Lingua   

Calabria mia

Kalafro
Lingua: Italiano (Calabrese)


Ti può interessare anche...

La ninna du briganteju
(LiraBattente)
Io non dimentico
(ResistenzaLibera)
La Faida
(Après La Classe)


[2011]
Testo di Nicola “MastaP” Casile e Bruno “Speakeasy” Timpano
Album: Resistenza Sonora

foto Kalafro
"..possono ammazzarci tutti ma non ci faranno fuori"

Calabria mia, dammi la forza per restare qua
Calabria mia, dai la speranza a chi se ne va
Calabria mia, non ti hanno detto mai la verità
dai racconti dei vecchi briganti
gli echi distanti di questa città

E sputerò in faccia a 'sti signori
che spacciano i diritti manco fossero favori,
che c'hanno sulle spalle i loro santi protettori
possono ammazzarci tutti ma non ci faranno fuori

Calabria mia cerca la verità
chi sporca queste strade di sangue e infamità
dammi la forza per cambiare questa mentalità
fatta di sogni seppelliti sotto questa omertà
Giovani emigrano verso altre realtà
cercando più fortuna ma non l'America
con il peso di chi lascia una grande eredità
ed un bagaglio che contiene lavoro e dignità..

Calabria mia, dammi la forza per restare qua
Calabria mia, dai la speranza a chi se ne va
Calabria mia, non ti hanno detto mai la verità
dai racconti dei vecchi briganti
gli echi distanti di questa città..

Calabria mia parla a questi figli ingrati
che accostano il tuo nome a stragi e massacri
Progetti criminali liste di pregiudicati
ma il boss è in parlamento non nei seminterrati
ma i rischi della gente loro li hanno calcolati
con cifre a sette zeri nascoste tra i tabulati
Il mostro che combatto c'ha i tentacoli affilati
lo stato ha solo un volto del mandante e dei suoi capi

E sputerò in faccia a 'sti signori
che spacciano i diritti manco fossero favori
che c'hanno sulle spalle i loro santi protettori
possono ammazzarci tutti ma non ci faranno fuori

Calabria mia, dammi la forza per restare qua
Calabria mia, dai la speranza a chi se ne va
Calabria mia, non ti hanno detto mai la verità
dai racconti dei vecchi briganti
gli echi distanti di questa città..

Chista è 'na canzuni pî me frati calabrisi
chi dassaru arretu matri, patri e tutti l'amici
chi partiru râ città e chi partiru rî paisi
E 'sta valigia non esti cchiù 'i cartuni, si ndi fici sacrifici
Cu non si sperdi 'i so radici camina
'A testa jata nta schina
E non si schianta si non biri cchiù 'u suli 'a matina
E ntu dumila ora viaggiano in prima
Stazione Termini o Tiburtina
Roma, Milano, Torino si portunu 'u rumani nte mani
comu candu si partiva pû pani
Ora 'stu pani non manca, ma 'a me genti si stanca
Si 'a ndrangheta voli a percentuali comu 'a banca...
E ndaimu a sbendiri 'a professionalità
Sunnu migliaia i giuvini chi rassanu ccà
Nu cori sanu, picchì su' emigrati
Ma ogni annu tornunu e su pigghianu nta 'stati
Calabria mia ccà non cangia mai nenti
Danci 'na manu a 'sti figghi si ndi senti
E puru vui si ndi sintiti chi faciti?
Jasamu 'sti bastuni e scacciamu 'sti parassiti!

Calabria mia, dammi la forza per restare qua
Calabria mia, dai la speranza a chi se ne va
Calabria mia, non ti hanno detto mai la verità
dai racconti dei vecchi briganti
gli echi distanti di questa città..

"...possono ammazzarci tutti ma non ci faranno fuori"

inviata da giorgio - 22/8/2012 - 08:30



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org