Lingua   

Briciole e spine

Modena City Ramblers


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Occupy World Street
(Modena City Ramblers)
Onda libera
(Modena City Ramblers)
Afro
(Modena City Ramblers)



2013
Niente di nuovo sul fronte occidentale
MCR-niente di nuovo

Niente di nuovo sul fronte occidentale è un doppio album studio dei Modena City Ramblers, il tredicesimo della loro carriera. Sono diciotto le canzoni contenute nell'album: scritte, arrangiate e prodotte dai Modena City Ramblers.

Lato A: Niente di nuovo: Niente di nuovo sul fronte occidentale - Occupy World Street - È primavera - C'era Una Volta - La Guèra D'L Baròt - Pasta nera - Fiori d'Arancio e Baci di Caffè - La luna di Ferrara- Beppe e Tore
Lato B: Sul fronte occidentale: Il Violino di Luigi - Due magliette rosse - Tarantella Tarantò - La Strage delle fonderie - Afro - Kingstown Regatta - Il giorno che il cielo cadde su Bologna - Nostra Signora dei Depistati - Briciole e spine



La ballata d’ amore “Briciole e Spine” è invece un brano in cui i Modena City Ramblers parlano della vita precaria di una giovane coppia che si contrappone ai sogni di chi crede ancora nel futuro.
Dal pane delle rose restan briciole e spine,
una lunga attesa per un domani migliore.
Quando il sole tramonta sulle tue labbra socchiuse,
quel sorriso un po' triste vince più di tante parole,
il sudore dei nostri nonni ha sfamato questa terra
e le fabbriche nelle orecchie ancora hanno il rumore.
I nostri padri grazie a Dio ci hanno fatto studiare
a volte anche insegnato cosa vuol dire saper sognare,
ma è difficile riuscirci quando non sai più su che contare,
un tempo si cantava "chi non lavora non fa l'amore";
forse è anche per questo che oggi crescere un bambino
da queste parti è un lusso che tarda ad arrivare..
E i giorni sul calendario si perdono come foglie ammalate d'autunno..
Due pesci smarriti che guardano il mare al di là di ogni ritrovo.

Quante le promesse abbandonate con il tempo,
quanti baci impegnati per ogni stella in cielo;
parlano di mercati,di sfide e competizione,
al mantra che ci ammalia ruba il senso alle parole.
Agli angoli delle strade come negli anni del dopoguerra,
c'è che da per carità o si vende le sue cose,
il nostro amore eroico vissuto in trincea
ci fa sentir padroni di questo pane, di queste rose;
di una terra che ci è madre, ci è maestra e d'amante,
che ci piega anche la schiena ma che mai ci abbandona,
torneranno giorni di festa, dicono rondini e campane
che si abbracciano al tramonto da quando è nata la città,
e i nostri baci allora avranno ancora quel vecchio sapore che ci ubriacava il cuore,
i sogni ad occhi aperti di poesie e di orizzonti,di lacrime... D'amori.

inviata da DonQUijote82 - 13/2/2013 - 14:38



Lingua: Francese

Version française – MIETTES ET ÉPINES – Marco Valdo M.I. – 2013
Chanson italienne - Briciole e spine - Modena City Ramblers – 2013
MIETTES ET ÉPINES

Du pain des roses restent miettes et épines,
une longue attente pour un lendemain meilleur.
Lorsque le soleil se couche sur tes lèvres entrouvertes,
ce sourire un peu triste convainc plus que tant de mots,
la sueur de nos grands-pères a nourri cette terre
et dans nos oreilles les usines font encore du bruit.
Nos pères grâce à Dieu nous ont fait étudier
Et parfois même enseigné ce que veut dire savoir rêver,
Mais réussir est difficile lorsqu'on ne sait sur quoi compter,
Un temps on chantait « Qui ne travaille pas , ne fait pas l'amour » ;
Peut-être même est-ce pour cela qu'aujourd'hui élever un enfant
C'est un luxe qui tarde à venir.
Et se perdent les jours du calendrier feuilles malades de l'automne.
Deux poissons égarés qui regardent la mer au-delà des retrouvailles.

Combien de promesses abandonnées avec le temps,
Combien de baisers engagés pour chaque étoile en ciel ;
Ils parlent de marchés, de défis et de compétition,
Ce mantra qui nous ensorcelle vole le sens de nos mots.
Comme dans les années d'après-guerre, aux coins des rues
On fait la charité ou on vend des choses,
Notre amour héroïque vécu en tranchée
Nous a faits maîtres de ce pain, de ces roses ;
D'une terre qui nous est mère, maîtresse et amante,
Qui nous plie l'échine mais qui jamais nous abandonne,
Les jours de fête reviendront, disent les hirondelles et les cloches
Qui s'embrassent au crépuscule depuis qu'est née la ville,
et alors nos baisers auront encore ce vieux goût qui nous soûlait le cœur,
Rêves aux yeux ouverts de poésie, d'horizons, de larmes…Et d'amours.

inviata da Marco Valdo M.I. - 14/2/2013 - 10:38


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org