Lingua   

La Madlèina

Marco Rey


Lingua: Occitano


Ti può interessare anche...

Lunedì del valsusino
(Luca Abbà)
Mon país
(Goulamas'K)
Caterina Bueno e Véronique Chalot: Donna Lombarda e L'empoisonneuse
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


La Madlèina li 27 de dzunh.

No Tav


Aioun dzo prouvaie d’in lou 2005 a Venot ma ieřoun pa arivaie… Lou 27 de dzunh a la Madlèina, Tsimoun, lou stat italian u l’ot voulu amasé la democrasia.
Tot li partii ian tsartsà de isoulee la Valsouiza, na desan de: in patetic group de térorista, autonomista, troglodita countra lou prougrès. Soun pa arivaa a spieghese a pařoleus alouřa soun arivà avé li manganel.
D’in l’an de li 150 de l’unità d’italia, soun arivà queme in eserchit de ocoupasioun, ian ataca Li francoprovensal e li occitan seunsa moutiv d’in la lou mèizoun, ian anouvra li manganel per avé reisoun.
Per èivrii seun que n’an deut “ lou pi gran cantie de l’europa” tèin util li 30 de dzunh, seunsa idea è proudzét se coumanse a rechinté de toc a caz.
Per seun faře fot masacré le dzeun, aumentee le taseus, bèisee le pensioun, talhe le publiqeus aministrasioun, la sanità, l’èicola e li trasport…. Per faře pasee li trein que ie soun paa??
Peioun pa capii a qui servit tot seun. Ian distrudzu iun di pi ampourtan siti arqueologic italian, per faře in fort, cintaa da reticolato, ma iot trot de poulisia, de carabinie, de sourdal, parpouzé, fouřestal, pedzo que l’Afghanistan o la Libia. Forse nou catsoun carcareun? Forse li trasport chentroun paa?
Lou tunnel ou l’et inutil, li dati que sbandieřoun soun pa atendibil, ian mai fèt in’analisi de seun que veřameun coute è di benefise è mai queme ařò l’Italia lhe peut pa faře in’opera pařie.
Alouřa se catse tot avé in groo anterveun militař.
La linea atual et inò dle pi moderneus d’europa, lhe peut pourtee 400 trein per dzort, iot pa besouèin d’aoutro, ian deloun parlaa de TAV ma ian mai deut que le dzeun paseřeun mai d’ l’ipotetic tunnel et maque ina linea èitudia per la mercanzia.
Li tunnel esplourativ ieřooun finansia 10 an fét, li fransé ian vezulis, 2 km e més a Modaouna è 2 km e mes a Sain Jouen de Moriena. A Veno soun pa arivaa a fařelò, pa per coulpa di Notav ma per la lou incapachitaa, seunsa proudzet, an ritard tsu li tèin, seunsa in dialogo avé le dzeun.
Alouřa se foře a Tsimoun, lou sandic ou l’et d’acorde, anque se lou post et paa seel, feet pareun… se foře isé, anteřese pa se lou post et pa sél ma soun deloun an ritard.
La data ultima per pa perdre le bricoleus dii finansiameun et li 30 de dzunh, foot faře finta de eivrii in cantié, alouřa li 27 de dzunh li elicotero rimboumboun d’in la coumba de Souiza, a 4,50 dou matin la poulisia lhe sare l’autostrada. Veiřo de dzeun que aioun dermi aou presidio, regoularmeun afità da la comunità montana, se arvelhoun, d’aoutris avizà per mesadzo arivoun, ma nun crét que lou stat u l’aise lou couřadzo de anouvre la forsa tremeunda d’in eserchit.
Per disperdre li manifestan la poulisia lhot anouvrà ina esadzerasioun de lacrimogeni, tiřa anque ad aoutuu d’omeun, ma paa maque an prima linea, aioun li dimoustran tsartsavoun de pa arretree, anque d’in lou campeggio aioun le dzeun que sacapavoun craioun d’eitre aou seguu.
Li poulisiot, 2000 circa, courioun apree le dzeun, anque a siit per tera, batounaa è coo d’in la tripò, ian esadzeraa, iere ina tsasa a l’omeun è risparmiavoun pa ne vielh ne fumeleus.
Ian talhaa tot le tendeus que iavet è ian anouvraleus per li besouèin courporal…. Veiřo d’ansian antosicaa e treunta ricouveřà per le batounaa.
Tot aou soun de lhi elicotero que per tot la dzournà ian voulaa tsu le personeus, d’in lou fum di gas… ina guera countra de dzeun seunsa difèisa.
Seun dimoustre le dificoultà d’ina democrasia a la fin, la dimoustrasioun de forsa lhe denounsie l’ambrolh è la mafia politica, la resisteunse de la Valsouiza et in gro baradzo è pa maque per la TAV.
Li 3 de lulh, granta manifestasioun de protesta, 90.000 personeus , ma le noutisieus foot tsartseleus, foot pa fiese di tg, de l’infourmasioun dla politica, dle velineus.
Alouřa se! Iot ariva de dzeun quei an tiřa de peclo, asé dzouveun di chentro social, sincmile personeus ian batalhà tot lou dzort, can preun man la viouleunse touit ian tort è touit reisoun!
Ma iavet paa de blak blok neř, li carabinie ian seuntuu ina lèinga que counhèisoun paa, lou francoprovensal è l’occitan è ian deut – soun pa italian!
Et dificil seuntrese italian avè ina situasion pařie d’in mèizoun, la politica llhet a teřa, la mafia è lou malafaře fan da mèitre. D’in la situasioun atual se ariveřot mai a fare lou tunnel, per quei ansistre avé le buzieus, aperque pa fermese è limité li dan.
Dai tèin de Annibale la valada lhot dzò vi de pedzo, an Valsouisa iot capitaie de tot: dai celti a cozio, valdes, partigian, eretic, terorista de prima linea, li lou gris è ařò anque li nono NOTAV.
Ma le coumbeus de Souiza soun tera duřa per dzeun duřa, dzeun acoutumà a treboulé que lhe peut pa pleièse a catro batounà.
Et seguu que lou tunnel antie ou se feřot jamée, vou deuioun touit, col que ie fise li sorde per fařelò serit pa pousiblo mantènilo.
Alouřa per dinhità e sens de l’istitousioun lou stat italian u deiveřit diře- aieun asbalhaa ! fermese devan ruinee l’italia è tot la valada... ma vien da souèindzé que ie fise bèin d’aoutro.

Marco Rey

La Maddalena 27 giugno.

Dopo i tentativi del 2005 a Venaus.. lo stato italiano il 27 giugno alla Maddalena di Chiomonte è definitivamente riuscito a uccidere la democrazia.
Tutti i partiti politici hanno cercato di isolare la Valsusa definendo gli autoctoni: un patetico gruppo di terroristi, autonomisti trogloditi contro il progresso. Non sono riusciti a confrontarsi con il dialogo e le proposte allora sono venuti con i manganelli.
Nell’anno del centocinquantenario dell’unità d’Italia si sono presentati come un esercito di occupazione in terra occitana e francoprovenzale ed hanno spazzato via i valsusini a casa loro, dimostranti che difendevano pacificamente il sito della Maddalena, con i fumogeni ed i manganelli hanno avuto ragione.
Tutto questo per aprire quello che è stato definito il più gran cantiere d’Europa, termine ultimo d’inizio lavori per l’Europa 30 giugno, allora senza chiare idee in merito s’inizia a recintare un’area non ben definita.
Per fare questo bisogna massacrare le genti, aumentare le tasse, abbassare le pensioni, tagliare le pubbliche amministrazioni, la sanità, la scuola, i trasporti…… per far transitare treni che non ci sono.
Viene difficile capire a chi serve tutto questo. Hanno distrutto uno dei siti archeologici più importanti d’Italia per fare un fortino tutto recintato di reticolato, pieno di troppa polizia, troppi carabinieri, finanzieri, forestali.. peggio che Afghanistan o Libia. Forse che ci nascondono qualcosa, forse i trasporti non c’entrano?
Il tunnel è veramente inutile, i dati comunicati non sono attendibili, non è mai stata fatta un’analisi dei costi e benefici e soprattutto mai come ora l’Italia può permettersi un’opera del genere, quindi si nasconde tutto questo con un massiccio intervento militare.
La linea attuale, definita storica, ma non per vetustà, può soddisfare 400 treni il giorno e sarebbe molto di più del necessario, si è poi sempre parlato di TAV ma non si è mai detto che i viaggiatori non utilizzerebbero l’ipotetico tunnel di 54 km e che è progettato solo come linea per merci.
I tunnel esplorativi erano finanziati dieci anni addietro, i francesi hanno rispettato i tempi ed hanno realizzato quanto di loro competenza, due gallerie di 2,5 km a Modane e Sait Jean de Maurienne.
In Italia a Venaus il tunnel geognostico non si è mai fatto e non per colpa dei manifestanti NOTAV ma per l’incapacità di chi ci governa senza dialogo con il territorio, senza progetti, ritardi sui tempi pattuiti.
Allora si buca a Chiomonte, poco importa se il luogo non c’entra, il sindaco è d’accordo ma la data ultima per non perdere gli esigui finanziamenti europei è il trenta giugno e come al solito bisogna inventarsi un finto cantiere ma siamo come il solito in ritardo… ed i manifestanti presidiano il sito della Maddalena.
Il 27 giugno gli elicotteri rimbombano tra le pareti della Val Clarea, alle 4.50 del mattino la polizia chiude l’autostrada, molta gente che dorme al presidio regolarmente affittato dalla Comunità Montana, si sveglia al frastuono degli elicotteri, altri valsusini arrivano avvisati dai messaggi ma nessuno crede che lo stato abbia il coraggio di usare la forza in questo modo.
Per spazzare la gente che tenta di dimostrare, la polizia ha usato una forza d’urto impressionante, esagerazione di lacrimogeni, sparati anche ad altezza d’uomo e non solo per allontanare ma anche inseguendo i fuggitivi nel sito del presidio dove la gente cercava rifugio, credendolo sicuro.
Circa duemila poliziotti giunti dall’autostrada rincorrono le persone che fuggono, bastonano anche chi cade a terra, caccia all’uomo senza risparmiare donne ed anziani.
In seguito ulteriore spregio, tagliano con coltelli le tende del campeggio e vi fanno addirittura i loro bisogni, bilancio finale trenta feriti ricoverati e tutti intossicati dai fumogeni.
Scenario di guerra alla Maddalena, elicotteri in volo tutta la giornata tra il fumo di lacrimogeni per dirigere una grande e inutile battaglia contro gente indifesa.
Tutto questo palesa la difficoltà di una democrazia al collasso, questa dimostrazione di forza serve solo a decretare la fine di una politica di corruzione e di imbroglio, e la resistenza della Valle di Susa è un grosso ostacolo e non solo per la questione TAV.
Il 3 luglio grande manifestazione di protesta, novantamila persone sfilano pacificamente, ma per saperlo bisogna cercarsi le notizie, non si possono ascoltare i tg, l’informazione della politica, delle veline.
Il 3 luglio si! Sono volate le pietre, c’erano anche i ragazzi dei centri sociali e circa cinquemila persone hanno ingaggiato una seria battaglia attorno al fortino della disperazione politica Italiana, battaglia durata tutto il giorno e quando prende sopravvento la violenza nessuno e tutti hanno ragione!
Non c’erano i terribili blak blok, i carabinieri sentono conversazioni in lingue a loro sconosciute, francoprovenzale, occitano e per questo vengono dichiarati numerosi stranieri.
Ora in una tale situazione tangibile in casa propria, è molto difficile riconoscersi Italiano, non esiste più la politica, gli interessi prevalgono sull’etica e non rimane nessun punto di riferimento.
Nella congiuntura attuale non si riuscirà in nessun caso a gestire un’opera del genere, perché insistere con le bugie, perché non fermarsi e limitare i danni.
Dai tempi di Annibale la valle ha già visto di peggio, celti e Cozio, Valdesi e partigiani, eretici, streghe e terroristi di prima linea, lupi grigi fino ai nonni NOTAV dei giorni nostri, ma qui siamo gente dura abituata a lottare e non saranno di certo quattro bastonate che ci faranno piegare.
Sicuro è che il tunnel non si farà, anche se si riuscisse a costruire, non si riuscirebbe mai a mantenerlo quindi per dignità e lealtà lo stato dovrebbe dire, abbiamo sbagliato! Dovrebbe fermarsi prima di realizzare l’ennesima cattedrale nel deserto, salvo che ci siano veramente altri interessi nascosti!

Marco Rey
La Madlèina: féta, cultuřa è libertà
an counviveunse per ina dzeusta rèisoun
countra la politica sporca, lou malafaře di ladroun

150 è prou, eserchit de poulisiot per in guera seunsa ounou.

Tot lou dzort aou soun dle paleus di grò tavan
seunsa unto masacro de vielh, fumeleus è mèina
per le dzeun de Valsouiza democrasia nh’ot pa!

tèra d’occitan, 150 è prou anséin lh’arpitan.

la ledze dou gouvern et sto dou manganel
la buziò di dzournal è de l’informasioun
lhe catse lou dzeust, la realtà, la rèizoun

150 è prou, soun pa siit notris valou!

L’antéres ou tramude la storia d’in lh’ascatouloun
reticolato, per difeundre lou fort de la disperasioun
aou bralh de prougres, velocitàa, Madlèina lhet ocupàa

150 è prou, rèisin ampouèisounaa, mountanhard pintrounhaa!

Lh’Ambin soun pa d’acorde teni a meun
La mountanha lh’acoute, lhe vout bèin a sa dzeun
Et notra téra, fouřaa d’in notre rée, qui soot seun que alà trouvèe?

150 ařò prou, la Valsouiza lhe s’arendeřot jamee!

6/3/2012 - 15:33



Lingua: Italiano

Versione italiana dell'autore
LA MADDALENA

La Maddalena: festa, cultura e libertà
in convivenza per una giusta ragione
contro la politica sporca, il malaffare dei ladroni

150 e basta, esercito di poliziotti per una guerra senza onore.

Tutto il giorno al rumore assordante dei grossi tafani
senza vergogna massacro di vecchi, donne e bambini
per le genti della Valsusa di democrazia non ce n’è

terra di Occitani, 150 e basta con gli Arpitani.

La legge del governo è quella del manganello
bugie da giornali ed informazione
nasconde il giusto, la realtà, la ragione

150 e basta, non sono questi i nostri valori

L’interesse sposta la storia negli scatoloni
reticolato, per difendere il fortino della disperazione
al grido di progresso, velocità, Maddalena è occupata!

150 e basta, grappoli avvelenati e contadini calpestati.

Il massiccio Ambin, ricordate, non è d’accordo
La montagna ascolta e vuole bene alla sua gente
È la nostra terra, bucate nelle nostre radici, chi sa cosa andrete a trovare?

La Valle di Susa non si arrenderà mai, 150 ora basta!

6/3/2012 - 15:34


Un grazie infinito a Marco ed ai fratelli valsusuni che,domenica a Giaglione,mi hanno permesso di conoscerlo
'A sarà düra !

adriana - 6/3/2012 - 17:28



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org