Lingua   

W lo zingaro

Presi per caso
Lingua: Italiano (Laziale romanesco)


Ti può interessare anche...

Lamento lamento
(Luc Romann)
Chi mistica mastica
(Il muro del canto)
Mazzetta nera
(Riccardo Scocciante)


Testo e Musica S. Ferraro
C’è che in ‘sta merda de città nun me posso lamenta’
nel senso che sto molto mejo de Fabietto
che è inguaiato in più sta a letto
e ccià venti anni da sconta’
ma si’ me sa’
che adesso esco e faccio un giro
non per caso sto già in tiro
e per essere più fico
pijo l’auto che è di Enrico
su di me già mille sguardi
condominio de bastardi
Senza fare alcun rumore
do’ uno sgaro all’ascensore
il sole, c’è il sole
che sole ma è sole?
no! che sola piove!

Eh com’è strana ‘sta città piena de ‘st’umanità
con certe facce che del cazzo ccianno tutto
e con l’animo distrutto stanno sempre a sbraita’
ma si’ me sa’
ma guarda come cazzo guidi
sei ‘no strozzo che ti ridi?!
e parcheggi in tripla fila
guarda a pizza che t’arriva
senti bello è il turno mio
che te faccio se te pijo
insana voglia de mena’
c’ho bisogno de sfoga’, mena’, grida’…
ma ecco all’improvviso finalmente eccolo là
W lo zingaro!
che sbuca subito
da quel semaforo
per fatte senti’ mejo
e allora insultalo
e allora diglielo
che è uno zingaro
vissuto per la strada apposta lurido
figlio di zingaro
servizio pubblico
per farti rallegrare
per farti ancor sperare
che c’è sempre un qualcuno che puoi ancora bistrattare

Oh se te sposti un po’ de là
forse mi farai passa’
nel senso che nun c’è spazio
e allora…
Oh se te sposti un po’ de là forse mi farai passa’
ma si’ me sa’
finalmente ci si muove
e la cosa me commuove
dura appena sei secondi
di casino te circondi
clacson caos e nervi tesi
stamo qui artrì tre mesi
mo’ de nuovo sto a’ sbrocca’
tanta è ‘a rabbia da sfoga’
Cosa’’ mena’ grida’
Ma ecco all’improvviso finalmente eccolo là!

un altro zingaro!
che sbuca subito
daa quel semaforo
con carta scritta e piglio malinconico
a volte tragico o meglio alcolico
pe’ fatte sì sentirti un po’ più comodo
W lo zingaro
purtroppo l’unico
che sa fartì sembrare
un mondo in cui sperare
che c’è sempre un qualcuno che puoi ancora bistrattare
e l’amico Seidic
ancora mi racconta
di quell’evento tragico
che la sua gente ancora sconta
milioni di fratelli
sbranati da quell’odio
il tutto insabbiato
in un taciuto genocidio
oh guarda quanto è bello lo sporco zingarello
lo sai senza di lui il mondo è ancor più bello
W lo zingaro!
sei uno zingaro!
sei proprio zingaro!
e per fortuna che ci sta lo zingaro!

inviata da DonQuijote82 - 6/12/2012 - 15:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org