quella che, orrore!, senza di lui sarebbe morta vergine.
Questa ragazza è troppo brutta, io la voglio.

8/8/2006 - 13:18




Lingua: Italiano

La versione italiana scritta e cantata da Pardo Fornaciari. Viene definita "in vernacolo livornese"; ma, in realtà, almeno nella sua forma scritta non ha niente del vernacolo livornese, a parte qualche rara espressione. Ciò non ne sminuisce ovviamente il valore. E' tratta dal Pornografo. [RV]
GLORIA A DON GIOVANNI!

Gloria a chi sbanda e frena
e per non provar pena
non schiaccia, poverino,
un riccio o un uccellino!

Ma gloria a Don Giovanni che -
- che con passion baciò
quel volto coi foruncoli
che nessun mai più guardò

Quella racchia, poverina, io me la fo
quello scorfano di bimba felice farò!

Gloria a quel partigiano che -
- che lasciò andare via
colui che da squadrista
gli massacrò la zia

E onore a Don Giovanni che -
- che iniziò al piacere
lo sventurato culo
buono soltanto a sedere.

Quella racchia, poverina, io me la fo
quello scorfano di bimba felice farò!

Gloria a quel prete che
nascose in sacrestia
l’ebreo che le esse esse
volevan portar via

E viva Don Giovanni che
rese femmina viva
quella che senza lui
da vergine moriva

Quella racchia, poverina, io me la fo
quello scorfano di bimba felice farò!

Viva il carabiniere che
non fece il tiro a segno
contro quel ladro che
gli sottrasse un assegno

E viva Don Giovanni che
- che alla matura dama
che ormai non ci sperava più
la gonna tirò su!

Quella racchia, poverina, io me la fo
quello scorfano di bimba felice farò!

Che in paradiso vada lei
quella crocerossina che
al mutilato delle mani
pensò a scaldar l’uccel

E viva Don Giovanni che
fece la corte e amò
la storpia in carrozzina
che nessun mai più toccò

Quella racchia, poverina, io me la fo
quello scorfano di bimba felice farò!

inviata da Riccardo Venturi - 3/12/2007 - 23:16




Lingua: Italiano

Versione italiana di Alberto Patrucco

Alberto Patrucco
DON GIOVANNI

Gloria a chi frena a fondo e cerca di evitare
Il riccio spaesato, il rospo da schiacciare
E gloria a Don Giovanni che a lei sorrise un giorno
A quella che nessuno voleva mai d’intorno
Questa donna è troppo brutta fa per me.

Gloria al buon agente per l’altolà alle auto
Che ha fatto attraversare il bastardino incauto
E Gloria a Don Giovanni per quell’appuntamento
Preso con quella tale col cuore sempre spento
Questa donna è troppo brutta fa per me.

Gloria a chi non ci sta e giudica meschina
La folla quando urla “ci vuol la ghigliottina”
E gloria a Don Giovanni che seppe corteggiare
Lei che nessuno mai tentò di rimorchiare
Questa donna è troppo brutta fa per me.

Gloria al curato che non fece distinzione
Salvando l’infedele dalla deportazione
E gloria a Don Giovanni per aver ben baciato
La donna che nessuno aveva mai toccato
Questa donna è troppo brutta fa per me.

Gloria a quel soldato armato di coraggio
Che abbassò il fucile e risparmiò l’ostaggio
E gloria a Don Giovanni che un giorno osò alzare
La gonna che nessuno pensava di sfilare
Questa donna è troppo brutta fa per me.

Gloria alla suora che al monco infreddolito
Scaldò con la sua mano il pene intirizzito
E gloria a Don Giovanni che un dì volle vedere
Quel culo bisognoso usato solo per sedere
Questa donna è troppo brutta fa per me.

Gloria a chi non impone un dogma a tutti quanti
E ascolta il dubbio e non certezze deliranti
E gloria a Don Giovanni che rese donna quella
Che senza lui, che orrore, moriva verginella
Questa donna è troppo brutta fa per me.

inviata da Paola - 3/10/2013 - 11:45




Lingua: Russo

La versione russa, da brassens.ru
ДОН ЖУАН

Честь тем, кто тормозит, собой не дорожа
Только б не раздавить жабу или ежа
Честь тебе Дон Жуан: ты счел, что хороша
Та, за кого другой не дал бы ни гроша
Пусть собой она дурна, по мне она

Честь и жандарму! Смог остановить он все
Авто, чтоб для котов освободить шоссе
Честь тебе Дон-Жуан: назначил рандеву
Ты той, кого любовь обходит за версту
Пусть собой она дурна, по мне она

Честь путнику тому, что встретив беглеца
Не стал его ловить в угоду подлецам
Честь тебе Дон Жуан: ты среди всех парней
Был первым, кто посмел пройтись под ручку с ней
Пусть собой она дурна, по мне она

Честь бравому кюре, что скрыл, не выгнал прочь
Дома еретика в Варфаломея ночь
Честь тебе Дон Жуан: ты с жадностью припал
К губкам, что до тебя никто не целовал
Пусть собой она дурна, по мне она

Честь пехотинцу, что пленника к стенке пнул
Но, взявши на прицел, винтовку отшвырнул
Честь тебе Дон Жуан: ты ей задрал подол
Что делал до тебя лишь ветер балабол
Пусть собой она дурна, по мне она

Честь деве, что в руках своих, попавши в плен
Тому, кто был безрук, грела озябший член
Честь тебе Дон Жуан ты заголил тот зад,
Что кроме как сидеть не знал других услад
Пусть собой она дурна, по мне она

Честь всем, кто не служа теориям большим,
Старался не мешать спокойно жить другим
Честь тебе Дон Жуан, ты сделал так, что впредь
Девушке не грозит невинной умереть
Пусть собой она дурна, по мне она

inviata da Riccardo Venturi - 13/12/2007 - 14:15




Lingua: Spagnolo

La versione spagnola proveniente da www.brassensenespanol.net
DON JUAN

Gloria al que frena en seco, para no aplastar
Al erizo perdido, al sapo extraviado!
¡Y gloria a don Juan, por haber sonreído un día
A la que los demás no concedían ninguna importancia!.
Esta chica es muy vulgar, la quiero para mí.

¡Gloria al policía que frena el paso a los coches
para dejar pasar a los gatos de Léataud!
¡Y Gloria a don Juan por haberse citado
con la abandonada, a la que se le niega el amor!
Esta chica es muy vulgar, la quiero para mí.

¡Gloria al ese que pasa y que se calla
cuando la canalla grita “¡aplastemos al débil!”
¡Y Gloria a don Juan por sus galantes discursos
a la que los otros nunca hacen la corte!
Esta chica es muy vulgar, la quiero para mí.

¡Y gloria a ese cura que salva a su enemigo
en la masacre de San Bartolomé!
¡Y gloria a don Juan que cubrió de besos
a la chicas que los otros no querían besar!
Esta chica es muy vulgar, la quiero para mí.

¡Y gloria a ese soldado que tiró su fusil
antes que matar al rehén a su voluntad!
¡Y gloria a don Juan por haber remangado
la falda a la que siempre la tenía bajada!
Esta chica es muy vulgar, la quiero para mí.

¡Gloria a la monja que, cuando hace mucho frío,
descongela en su mano el pene del manco!
¡Y gloria a don Juan que hizo relucir una noche
el culo desheredado que no sabía más que sentarse!
Esta chica es muy vulgar, la quiero para mí.

¡Gloria al que no teniendo un ideal sacrosanto
se limita a no molestar demasiado a sus vecinos!
¡Y gloria a don Juan que hizo mujer a la que,
sin él, ¡qué horror!, hubiese muerto virgen!.
Esta chica es muy vulgar, la quiero para mí.

inviata da Marcia - 22/2/2008 - 11:28




Lingua: Italiano

Versione italiana di Betto Balon e Salvo Lo Galbo dal sito Le altre canzoni di Brassens in italiano

(MP3 scaricabile)
(Video)
DON GIOVANNI

Glo-ria a chi frena e - sbanda, ma non maciulla,
il rospo o il riccio che - non trovan più la tana.
E gloria a Don Giovanni, che arrise alla fanciulla
Da cui chiunque si teneva alla lontana.

Questa racchia vi ributta? Datela a me!
Vengo io, ragazza brutta, in tua mercé!

Sia gloria al ghisa che anche alle auto-blu
Dava lo stop, per far passare prima i gatti
e gloria a Don Giovanni che diede un rendezvous
a quella scarmigliata, dai vestiti sciatti.

Questa strega vi disgusta? La prendo io,
Vieni, dama non venusta, al letto mio.

Sia gloria allo straniero che non si mette in mezzo,
se sente bestemmiar lo scemo del villaggio.
E gloria a Don Giovanni che riservò ogni vezzo
A quella cui nessuno fece mai un omaggio.

Questa racchia vi ributta? Datela a me!
Vengo io, ragazza brutta, in tua mercé!

Sia gloria al prete che gli eretici nascose
Durante la notte di San Bartolomeo.
E gloria a Don Giovanni, che ricoprì di rose
quella per cui nessun studiava il galateo.

Questa strega vi disgusta? La prendo io,
Vieni, dama non venusta, al letto mio.

Glo-ria al soldato che vuotò la sua mitraglia
Per non finir l'ostaggio di due marmittoni.
E a Don Giovanni che strappò la calzamaglia
A quella con la gonna sotto ai talloni.

Questa racchia vi ributta? Datela a me!
Vengo io, ragazza brutta, in tua mercé!

Glo-ria alla suora che, non badò più a vangeli,
quando scrollò, per riscaldarlo un po', lo storpio.
E gloria a Don Giovanni che mandò ai sette cieli
Un culo che sapeva solo andar di corpo.

Questa strega vi disgusta? La prendo io,
Vieni, dama non venusta, al letto mio.

Sia gloria a chi non ha chissà quali ideali,
ma non sputa nel piatto dei suoi commensali.
E gloria a Don Giovanni, che colse il fior di quella
Che senza lui sarebbe morta ancor pulzella!

Questa racchia vi ributta? Datela a me!
Vengo io, ragazza brutta, in tua mercé!
Questa strega vi disgusta? La prendo io,
Vieni, dama non venusta, al letto mio.

inviata da daniela -k.d.- - 22/9/2008 - 14:51


Manca la versione in italiano molto bella di Alberto Patrucco. Se vi interessa posso riportare il testo!
Colgo l'occasione per complimentarmi con voi per questo splendido sito!! Lo adoro e lo consulto spessissimo

Paola - 19/9/2013 - 10:54


Ciao Paola, certo che ci interessa, e ci interessano anche le altre traduzioni di Alberto delle canzoni presenti in raccolta. Se ci puoi mandare il testo ci farai molto piacere.

CCG Staff - 19/9/2013 - 10:59


Une version québecoise des Vigoureux acochymes... Très jazzy...



Lucien Lane

Lucien Lane - 12/10/2015 - 18:39



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org