Lingua   

Il regno dei tiranni

Joe Fallisi


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Mafia e parrini
(Rosa Balistreri)
Verrà
(Joe Fallisi)
Il blues della cella di prigione
(Joe Fallisi)


Parole di Gianfranco Sanguinetti
Musica di Joe Fallisi

Joe Fallisi. Tenore lirico, astrologo, anarchico.
Joe Fallisi. Tenore lirico, astrologo, anarchico.


Testo inedito (?) inviatomi da Joe. [RV]
Qual cometa che viene, gira e passa,
né altri mirar la può, ch'ella non torna
pria che colui pel quale splendea bassa

abbia lasciato vita che non torna;
tali i miei giorni io fuggir vedendo
vo, e la vita, e quello che l'adorna,

sì ch'io ardo tutto e di furor m'accendo.
Quelli che m'hanno tolto il tempo mio
sanno che il loro mondo io offendo,

e di tal colpa qui si paga il fio:
s'accorser d'esta innata libertate,
drizzâr li occhi ver me, e null'altro rio,

con catene mie man dietro han legate.
Come succiano sozze zecche il sangue
di lor vittime, così, con viltate,

loro succiano il tempo di chi langue:
ministrino pure ogni dì mill'anni
di carcere, si lordino di sangue,

pure 'l regno d'esti biechi tiranni
men durerà che codeste condanne,
che a lungo durar non ponno li 'nganni.

inviata da Riccardo Venturi - 8/6/2006 - 11:55


In realtà il testo non è propriamente inedito, sebbene la musica resti ancora nelle carte di Joe Fallisi. Il testo è stato però pubblicato anche da Catanuto e Schirone nel "Canto Anarchico", a pagina 342 per l'esattezza. Resta comunque un enorme grazie a Joe per avermelo spedito di persona a suo tempo.

Riccardo Venturi - 8/4/2013 - 12:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org