Lingua   

(R)esistere

Fabio Bello


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Buonanotte luce
(Filippo Andreani)
La ballata delle donne
(Massimiliano D'Ambrosio)
Ma la guerra no!!!
(Fabio Bello)


fabio bello
Salire su un monte armati di libertà
non doveva essere molto diverso
dal non rassegnarsi e lottare
per un oggi migliore, contro un destino perverso

Giovani e no di grandi speranze eh eh eh eh
pronti del sogno a colmar le distanze

"Resistenza ora e sempre"
resistenza ora e sempre per me

Vedere il lavoro privato di dignità
forzare lo studio a negare se stesso
pensare un nemico, indefinito e sfuggente
lontano e incurante del popolo oppresso

Uomini e donne da un passato che è spento oh oh oh oh
scelgon decisi l'ora del cambiamento

"Resistenza ora e sempre"
resistenza ora e sempre per me, per noi, per voi...

inviata da Fabio Bello - 1/9/2012 - 23:43


E' nata una curiosa discussione con i miei musicisti sull'uso (voluto...) di termini oggi avvertiti come desueti; ed ecco la conclusione proposta dall'autore :-)

...il testo parte da una situazione immaginaria di ascolto confllittuale: espressioni di un tempo superate ("popolo oppresso" "il nemico" "l'ora del cambiamento", ...) stimolano e incrociano in modo inestricabile riflessioni attuali e più vive che trovano una sintesi e un adesione quasi abbandonata nella frase storica di Calamandrei assunta a ritornello, che vale "per me"...

Fabio Bello - 14/2/2013 - 16:13



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org