Lingua   

Nascette mmiez’o mare

Concetta Barra


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Babilonia
(Dub All Sense)
Tammurriata nera
(E.A. Mario)


‎[197?]‎
Parole e musica di Roberto De Simone, ispirate all’anonima seicentesca “Michelemmà” raccolta nel ‎‎700 da Salvator Rosa.‎
Nell’omonimo disco di Concetta Barra del 1974.‎
Nello spettacolo “Cantata per Masaniello” realizzato da De Simone nel 1988.‎



La storia di Napoli, la storia di più di un migliaio d’anni di angherie, soprusi, guerre, saccheggi, ‎inganni e di sopravvivenza e di resistenza popolare (anche se mi pare che nel testo nemmeno si ‎accenni alle gloriose “quattro giornate” del 1943).‎

Nascette mmiez’o mare, foto di Sergio Siano.‎
Nascette mmiez’o mare, foto di Sergio Siano.‎

Nascette mmiez’o mare na scarola e ‎Michelemmà
comm’a storia ‘e sta città
io te la voglio raccuntà ‎
senza buscìa ma verità

Assaie bella è Michelemmà ‎
sulo bellezza pot’avantà, funiculì e funiculà
ma cu ‘a bellezza si vuò campà ‎
haie voglia sempe ‘e t’a suscià

Ah comm’a femmena pezzente senza dote e ‎senza niente
cu ‘a bellezza sulamente fa ‘o mestiere ‎malamente
accussì Napule-nà ‘o pentone sta sempe llà
arrisuolve sta jurnata cu ‘a pusteggia e ‘a ‎serenata.

Li Turche se la jocano, se la jocano a primera
sulo chesta è ‘a storia vera
chi ce pass’a sta città ‎
vere sì s’a po’ jucà

E nove rignante ce passajeno a cavallo
Napule ce facette ‘o callo
ogni vvota si cagn’o gioco ‎
ccà nce appennen’a si loca

Ah, cu ‘e Nurmanne e l’Angiuine s’affittaie sera ‎e matina
e si pave nu carlino vire ‘o scoglio ‘e Margellina
accussì Napule-nà na canzona è sta città
ca mentre ll’ate magneno essa te vò cantà

Biate chi la vence, chi la vence a sta figliola‎
meza turca e mo’ spagnola‎
quanne a vence ‘o rre di Spagna ‎
essa fotte e isso magna.‎

Chi è chi nunn’è, s’a pazzeiano ‘e vicerè
tu spuoglie a mme, io spuoglie a tte
po' c'ho metteno addereto nu quartiere a via ‎Tuledo.‎

Ah, quant’è belle stu quartiere
va truvanno mo’ ‘o mestiere, ‎
sto’ mestiere ‘e pere rotte e ce vo’ chi fa ‘a ‎ricotta
e accussì Napule-nà na canzone fa’ cantà‎
spunta ‘a luna a Marechiare canta sempe ‘o ‎ricuttare.‎

Sta figliola è ‘na figlia, è ‘na figlia de nutare
Carlo terzo mò è cumpare
ca s’arape na cantina ‎
proprio miezz’a sta marina.‎

Stu rre Burbone s’a mparaie bbona ‘a canzone
canta lloco ca faie bbuono
mentre canta ‘a luna sponta ‎
io m’assetto a Capemonte

Ah, viva sempe sta cantina ‘e chitarre e ‎manduline
ca stu rre dà ogni matina feste e forca cu ‘a ‎farina
accussì Napule Nà festa e forca può magnà
si te piace sta canzone viva ancora ‘o rre ‎Burbone.‎

E m’pietto teneva na, teneva na stella diana
Garibbarde s’‘a pigliaie mmano
po’ facette ‘o ruffiano ‎
c’‘o scarpone italiano

Vene Savoia e se ‘nfila ‘a scarpa soia
c’‘o piluscio d’e berzagliere
ma cu st’autu canteniere ‎
ca se sta peggio d’aiere

Ah te dicette ‘o rre Vittorio mò te manna ‘o ‎sanatorio
voglio fa ‘o risanamento e t’o faccio ‘o ‎sbentramento
accussì Napule-nà sta luna nova può cantà
ca t’a vonno allarià peggio ‘e primma ‘a ccà e ‘a ‎llà.

Chi pe la cimma e chi la cimma e chi pe lu ‎streppone
lu streppone a lu patrone
ca pe ffà n’atu straviso ‎
t’‘a fa nera sta cammisa

Va la cimma ‘nterra e te lass’int’a na guerra
mmiez’a chillu serra serra
pe’ la cimma a Musullino ‎
e ‘o streppone ‘e marocchine

Ah, po’ s’arape n’autro chianche miett’ ‘acopp ‎si c’avanza ‎
tu ce cante “‘O sole mio” che sta nfront' a chi ‎vvo' Dio ‎
e accuss’ Napule-nà chistu sole non ce stà
mentre l’aria ro castielle è turnate ‎Franceschiello

Pe' ffa murì, murì l'amante a doje a doje ognuno ‎ha fatt’ ‘e fatte suje ‎
e cu’ tutt’ chist’ amante ‎
si rummasa a lu vacante

Oggi chi t'’avanta ‘na canzona sempe canta ‎
che t’avvie o campusant ‎
ogni femmena e cchiù brutta ‎
quanne arrive stracque e strutta

Ah, sò sbarcate alla marina auti Turche cchiù ‎assassine
e a Pusilleco addiruso l’hanno fatto nu pertuso
sta città pe copp’a ll’onne chianu chiano mò ‎sprefonna
san Gennaro nun risponne ca stu sanghe nun nce ‎‎‘nfonna
e accussì Napule-nà a che serve cantà cchiù
vire Napule e pò muore, ca ce muore sulo tu.

Nascette miezz’o mare na scarola e ‎Michelemmà
nascette e po’ murette tant’ e tantu tiempo fa.‎

inviata da Bartleby - 14/12/2011 - 13:41



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Jeb.‎
Nacque in mezzo al mare, una scarola (1) ‎Michelammà (2) ‎
come la storia di questa città. ‎
Io te la voglio raccontare, ‎
senza bugie ma verità. ‎

Assai bella è Michelammà, ‎
solo bellezze può vantare, funiculì e funiculà ‎‎(3).‎
Ma quale bellezza? Se vuoi campare, hai voglia ‎di sventolartela (4)!‎

Come la donna pezzente, senza dote e senza ‎niente, ‎
con la sua sola bellezza, fa il mestiere "cattivo" ‎‎(5) ‎
così Napoli-nà, sta sempre allo stesso posto (6), ‎
e sbarca il lunario per la giornata con “'a ‎pusteggia” (7) e la serenata...

I Turchi se la giocano, se la giocano a primiera ‎‎(8), ‎
solo questa è storia vera: ‎
chi passa per questa città, ‎
vede subito se può giocarsela.

Nove sovrani ci passarono a cavallo, ‎
Napoli ci fece il callo ‎
ed ogni volta, se cambiava il gioco, ‎
qui ci appendevano il “si loca” (9).‎

Ah, coi Normanni e gli Angioini (10) si affittò ‎sera e mattina, ‎
e se paghi un carlino vedi lo scoglio di ‎Mergellina (11).
E così Napoli-nà, una canzone a questa città ‎
che, mentre gli altri mangiano, vuole cantare.‎

Beato chi la vince, chi la vince questa ragazza ‎‎(12),‎
prima turca ed adesso spagnola, ‎
quando la vede il Re di Spagna, ‎
lei fa la puttana e lui il pappone

Chi è e chi non è, se la passano (13) i Vicerè, ‎
spoglia me che io spoglio te, ‎
poi le ficcano dietro... (14) ‎
un quartiere a Via Toledo (15).

Quanto è bello questo quartiere, ‎
che cerca di fare il "mestiere" ‎
questo mestiere di Piedigrotta (16), ‎
e così ci vuole chi faccia il magnaccia (17).
E così Napoli-nà una canzone fa cantar, ‎
spunta la luna a Marechiaro
e canta sempre il ricottaro (18)‎

Questa ragazza è una figlia, è una figlia ribelle, ‎
Carlo III è il compare (19), ‎
che si apre una cantina ‎
proprio in mezzo a questa marina (20).‎

Questo Re Borbone imparò bene la canzone ‎‎(21) ‎
canta lì che fai bene, ‎
canta al cielo e la luna spunta, ‎
ed io mi siedo a Capodimonte (22).‎

Ah, viva sempre questa cantina con chitarre e ‎mandolini, ‎
che questo re ogni mattina mescola le forche ‎con la farina... ‎
e così Napoli-nà mescola le forche col mangiare ‎
e se ti piace questa canzone, viva ancora il Re ‎Borbone (23).

E in mezzo teneva una, teneva una Stella Diana ‎‎(24)‎
Garibaldi la prese in mano, ‎
poi fece il ruffiano (25) ‎
con lo scarpone italiano (26).‎

Viene Savoia, e si infila la tua scarpa, ‎
col pennacchio dei Bersaglieri (27)‎
con quest'altro cantiniere (28) ‎
qua si sta peggio di ieri.

Ah, ti disse Re Vittorio, io ti mando al Sanatorio ‎‎(29), ‎
voglio fare il Risanamento e ti faccio lo ‎sventramento (30)‎
e così Napoli-nà puoi cantare questa luna nuova ‎‎(31) ‎
che vogliono sbatterti di qua e di là peggio di ‎prima.‎

E va dalla chioma dell'albero, giù fino alla ‎radice
la radice di questo padrone, ‎
che per farti un'altra angheria ‎
si fa nera la camicia (32).‎

Ma la chioma finisce a terra e ti lascia in una ‎guerra, ‎
i cardellini si stringono impauriti, ‎
la chioma a Mussolini ‎
e le radici ai marocchini (33).‎

Ah, poi si apre un'altra macelleria, ancor peggio ‎se possibile, ‎
che ci canta "'O sole mio" che sta in fronte a chi ‎vuole Dio... ‎
e così Napoli-nà, questo sole non ci sta, ‎
e mentre all'interno del castello è tornato ‎Franceschiello (34).

Per far morire, far morire gli amanti a due a due, ‎
ognuno ha fatto i fatti suoi ‎
e nonostante tutti questi amanti (35) ‎
sei rimasta a vuoto.‎

Oggi chi ti celebra canta sempre una canzone, ‎ma tu ti avvii al cimitero: ‎
ogni donna è più brutta, ‎
quando arriva stanca e distrutta.‎

Ah, sono sbarcati alla marina, altri Turchi più ‎assassini, ‎
e a Posillipo profumato hanno fatto un grosso ‎buco (36). ‎
Questa città sopra le onde, a poco a poco ‎sprofonda (37), ‎
San Gennaro non risponde, questo sangue non ‎ci bagna (38)‎
E così Napoli-nà, a che serve più cantare? ‎
vedi Napoli e poi muori, ma qua muori solo tu ‎‎(39).

Nacque in mezzo al mare una scarola, ‎Michelammà, ‎
nacque e poi morì, tanto e tanto tempo fa.‎

inviata da Bartleby - 14/12/2011 - 13:44


Note di Jeb, integrate da Bartleby con l’ausilio di it.wikipedia‎.

‎(1)‎ nel senso di bella ragazza dai capelli ricci, come l’insalata scaròla che si usa molto nella ‎cucina napoletana.‎
‎(2)‎ cioè Napoli
‎(3)‎ riferimento alla celebre canzone di Turco e Denza “Funiculì funiculà” del 1880, dedicata ‎alla funicolare del Vesuvio che era appena stata inaugurata.‎
‎(4)‎ espressione che indica lo star senza far niente, sventolandosi laddove non batte il sole.‎
‎(5)‎ è costretta a prostituirsi
‎(6)‎ ‎“'o puntone”, modo antico ad indicare l’angolo dove batte la prostituta.‎
‎(7)‎ l'andare suonando per i ristoranti e bar.‎
‎(8)‎ antico gioco di carte.‎
‎(9)‎ il cartello “Affittasi”.‎
‎(10)‎ Nel 1139 i normanni di Ruggero II conquistarono la città, ponendo fine al dominio ‎bizantino: Napoli entrò così a far parte del territorio del Principato di Capua, nel neonato Regno di ‎Sicilia, con capitale Palermo; il capoluogo campano divenne parte del regno angioino dopo la ‎vittoria di Carlo d'Angiò su Manfredi di Svevia nel 1266 a Benevento e su Corradino di Svevia a ‎Tagliacozzo nel 1268.‎
‎(11)‎ espressione che nel linguaggio popolare sette-ottocentesco indicava il “monte di ‎Venere”, il pube femminile, quindi il senso è che Napoli si prostituiva al potere straniero per una ‎manciata di denaro.‎
‎(12)‎ la città.‎
‎(13)‎ ‎"s'a pazzeiano", cioè giocano con lei, nel senso di flirtare con una donna di facili ‎costumi o al contrario particolarmente ingenua.‎
‎(14)‎ qui la voce esita per ventilare il significato di: "la sodomizzano".‎
‎(15)‎ si risolve il doppio senso scurrile, con un riferimento ai famosi Quartieri Spagnoli, ‎che in realtà erano caserme delle truppe spagnole, e che nel tempo divennero un suburbio di dubbia ‎reputazione.‎
‎(16)‎ quartiere napoletano tra Mergellina e Fuorigrotta, un tempo sede delle case chiuse.‎
‎(17)‎ in napoletano “far la ricotta”, il ricottaro è lo sfruttatore, il magnaccia.‎
‎(18)‎ vedi la nota precedente. Il “ricottaro” è contento e se la canta perché gli affari vanno ‎a gonfie vele. Marechiaro è un caratteristico borgo di Posillipo divenuto famoso all’epoca della ‎‎“dolce vita”.‎
‎(19)‎ Nel corso della guerra di successione spagnola l'Austria conquistò Napoli (1707), ma ‎la tenne per pochi anni, fino al 1734, anno in cui il regno fu occupato da Carlo di Borbone, che vi ‎ricostituì uno stato indipendente che comprendeva tutto il Mezzogiorno italiano e la Sicilia.‎
‎(20)‎ allude al Palazzo Reale di piazza del Plebiscito, fatto erigere dagli spagnoli nel 600.‎
‎(21)‎ intende: "capì al volo come stavano le cose".‎
‎(22)‎ allude alla seconda Reggia fatta costruire dai Borbone a partire dal 1738 sulla collina ‎di Capodimonte.‎
‎(23)‎ allude alla politica borbonica del bastone e della carota, la repressione del ‎malcontento popolare a suon di esecuzioni pubbliche alternate alla distribuzioni di denaro e cibo.‎
‎(24)‎ Stella Diana, nel senso di stella del mattino, è uno dei nomi dati nel corso del tempo ‎al pianeta Venere o Lucifero.‎
‎(25)‎ trovò un intesa politica.‎
‎(26)‎ nel senso di Vittorio Emanuele II, primo re d’Italia..‎
‎(27)‎ pennacchio in napoletano di dice "pilusc", dal francese "pelouche"‎
‎(28)‎ sempre Vittorio Emanuele II.‎
‎(29)‎ riferimento all’epidemia di colera del 1884 che Umberto I contrastò efficacemente, ‎prodigandosi di persona nei soccorsi, tanto da meritarsi l’appellativo di “Re Buono”.‎
‎(30)‎ allude alla Società edilizia che in epoca umbertina demolì interi quartieri fatiscenti ‎per costruire gli eleganti palazzi che ancora costeggiano le grandi strade cittadine.‎
‎(31)‎ intendi: questa nuova epoca.‎
‎(32)‎ allude al fascismo.‎
‎(33)‎ allude al fatto che dopo la caduta di Mussolini, il 25 luglio del 1943, il Nord Italia - ‎la chioma - rimase fascista (la Repubblica Sociale) mentre il sud - la radice – fu lasciato alla ‎progressiva conquista da parte delle truppe alleate. Tra queste c’erano anche i Goumiers, ‎combattenti irregolari del nord Africa e senegalesi inquadrati nel corpo di spedizione francese. I ‎Goumiers, dopo la battaglia di Cassino, furono responsabili di molti episodi di violenza ai danni ‎della popolazione civile. Si stima che le vittime – soprattutto donne ma anche uomini, di ogni età - ‎delle cosiddette “marocchinate” siano state tra le 20.000 e le 60.000. Le “marocchinate” sono anche ‎uno dei temi contenuti in Tammurriata nera.‎
‎(34)‎ soprannome dileggiativo di Francesco II di Borbone, ad indicare un monarca imbelle, ‎e qui allude alla periodo della Luogotenenza quando, a partire dal 5 giugno del 1944, dopo la ‎liberazione di Roma, Vittorio Emanuele III, si ritirò a vita privata, nominando il figlio Umberto II di ‎Savoia Luogotenente generale del Regno in base agli accordi del patto di Salerno (primavera 1944) ‎tra le varie forze politiche che formavano il Comitato di Liberazione Nazionale.‎
‎(35)‎ intendi: dominatori.‎
‎(36)‎ Alle pendici della collina di Posillipo c’è Bagnoli, sinonimo di speculazioni edilizia, ‎degrado ambientale dovuto all’industria dell’acciaio (ILVA, ex Italsider) e di asservaggio ai ‎‎“liberatori” di un tempo, visto che vi sorge una delle più grandi basi NATO d’Europa.‎
‎(37)‎ sia in senso figurato che in quello concreto, visto che tutto il golfo di Pozzuoli è da ‎sempre soggetto al cosiddetto “bradisismo flegreo”.‎
‎(38)‎ allude al miracolo di San Gennaro, quello della presunta liquefazione del sangue ‎contenuto nelle reliquie del santo, foriera di buon auspicio..‎
‎(39)‎ cioè è la città stessa a morire

Bartleby - 14/12/2011 - 13:44


riguardo alla prima nota. scarola stà per iscarola cioè ischitana abitante di ischia. non si fa riferimento alla verdura ne ai capelli ricci.

DINA LANDI - 8/7/2013 - 18:13


Viva Franceschiello! Foss'a Maronna e turnasse!

6/4/2015 - 19:12


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org