Lingua   

(R)esistere

Fabio Bello


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Ma la guerra no!!!
(Fabio Bello)
Storia mia e di due come me
(La Tresca)
Attorno a quella sedia
(Fabio Bello)


fabio bello
Salire su un monte armati di libertà
non doveva essere molto diverso
dal non rassegnarsi e lottare
per un oggi migliore, contro un destino perverso

Giovani e no di grandi speranze eh eh eh eh
pronti del sogno a colmar le distanze

"Resistenza ora e sempre"
resistenza ora e sempre per me

Vedere il lavoro privato di dignità
forzare lo studio a negare se stesso
pensare un nemico, indefinito e sfuggente
lontano e incurante del popolo oppresso

Uomini e donne da un passato che è spento oh oh oh oh
scelgon decisi l'ora del cambiamento

"Resistenza ora e sempre"
resistenza ora e sempre per me, per noi, per voi...

inviata da Fabio Bello - 1/9/2012 - 23:43


E' nata una curiosa discussione con i miei musicisti sull'uso (voluto...) di termini oggi avvertiti come desueti; ed ecco la conclusione proposta dall'autore :-)

...il testo parte da una situazione immaginaria di ascolto confllittuale: espressioni di un tempo superate ("popolo oppresso" "il nemico" "l'ora del cambiamento", ...) stimolano e incrociano in modo inestricabile riflessioni attuali e più vive che trovano una sintesi e un adesione quasi abbandonata nella frase storica di Calamandrei assunta a ritornello, che vale "per me"...

Fabio Bello - 14/2/2013 - 16:13


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org