Lingua   

Shackled and Drawn

Bruce Springsteen


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Los Desaparecidos (The Disappeared Ones)
(Steven Van Zandt)
I Am a Girl of Constant Sorrow
(Sarah Ogan Gunning)
Nothing Man
(Bruce Springsteen)


‎[2012]
Lyrics and Music by Bruce Springsteen
Testo e musica di Bruce Springsteen
Album: Wrecking Ball

Bruce-Springsteen in 2012


“Il giocatore d’azzardo tira i dadi, il lavoratore paga il conto. Lassù, sulla collina del ‎banchiere [il guadagno] è ancora grosso e facile, lassù il gioco si sta facendo duro. Quaggiù, qui in ‎basso, ci trasciniamo in catene…”
Gray morning light spits through the shade
Another day older, closer to the grave
Closer to the grave and come the dawn
I woke up this morning shackled and drawn

Shackled and drawn, shackled and drawn
Pick up the rock son, carry it on
I’m trudging through the dark in a world gone ‎wrong
I woke up this morning shackled and drawn

I always loved the feel of sweat on my shirt
Stand back son and let a man work
Let a man work, is that so wrong
I woke up this morning shackled and drawn

Shackled and drawn, shackled and drawn
Pick up the rock son, carry it on
What’s a poor boy to do in a world gone wrong
I woke up this morning shackled and drawn

Freedom son’s a dirty shirt
The sun on my face and my shovel in the dirt
A shovel in the dirt keeps the devil gone
I woke up this morning shackled and drawn

Shackled and drawn, shackled and drawn
Pick up the rock son, carry it on
What’s a poor boy to do but keep singing his ‎song
I woke up this morning shackled and drawn

Gambling man rolls the dice, workingman pays ‎the bill
It’s still fat and easy up on banker’s hill
Up on banker’s hill, the party’s going strong
Down here below we’re shackled and drawn

Shackled and drawn, shackled and drawn
Pick up the rock son, carry it on
We’re trudging through the dark in a world ‎gone wrong
I woke up this morning shackled and drawn

Shackled and drawn, shackled and drawn
Pick up the rock son, carry it on
What’s a poor boy to do but keep singing his ‎song
I woke up this morning shackled and drawn

inviata da Dead End - 19/6/2012 - 10:37




Lingua: Italiano (Toscano livornese)

Terribilmente irriverente traduzione in livornese di Riccardo Venturi
(Contenente un paio di precisazioni ugualmente vergate nel linguaggio labronico)
19 giugno 2012

Dedicata a Marinella per il suo compleanno


Prima di tutto, si starà a vedé ora se l'esperto di palle ciavrà da ridì quarcosa, e ner quar caso vorrà di' che lo mando pre-ven-ti-va-men-te a fàsselo troncà ner culo lui e ir tegamone di su' ma'. Detto questo, du' parole sulla 'anzone. Ma cosa deve fà un poerino a parte 'antà le su' canzoni? Bella domanda, tenendo 'onto der non indifferente fatto che, ora 'ome ora, chi lavora (e soprattutto 'i fa ir preàrio, ir cassi-disintegrato o ir disoccupato), cià parecchio pòo da cantà. A parte i signor Brus Sprìsti, che di lavoro fa appunto 'antà canzoni, e che mi resurta se le faccia pagà un fottìo di vaini, ivi compreso a' 'oncertoni (Lorenzo, 'vanto 'ostava ir biglietto...?). Sarà anco “tirato 'n catene”, ma a me mi sa che a lui la grisi 'ni fa, come si dice a Òsforde angolo Chèmbrigg', un ber segone a du' mani. E porca madonna, anche (visto che allo stadio di Firenze, una settimana dopo, c'è stato ir concerto di Madonna, appunto). So' d'accordo che è importante che una uòrd star (nel senso di “stella mondiale”, e no ir vecchio uòrd procèssor, ndr) come ir Bosse parli e canti di certe temàtie, ma mi garba anco di specifiànni un par di 'ose sulla ghigna. Oso affermare che è abbastanza probabile che sur “colle der banchiere”, lassù dove si giòa duro, noartri 'un ci si sale àrtro che pe' impiccàssi, mentre mister Sprìsti lo frequenta assiduamente, 'un foss'artro 'e pe' mette ar siùro o a frutto i su' guadagnucci che 'un dèvano essere leggerini. Ner frattempo crollano i superpàrchi e crepano lavoratori, ma di 'velli veri. E ci si tràina ner buio di 'vesto mondo di merda, che magari sarà di merda anco per Brus Sprìsti, ma seondo me 'n poinìno meno. Ir solito problema dello starzìstem, certo; i “messaggi” arrivano meglio se li 'anta ir rocchettarone idolatrato, 'e se invece li dìano cinquossè' operai o duottrè crandestini montati sulla gru e “tirati 'n catene” sì, ma giù dalla pulizzìa. Ciononostante, evviva Brus Sprìsti, ci mancherebb'artro. Speciarmente 'vando lo vedrò “còglie quer sasso” e portàllo. E cantà le 'anzoni mentre fatìa per du' sordi o senza èsse' manco pagato, come quelli delle su' 'anzoni. E quando ir concertone 'un ce lo farà pagà, budello d'eva. Sennò bisognerebbe fànni provà sur groppone quarche bella autoriduzzione come quelledunavòrta.
TIRATO 'N CATENE

Ir lusco alla penombra ni tira un burrino,
dé, un artro giorno più vecchio e vicino alla tomba,
più vicino alla tomba; e ir giorno è spuntato,
e stamani mi so' svegliato tirato 'n catene

Tirato 'n catene, uimmèna, tirato 'n catene
cogli 'n po' ver sasso, bimbo, e portalo
mi ‎tràino ner buio 'n un troiaio di mondo,
stamani mi so' svegliato tirato 'n catene

M'è sempe garbato sentimmi ir sudore sulla 'amicia,
dé mètteti da 'na parte bimbo e fammi lavorà,
fammi lavorà, dé o che ci sarà di male,
stamani mi so' svegliato tirato 'n catene

Tirato 'n catene, tirato 'n catene
cogli 'n po' ver sasso, bimbo, e portalo
ma un poerino 'sa deve fà ne' sto mondo di merda,
‎stamani mi so' svegliato tirato 'n catene

La libbertà, dé bimbo, è 'na 'amicia lótra,
ir sole 'n faccia e la pala 'n un merdaio,
la pala ner merdaio tiene 'r diàolo via,
stamani mi so' svegliato tirato 'n catene

Tirato 'n catene, tirato 'n catene
cogli 'n po' ver sasso, bimbo, e portalo
ma un poerino 'sa deve fà a parte 'antà le su' 'anzoni,
stamani mi so' svegliato tirato 'n catene

Ir gioatore tira 'dadi, l'operaio paga ir conto,
sur colle der banchiere si sta sempre grassi e ammodino,
lassù su colle der banchiere ir giòo si fa duro,
quaggiù 'nvece s'è tirati 'n catene

Tirati 'n catene, tirati 'n catene,
cogli 'n po' ver sasso, bimbo, e portalo
ci si tràina ner buio 'n un troiaio di mondo,
stamani mi so' svegliato tirato 'n catene

Tirato 'n catene, tirato 'n catene
cogli 'n po' ver sasso, bimbo, e portalo
ma un poerino 'sa deve fà a parte 'antà le su' 'anzoni,
stamani mi so' svegliato tirato 'n catene

19/6/2012 - 11:34




Lingua: Italiano

Tentativo di traduzione italiana di Dead End
INCATENATO E DISTRUTTO

Al mattino una luce tetra schizza fuori ‎dall’ombra
Più vecchio di un altro giorno e più vicino alla ‎tomba
Più vicino alla tomba mentre sorge il giorno
Stamattina mi sono svegliato prigioniero e ‎distrutto

Incatenato e distrutto, incatenato e distrutto
Tira su quel masso, figliolo, e vai avanti
Sto arrancando nell’oscurità in un mondo che è ‎diventato ingiusto
Stamattina mi sono svegliato prigioniero e ‎distrutto

Mi è sempre piaciuto sentire la maglietta intrisa ‎di sudore
Fatti da parte, figliolo, e stai a vedere come ‎lavora un uomo
Stai a vedere come lavora un uomo, è tutto così ‎ingiusto
Stamattina mi sono svegliato prigioniero e ‎distrutto

Incatenato e distrutto, incatenato e distrutto
Tira su quel masso, figliolo, e vai avanti ‎
Che cosa può fare un povero ragazzo in un ‎mondo che è diventato ingiusto?‎
Stamattina mi sono svegliato prigioniero e ‎distrutto

La libertà, figliolo, è una maglietta sporca.‎
Il sole sul mio viso e la mia vanga nella terra,‎
Una vanga piantata in terra tiene il diavolo ‎lontano.‎
Stamattina mi sono svegliato prigioniero e ‎distrutto

Incatenato e distrutto, incatenato e distrutto
Tira su quel masso, figliolo, e vai avanti ‎
Che cosa può fare un povero ragazzo se non ‎continuare a cantare la sua canzone?‎
Stamattina mi sono svegliato prigioniero e ‎distrutto

Il giocatore d’azzardo tira i dadi, il lavoratore ‎paga il conto
Lassù, sulla collina del ‎banchiere [il guadagno] ‎è ancora grosso e facile
Lassù il gioco si sta facendo duro
Quaggiù, qui in ‎basso, ci trasciniamo in catene

Incatenato e distrutto, incatenato e distrutto
Tira su quel masso, figliolo, e vai avanti ‎
Stiamo arrancando nell’oscurità in un mondo ‎che è diventato ingiusto
Stamattina mi sono svegliato prigioniero e ‎distrutto

Incatenato e distrutto, incatenato e distrutto
Tira su quel masso, figliolo, e vai avanti
Che cosa può fare un povero ragazzo se non ‎continuare a cantare la sua canzone?‎
Stamattina mi sono svegliato prigioniero e ‎distrutto

inviata da Dead End - 19/6/2012 - 11:57




Lingua: Francese

Version française – ENCHAÎNÉ ET CREVÉ – Marco Valdo M.I. – 2012
Chanson étazunienne - Shackled and Drawn – Bruce Springsteen – 2012


« Le joueur lance les dés, le travailleur paye la note
C'est toujours juteux et facile sur la colline du banquier
Là-haut sur la colline du banquier, le jeu se durcit
Ici en bas, par contre, nous sommes enchaînés et crevés « ‎
ENCHAÎNÉ ET CREVÉ

La lumière grise du matin perce l'ombre
Un autre jour de plus se rapproche de la tombe
S'approche de la tombe et vient l'aube
Je m’éveille ce matin enchaîné et crevé

Enchaîné et crevé, enchaîné et crevé
Soulève le roc et charge-le
Je me traîne dans l'obscurité dans un monde mal tourné
Je me suis éveillé ce matin enchaîné et crevé

J'ai toujours aimé sentir la sueur sur ma chemise
Gare-toi fiston et laisse travailler un homme
Laisser travailler un homme, est-ce si mal
Je me suis éveillé ce matin enchaîné et crevé

Enchaîné et crevé, enchaîné et crevé
Soulève le roc et charge-le
Que doit faire un gars dans un monde mal tourné
Je me suis éveillé ce matin enchaîné et crevé

La liberté, fiston, est une chemise sale
Le soleil dans ma gueule et ma pelle dans la crasse
La pelle dans la crasse fait fuir le diable
Je me suis éveillé ce matin enchaîné et crevé

Enchaîné et crevé, enchaîné et crevé
Soulève le roc et charge-le
Que peut faire un gars à part chanter sa chanson
Je me suis éveillé ce matin enchaîné et crevé

Le joueur lance les dés, le travailleur paye la note
C'est toujours juteux et facile sur la colline du banquier
Là-haut sur la colline du banquier, le jeu se durcit
Ici en bas, par contre, nous sommes enchaînés et crevés

Enchaîné et crevé, enchaîné et crevé
Soulève le roc, mon gars et charge-le
Nous nous traînons dans l'obscurité dans un monde mal tourné
Je me suis éveillé ce matin enchaîné et crevé

Enchaîné et crevé, enchaîné et crevé
Soulève le roc et charge-le
Que peut faire un gars à part chanter sa chanson
Je me suis éveillé ce matin enchaîné et crevé

inviata da Marco Valdo M.I. - 19/6/2012 - 21:02


Beh un po' c'hai ragione, un po' esageri. E' chiaro che il signor Springsteen non è toccato dalla crisi (ma ti confesserò che anch'io sono un privilegiato e sono ben poco toccato), vabbé ma questo non gli impedisce di simpatizzare con chi invece è "tirato 'n catene".

È anche chiaro che quando nella canzone scrive "I woke up this morning shackled and drawn" non è "I, Bruce Frederick Joseph Springsteen...", è un personaggio. Se no Springsteen dovrebbe anche essere un reduce del vietnam, uno che quando perde il lavoro spara a una guardia, uno che si sposa a diciannov'anni e va a cercare lavoro scendendo il fiume, un emigrante messicano che passa il confine, eccetera eccetera...

Sulla questione dei soldi per le canzoni, alla fine vale quello che diceva Ferré: "Il signor Ford o il signor Fiat sfruttano gli operai, e ci fanno i soldi. Io scrivo canzoni, e ci faccio i soldi.". Finché la logica generale è quella, è un po' inutile chiedere al singolo artista di fare il francescano.

Sul prezzo del biglietto: che dire, io preferisco spendere 35 euro per vedere Springsteen che 30 euro per vedere che so i Negrita. Con tutto il rispetto per i Negrita, che sono anche bravini...

Lorenzo - 19/6/2012 - 13:25


Sì, Lorenzo, è vero. Esagero, e ben conscio di esagerare; tra l'altro, cosa non secondaria, Springsteen mi piace, e parecchio. Ciononostante, ritengo che esagerare, a volte, sia doveroso. D'accordo che lo "Shackled and Drawn" non è Brucio Federico Giuseppe Springsteen, ma converrai che tutti coloro che una certa vita (di merda) la fanno sul serio, e tutti i giorni, e magari per tutto il loro mortal corso terreno, forse si potrebbero rompere un po' i coglioni di essere trasformati in "personaggi" che servono a far fare i soldi al signor Springsteen e, perché no, anche al signor Léo Ferré. Chissà, sarà per questo che (per quel che mi riguarda) ho sempre preferito le canzoni popolari, scritte o concepite da gente che viveva in prima persona quel che cantava. Oppure gli artisti squattrinati e sconosciuti, cui vado dietro si può dire da decenni, cercando per quanto posso di farli conoscere (con la malcelata speranza, ovviamente, di trasformarli in rockstar in modo che mi gratifichino di qualche soldo :-PP). E' pur vero che la logica generale è quella ben esposta da Léo Ferré a suo tempo, ma è una logica che non deve essere per forza accettata o "digerita" senza colpo ferire, e senza qualche puntualizzazione. Nessuno vorrebbe che nessuno conducesse una vita "francescana"; ma, a pensarci bene, va sempre a finire che anche e soprattutto tra coloro che cantano di grandi ingiustizie, di grandi disuguaglianze e di grandi sfruttamenti, si riproducono poi esattamente le stesse ingiustizie, le stesse disuguaglianze e in qualche caso anche gli stessi sfruttamenti. E non ci sarà nessuna lapidaria frasetta di nessun Ferré che mi convincerà del contrario. Anche perché non parlo di francescanesimo, ma di capitalismo. Mi sembra che Springsteen, e perché no anche Ferré, di quel capitalismo che fornisce loro tanta ispirazione per le canzoni e per le denunce in musica, accettino in definitiva le logiche e i meccanismi. Tutto qui. Continuerà a piacermi Springsteen (e ancor di più Léo Ferré, i cui concerti sono gratuiti per l'eternità a partire dal 14 luglio 1993), ma sono più nel mio mondo, che so io, con Marco Rovelli. Ti sei mai partito da Ginevra, Lorenzo, per vedere un concerto (a gratis) del Rovelli, o del Lega, o dei Delsangre? Non essendo toccato dalla crisi, spero che qualche volta lo farai perché, per parecchi versi, lo meritano più di una rockstar americana seppur brava bravissima entusiasmante. Se vuoi ti organizzo anche un diluvio artificiale con le sistole (NB: per i non toscani, "sistola" = "canna dell'acqua"). O forse, chissà, sarà come diceva lo scrittore islandese Halldór Kiljan Laxness nel suo "Sotto il ghiacciaio" ("Kristnihald undir jökli"): "Solo i ricchi possono permettersi di essere poveri". Saluti, e vo a farmi un bel giro di servizi sociali per i quali non ricevo lo stipendio da quasi due mesi. Proporrò a Springsteen di scrivere una canzone su di me, chissà che non funzioni.

Riccardo Venturi - 19/6/2012 - 14:40


Vai... allora al prossimo concerto del Lega e del Rovelli o di Max Larocca (sì che ci son venuto, magari non proprio apposta, da Ginevra per vederli) voglio trovarti munito di sistola.

Attento però che se sbagli mira e gli infradici la chitarra magari se la prendono a male! Non sono mica Springsteen che coi soldi che fa se ne può comprare quante ne vuole (per non parlare degli Who che le spaccavano sul palco, ma ho sempre avuto il sospetto che prima del "numero" le scambiassero con chitarracce da poco prezzo).

Lorenzo - 19/6/2012 - 15:04


La ricchezza è una cosa molto relativa. Qualche tempo fa una ragazzina rom, ovviamente povera, che studiava per prendere la terza media, un po' aiutata da me e da altri, diceva di essere consapevole di essere fortunata, in confronto ai ragazzi che vivono cercando rifiuti nelle discariche di Nairobi...
Che fare? Chi stabilisce la quota di beni di cui possiamo godere senza sensi di colpa? Penso che se uno lavora e riceve una giusta retribuzione, non debba passare la vita a torturarsi....
Springsteen è ricchissimo, Guccini abbastanza ricco, e anche de André non se la cavava proprio male economicamente, eppure le loro canzoni se non altro hanno influito sulla formazione di tanti giovani e un passettino, piccolo quanto volete, alla società nel suo insieme l'hanno fatto fare, se non in senso materiale, almeno nella testa della gente.

Silva - 19/6/2012 - 15:15


A proposito, Max Larocca dovrebbe suonare abbastanza a breve a San Salvi (roba da manicomio, in tutti i sensi! :-PP); verrò rigorosamente munito di sistola, però poi voglio gli urlettini sennò chiudo la cannella (sempre per i non toscani: = "rubinetto"). Comunque non ci saranno problemi: con la sistola in mano sono un asso. Per Silva, invece: Ma certo, per carità. Altrimenti non sarei nemmeno qui, se non sapessi che certe cose hanno contribuito a far fare qualche passo avanti; né è mia intenzione invitare a torturarsi chi riceve la "giusta retribuzione", non sono di sicuro un adepto della tortura. Anche se la storia che la "ricchezza è relativa" mi sembra più che altro una comodissima scappatoia mentale; non è coi "relativismi" palliativi, e col pensare che c'è sempre qualcuno che sta peggio di te, che -a mio parere- si trova una via d'uscita. Penso anche che la "quota di beni di cui possiamo godere senza sensi di colpa" sarebbe davvero ora che qualcuno si desse da fare per stabilirla, di riffa o di raffa, visto che la stragrande maggioranza degli abitanti del pianeta Terra continua a vivere senza avere nemmeno da mangiare. Sicuramente questo non è colpa di Bruce Springsteen, ma non è nemmeno colpa mia. Saluti.

Riccardo Venturi - 19/6/2012 - 17:08


"... Dove andremo, che cosa accadrà, non lo so, ma d'altra parte non potete chiedere risposte a quelli che fanno musica. Noi, al massimo, siamo i canarini nella miniera."
(Bruce Springsteen)

19/6/2012 - 18:42


Per chiarire meglio l'anonimo commento precedente: nelle miniere si usava porre delle gabbie con degli uccellini, che servivano, povere bestiole, da rudimentali rivelatori di gas. Vale a dire, se li trovavano stecchiti significava che c'era una perdita. Quando abitavo nella zona mineraria del Nord della Francia, però, nessuno mi ha detto di aver utilizzato per la bisogna dei cantautori impegnati americani. Che so io, roba tipo se trovavano stecchito Bruce Springsteen in gabbia, oppure Bob Dylan a gambe all'aria, scappavano tutti quanti. In definitiva, questa affermazione di Springsteen mi lascia quantomeno perplesso, anche se è un comune cavallo di battaglia del cantautorato di ogni paese quello di affermare di "non dare risposte" (lo diceva anche Edoardo Bennato: "Io di risposte non ne do, io faccio solo rock 'n' roll"). Credo invece che buona parte delle loro canzoni siano incentrate proprio sul dare risposte, o nel cercare di darle, e peraltro la trovo una cosa del tutto naturale e ovvia se uno scrive testi di un certo tipo (altrimenti faccia musica e basta). Insomma, mi sembra un po' lanciare il sasso e nascondere la mano. Scrivendo di certe tematiche, ci si assume comunque una responsabilità; e l'assunzione di responsabilità deve produrre delle risposte dato che vengono prima formulate delle domande, delle questioni. Un Ivan della Mea, ma anche un Woody Guthrie, non si ritraevano certo quando si trattava di dare risposte, e sapevano benissimo dove si andava e che cosa sarebbe accaduto.

Riccardo Venturi - 19/6/2012 - 19:18


Credo che Bruce intendesse dire che, qualche volta, a chi canta con sincerità e vicinanza dei problemi di tutta quella miriade di persone che stanno laggiù, sotto la collina del banchiere, incatenati e distrutti, ai sinceri cantori può anche capitare di rimetterci le piume - vedi per esempio Victor Jara e Phil Ochs, in modi e per mani diverse...
Quanto alla capacità di dare risposte e direzioni, non sono d'accordo con te e apprezzo invece l'umiltà di Bruce: sono solo un uccellino (nel suo caso, forse, meglio un pennuto cazzuto) e tutt'al più porto un po' di conforto e di riflessione.

Dead End - 19/6/2012 - 20:21


Nella stessa intervista dice anche "La mia natura non è politica, e anche se da adulto ho letto e studiato per capire che cosa mi era accaduto da ragazzo, tendo a leggere gli avvenimenti in chiave psicologica più che sociologica.".

Sono insomma le piccole storie personali della gente comune, non la Storia con la S maiuscola. Sono sicuro che Dead End, da buon erede di Bartleby (il quale, per la cronaca, è stato inghiottito dalla balena, e ancora non si sa se qualcuno interverrà per liberarlo dopo tre giorni e tre notti), proprio per questo apprezza queste canzoni.

Lorenzo - 19/6/2012 - 21:44


Ma per carità, non vorrei certo essere stato frainteso. Per quel che mi riguarda, le canzoni di Bruce Springsteen le ho sempre apprezzate parecchio, e mi ricordo anche di interi viaggi in treno da e per Friburgo interamente a base del Boss, l'unica volta che ho avuto una specie di iPod (poi rottosi senza rimedio). Poi è chiaro che ho alcune differenze di lettura e interpretazione rispetto alle vostre; ad esempio, nonostante le sue affermazioni, le canzoni di Springsteen (o meglio, alcune canzoni) per me hanno invece un contenuto sociologico ben preciso e non serve il suo stesso schernirsi per convincermi del contrario. Anzi, probabilmente una delle cose che più apprezzo in Springsteen, e che "mutatis mutandis" mi appartiene di più, è proprio lo spaccato di una società a partire dalle piccole storie della gente comune; se qualcuno di voi ha mai letto qualcosa dal mio blog, sa bene che è una cosa che mi contraddistingue quando mi metto a raccontare una storia. Non credo che la lettura degli avvenimenti, anche in una canzone, possa prescindere dall'intervenire sulla società dove essi si producono; questo, ovviamente, non esclude nessuna "chiave psicologica" e nessuna storia personale. E' proprio perché, nonostante gli stramiliardi che ha fatto, non metto in dubbio la vicinanza di Springsteen ai problemi degli incatenati e dei distrutti, che non posso condividere l'interpretazione esclusivamente "personale e psicologica" delle sue canzoni. Anche perché gli incatenati e i distrutti delle canzoni di Springsteen non lo sono certamente a causa di rovelli (non Marco) psicologici, e se tanto mi dà tanto Springsteen lo sa benissimo. Comunque ammetto di essere sempre molto diffidente verso i cantautori quando parlano delle loro canzoni, e anche quando fanno troppa professione di umiltà. Se ripenso, ad esempio, alla massa di cazzate sparate da De André quando parlava dei suoi album (diceva di voler bruciare "Storia di un impiegato"...), mi pigliano i bordoni. Insomma, non mi riesce prendere sempre per oro colato quel che dicono, ma sono notoriamente un terribile presuntuoso, cattivo d'animo, grassatore di vecchiette indifese e stiacciatore di calli del prossimo. Saluti.

Riccardo Venturi - 19/6/2012 - 23:22



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org