Lingua   

Political Science

Randy Newman


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Song For The Dead
(Randy Newman)
A Few Words in Defense of Our Country
(Randy Newman)
Lines In The Sand
(Randy Newman)


[1972]
Lyrics and Music by Randy Newman
Testo e musica di Randy Newman
Da/From "Sail Away"

Randy Newman. Montreux, 2006.
Randy Newman. Montreux, 2006.


[...]Ottenne generali consensi critici tornando allo stile orchestrale con Sail Away (1972). Gli arrangiamenti di Newman (pianoforte) e Cooder (bottleneck) sono un capolavoro certosino ed erudito. L'ouverture e` un ironico commentario sociale in margine al viaggio immaginario di una nave di schiavi verso l'America, illustrata dal capitano come un paradiso terrestre. Le fa da contraltare la feroce Political Science, in cui l'americano guerrafondaio si lamenta che i popoli da lui sterminati lo odino. Il tono medio del disco e` dimesso, fiacco, rassegnato. Ragtime assonnati e malinconici da cocktail lounge (Lonely At The Top), nostalgiche e sbilenche musichette da strada (Burn On), il vaudeville Simon Smith And The Amazing Dancing Bear, il jump blues di You Can Leave Your Hat On (destinato a un tardivo successo nel 1987), conferiscono all'operina un sapore da cabaret espressionista. Il finale, mostruoso, e` un monologo di dio che deride l'umanita` che lo adora (God's Song). Tanto era goliardico e irriverente il precedente, quanto e` formale e serio Sail Away, le cui parabole lambiscono abissi metafisici. La sicurezza con cui Newman comanda l'orchestra e` da sinfonista mahleriano.

Da The History Of Rock Music (scaruffi.com)
No one likes us-I don't know why
We may not be perfect, but heaven knows we try
But all around even our old friends put us down
Let's drop the big one and see what happens
We give them money-But are they grateful?
No they're spiteful and they're hateful
They don't respect us-so let's surprise them
We'll drop the big one and pulverize them

Asia's crowded and Europe's too old
Africa is far too hot
And Canada's too cold
And South America stole our name
Let's drop the big one
There'll be no one left to blame us
We'll save Australia
Don't wanna hurt no kangaroo
We'll built an All American amusement park there
They got surfin too

Boom goes London and boom Paree
More room for you and more room for me
And every city the whole world round
Will just be another American town
Oh how peaceful it will be
We'll set everybody free
You'll wear a Japanese kimono
And there'll be Italian shoes for me
They'll hate us anyhow
So let's drop the big one now
Let's drop the big one now


Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
(2003, dalla raccolta primitiva delle CCG)
POLITICOLOGIA

Nessuno ci ama - non capisco perché,
magari non siamo perfetti, ma Dio sa che ci proviamo.
Beh, attorno a noi anche i vecchi amici ci buttan giù,
e, noi, buttiamo quella grossa [*] e vediamo che accade.
Gli diamo quattrini - ma ci sono grati?
No,ci disprezzano e sono pieni di odio.
No, non ci rispettano; e allora facciamogli una sorpresa,
buttiamo quella grossa e riduciamoli in polvere.

L'Asia è sovrappopolata e l'Europa è troppo vecchia,
in Africa fa troppo, troppo caldo
e il Canada fa troppo freddo
il Sud America ci ha fregato il nome
non se ne salverà uno che possa dir male di noi.
Salveremo l'Australia
non vogliamo far del male ai canguri
ci costruiremo un bel parco di divertimenti all'americana
fanno pure il surf

Salta in aria Làndan, salta in aria Pari',
più spazio per me, più spazio per te
e ogni città, in tutto quanto il mondo
sarà solo un'altra città americana
oh, come sarà tranquilla
e tutti quanti saranno liberi
indosserai un kimono giapponese
per me ci saranno scarpe italiane.
Però, non so come, ci odiano,
e, noi, allora, buttiamo quella grossa,
buttiamo quella grossa, ora.
[*] la bomba atomica

Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org