Lingua   

E lu sule calau calau

anonimo


Lingua: Italiano (Pugliese Salentino)


Ti può interessare anche...

11
(Kalàscima)
Y en a qui...
(Yves Jamait)


[Tra 800 e 900]

Canto salentino di lavoro e di protesta in cui il contadino, che ha lavorato per ore e ore chino sotto il sole, immagine di far sprofondare tra i solchi scavati il padrone che, al solito, non vuole pagare nemmeno quei due soldi dovuti.





E' una delle centinaia di canzoni registrate in Salento nel 1954 dall'etnomusicologo americano Alan Lomax, accompagnato dal nostro Diego Carpitella.
E lu sule calau calau
E lu sule calau calau
E lu sule calau calau calati
mena patrunu ca me ne vau.

E ci nu me ne porti
E ci nu me ne porti
E ci nu me ne porti
me settu’ an’terra e fazzu carotti.

E li fazzu funni e larghi
E li fazzu funni e larghi
E li fazzu funni e larghi
quannu passi cu ste stampagni.

E li fazzu larghi e funni
E li fazzu larghi e funni
E li fazzu larghi e funni
quannu passi cu te scunfunni.

E’ arrivata a curnacchiola
E’ arrivata a curnacchiola
E’ arrivata a cumacchiola
dice ca è ora, dice ca è ora.

S’ampuggiata allu paijaru
S’ampuggiata allu paijaru
S’ampuggiata allu paijaru
Dice ca è ora cu ne sciamu.

E lu sule calau li munti
E lu sule calau li munti
E lu sule calau li munti
mena patrunu facimu li cunti.

E lu sule calau li risi
E lu sule calau li risi
E lu sule calau li risi
mena patrunu tamme turnisi.

E lu sule calau le tende
E lu sule calau le tende
E lu sule calau le tende
Allu patrunu lu muccu li pende.

E ci te pende a fare
E ci te pende a fare
E ci te pende a fare
pe ddri to sordi ca na dare.

inviata da Bartleby - 30/12/2011 - 10:36



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da http://www.stornellisalentini.com
E IL SOLE TRAMONTÒ

E il sole calò calò (tramontò)
E il sole calò calò
E il sole calò calò
sbrigati padrone che io me ne vado.

E se via non mi porti
E se via non mi porti
E se via non mi porti
mi siedo a terra e scavo buche.

E li scavo profondi e larghi
E li scavo profondi e larghi
E li scavo profondi e larghi
affinchè quando passi cadi rovinosamente.

E li faccio larghi e profondi
E li faccio larghi e profondi
E li faccio larghi e profondi
affinchè quando passi cadi in fondo.

E’ arrivata la cornacchia
E’ arrivata la cornacchia
E’ arrivata la cornacchia
segno che è tardi.

S’è appollaiata sul pagliaio
S’è appollaiata sul pagliaio
S’è appollaiata sul pagliaio
segno che è ora di andare via.

E il sole calò (dietro) i monti
E il sole calò (dietro) i monti
E il sole calò (dietro) i monti
sbrigati padrone facciamo i conti.

E il sole calò i raggi
E il sole calò i raggi
E il sole calò i raggi
sbrigati padrone dammi i soldi.

E il sole calò le tende
E il sole calò le tende
E il sole calò le tende
al padrone il mocco gli pende.

E che gli pende a fare
E che gli pende a fare
E che gli pende a fare
per quei due soli che ci deve dare.

inviata da Bartleby - 30/12/2011 - 10:38


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org