Lingua   

Briganti

Kalafro
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Ribelli
(Kalafro)
No al Ponte
(Kalafro)


[2010]
Testo e Musica di Matteo Vitagliano "P-Eight"
Album: Resistenza Sonora [2011]
Con citazione di Brigante se more

kalafrobriganti
Ammu purtatu chitarre e tamburi
pecché 'sta musica s'ha 'dda cagnà'
basta 'stu mari, 'sta ganjah, 'stu suli,
senti 'sta vuci chista è 'a realtà
Simu briganti e facimu paura
e cu microfunu avimmu 'a cantà'
nun ce ne fotte ri boss e i patruni,
'a terra è 'a nostra e nun s'ha 'dda tuccà'


Parola vera, la posta è alta come i "De La",
lirica Guernica, Apocalisse la mia tela,
che fiducia, oggi che nessuno è più al sicuro,
carta brucia, fahrenheit 451.
Reggio Calabria dov'è quasi sempre estate,
dove volano molti proiettili e poche minchiate.
La gioventù che resta pensa solo a se e nella merda
fuma più erba di Dr. Dre,
eh sì che urla, perché nessuno sta a sentire
e spinge forte perchè è affamata da morire.
I nostri sguardi sono i soli che non cambiano,
ascolto Bob canta "War inna Babylon".
Combattiamo come abbiamo sempre fatto,
pugni alti e kefiah in faccia come nel '94,
fogli coi pensieri,
sogni e desideri,
scusate se non canto il vostro "Inno di Mameli".

Ammu purtatu chitarre e tamburi
pecché 'sta musica s'ha 'dda cagnà'
basta 'stu mari, 'sta ganjah, 'stu suli,
senti 'sta vuci chista è 'a realtà
Simu briganti e facimu paura
e cu microfunu avimmu 'a cantà'
nun ce ne fotte ri boss e i patruni,
'a terra è 'a nostra e nun s'ha 'dda tuccà'


Se l'ansia del futuro è un sole scuro su 'sta Terra,
l'oggi brucia l'atmosfera tipo effetto serra
per la mia gente non c'è trucco e non c'è maschera,
nessun Barack Obama a dirgli che possono farcela.
La città che sorride coi giornalisti dopo dice "Crucifige" a troppi poveri Cristi
ed il presente a volte genera i suoi drammi,
a volte dà in mano un microfono a un ragazzo a 15 anni.
Ogni giorno sopra il Corso celebra i suoi dei,
ogni notte canta il blues come Lady Day
e non c'è stadio, non c'è droga, non c'è via d'uscita,
la vita scorre come sangue da questa ferita.
Mille colori insieme fanno un solo grigio,
passa un pezzo in radio dice "Losing My Religion",
spengo la radio, mi gioco quel che ho,
chiudo un'altra strofa, chant down Babylon.

Ammu purtatu chitarre e tamburi
pecché 'sta musica s'ha 'dda cagnà'
basta 'stu mari, 'sta ganjah, 'stu suli,
senti 'sta vuci chista è 'a realtà
Simu briganti e facimu paura
e cu microfunu avimmu 'a cantà'
nun ce ne fotte ri boss e i patruni,
'a terra è 'a nostra e nun s'ha 'dda tuccà'


Io vedo rosso, nel sangue di Platì e San Luca,
rosso sulla strada per due colpi sulla nuca,
vedo rosso da quando l'omertà ha ucciso Reggio,
rosso come i conti del sindaco, ancora peggio.
Rosso, come mio padre nel '68,
rosso come gli occhi di chi ha già sognato troppo,
rosso come il sangue di Cristo,
come le fiamme di chi ormai è caduto in un abisso.
Rosso come 'nduja, cooyah cooyah cooyah
e gli sguardi dei mafiosi nascosti tra gli allelujah.
Yo! RC Massive in alto gli accendini
perchè ogni 28 aprile diamo fuoco a Mussolini..
Se ti assale la paura è come l'alta marea,
il rosso si confonde col tramonto di Tropea,
tu osservami sul serio se trasformo un colpo in battito,
ma non chiamarci Calabresi se a morire è un altro anarchico.

Ammu purtatu chitarre e tamburi
pecché 'sta musica s'ha 'dda cagnà'
basta 'stu mari, 'sta ganjah, 'stu suli,
senti 'sta vuci chista è 'a realtà
Simu briganti e facimu paura
e cu microfunu avimmu 'a cantà'
nun ce ne fotte ri boss e i patruni,
'a terra è 'a nostra e nun s'ha 'dda tuccà'


Non vengo per portarti la solita retorica terronica,
ogni lettera che traccio è come un gancio che ti corica,
senti la tarantella nelle strade,
passa il testimone ad ogni figlio da ogni padre
abbiamo il gene che trasforma, contamina ed invade,
la mia storia è scritta con il sangue sulle spade
ogni paese qua c'ha periferie sotterranee
e bang bang, un'altra testa che cade
mi scrutano da tempo con lo sguardo del sospetto
perché metto dentro il tempo lo sgarbo di frasi a effetto
vorrebbero rispetto in quanto tali,
se canto non rinnego i miei natali,
ma sputo in faccia a questi maiali
La maschera che ride, la mano che dopo uccide,
che scrive parole vive sepolte dentro le righe
io esco da quei margini fiero senza proclami,
con le immagini che affondano l'impero degli infami

Ammu purtatu chitarre e tamburi
pecché 'sta musica s'ha 'dda cagnà'
basta 'stu mari, 'sta ganjah, 'stu suli,
senti 'sta vuci chista è 'a realtà
Simu briganti e facimu paura
e cu microfunu avimmu 'a cantà'
nun ce ne fotte ri boss e i patruni,
'a terra è 'a nostra e nun s'ha 'dda tuccà'

inviata da giorgio - 16/8/2012 - 09:25


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org