Lingua   

Co. co. co. (E Dio creò la collaborazione coordinata e continuativa!)

Maurizio Elba
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

La canzone del laureato
(Luca Bassanese)
Signorsì! Signornò!
(Maurizio Elba)


Ovviamente si tratta di un pezzo ironico, ma il problema affrontato è molto serio.

P.S.
La canzone è stata trasmessa su Radiouno Rai il 28/09/2010 nel corso del programma "DEMO - L'acchiappatalenti".
Successivamente ha vinto ill concorso "Vota i Demo" su www.demo.rai.it, risultando il brano più votato nel primo trimestre 2011.
The Best of Demo - edizione 2010/2011 - gruppo 1:
http://www.radio.rai.it/radio1/demo/edizioni.cfm
CO.CO.CO.
Ovvero: ... E Dio creò la Collaborazione Coordinata e Continuativa
(Maurizio Elba)

Dio, Dio, Dio... ma cosa t'ho fatto, io? Dio, Dio, Dio... vuoi farmi un dispetto?
Dio, Dio, Dio... ma quale futuro, il mio? Dio, Dio, Dio... mi sento distrutto!

"Che cosa mi hai fatto? Hai anche il coraggio di chiederlo?
Io ti ho creato, ti ho dato una donna e, prima che potessi darti anche un lavoro, tu hai cercato...
di diventare come me! Come me! Come me!!!
Per questo ho deciso di punirti. E indietro non tornerò!
Tu, per l'eternità, sarai... un Co.Co.Co.!"

Una vita da precario, un destino provvisorio,
ogni giorno tante porte chiuse in faccia dalla sorte.
Provo quasi quel rimorso di chi esami non ne dà,
io mi sento fuori corso come all'università!
Co.Co.Co. ...

Una vita da precario, che sistema deleterio!
Dura poco tutto quanto e il sorriso muta in pianto.
S'è adeguata anche la mente alla flessibilità,
cambia in modo sorprendente la mia personalità!
Co.Co.Co. ...

Io, uomo di scienza, non ho più pazienza: prendo tutto quanto senza alcun rimpianto.
Sono letterato plurilaureato... ma faccio il piazzista e porto anche la posta!
Del rappresentante non ho quasi niente, assicuratore di una vita a ore...
policonsulente molto indipendente... io, che ultimamente faccio anche il badante!
Co.Co.Co. ...

Questa vita da precario mi ricorda l'adulterio:
un casino di rapporti, però tutti troppo corti!
Mi domando con affanno: chissà che succederà,
quando un giorno finiranno pure i soldi di papà?
Co.Co.Co. ...

So che la risposta è nella foresta: viva la natura, quella è vita vera!
Come disse il nonno: "Via da questo inganno, torno primitivo per sentirmi vivo!"
Basta preconcetti, me li avete rotti! Getto il mio diploma dentro quella schiuma:
forse viene a galla, chiusa in una bolla, tutta questa iella che mi sembra colla!
Co.Co.Co. ...

Dicon che sia matto, ma io me ne fotto! Ho preso in affitto proprio un bel boschetto...
Vivo su una pianta questa vita lenta: la goduria è tanta per chi s'accontenta!
Me ne sto beato, nudo e rilassato, sul ramo più alto che mi sono scelto.
Io non scendo spesso a fare qualche passo... Non son mica fesso: ora ho un posto fisso!!!
Co.Co.Co. ...

L'unica cosa che mi dà da pensare è un cartello affisso al tronco dell'albero...
Deve averlo messo il proprietario.
... Dice: "Mi raccomando, lascia stare le mele!!!"

inviata da DonQuijote82 - 26/9/2012 - 13:59


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org