Lingua   

E mašina maj piskinel

anonimo


Lingua: Romanes


Ti può interessare anche...

Arlette Humbert-Laroche: On tue
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Giorgio Perlasca
(Sandy Cash)
Andr’oda taboris
(anonimo)


‎[Prima metà degli anni 40]‎

Insieme a Andr’oda taboris è uno dei canti degli zingari internati nei campi di concentramento nazifascisti ‎che il pianista italiano Francesco Lotoro, grazie alla collaborazione della etnomusicologa slovacca ‎Jana Belišová e della ricercatrice israeliana Lena Makarova, ha potuto includere nella monumentale ‎‎enciclopedia musicale “KZ Musik”, 24 cd dedicati alla ‎musica concentrazionaria dagli anni 30 alla fine della seconda guerra mondiale.‎

KZ Musik

KZ MUSIK, prodotta dall’associazione Musikstrasse di Roma, raccoglie musica creata da musicisti ‎di diversa estrazione professionale e artistica, provenienti da qualsiasi contesto nazionale, sociale e ‎religioso: Ebrei, Cristiani, Sinti e Roma e altri del popolo Romanes, Euskaldunak o del popolo ‎basco, Sufi, Quaccheri, Geovisti, comunisti, disabili, omosessuali, prigionieri civili e militari. Le ‎opere furono composte dal 1933 (apertura del KZ Dachau) al 1945 (fine della guerra e liberazione ‎dei Campi) nei campi di prigionia, transito, lavori forzati, concentramento, sterminio, nei ‎penitenziari militari, nei POW Camps, Stalag, Oflag, Dulag aperti da Terzo Reich, Italia, Giappone, ‎Repubblica di Salò, regime di Vichy e altri Paesi dell'Asse e da Gran Bretagna, Francia, Unione ‎Sovietica e altri Paesi Alleati in Europa, Africa settentrionale e coloniale, Asia e Oceania.‎
E mašina maj piskinel,‎
čore Romen maj ladinen.‎
Čore Romen avka roven,‎
bo len ľidžan pre šibeňa.‎

E mašina maj piskinel,‎
čore Romen maj ladinen.‎
Roven, roven, čore Roma
sar len ľidžan pre šibeňa.‎

Roma, Roma, ma roven‎
de, imar pale na avena.‎
Jaj, de mamo so kerava,‎
imar amen murdarena.‎

inviata da Dead End - 21/11/2012 - 15:18



Lingua: Inglese

Traduzione inglese da “Phurikane giľa. ‎Ancient Romany songs” a cura di Jana Belišová, 2005‎
THE TRAIN IS WHISTLING

The train is whistling,‎
poor Romanies are loaded up.‎
Poor Romanies are crying so much
‎‘cause they are taken to the gallows.‎

The train is whistling,‎
poor Romanies are loaded up.‎
They’re crying, crying, poor Romanies,‎
how they’re taken to the gallows.‎

Romanies, Romanies, don’t cry,‎
you will not come back.‎
Alas, mother, what should I do?‎
We’ll be killed soon.‎

inviata da Dead End - 21/11/2012 - 15:19



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org