Lingua   

Salina

Mario Incudine


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Spiranza
(Agricantus)
Sottomare
(Mario Incudine)
Fiat voluntas FIAT
(Mario Incudine)


‎[2010]‎
Dall’album “Anime migranti”‎

animemigranti 370

Testo e musica: Mario Incudine
Arrangiamenti: Mario Incudine e Antonio Vasta

Salina ‎
Salina




Il brano “Salina” di Mario Incudine esprime il grido affannato di un uomo che vaga in mezzo al ‎mare alla ricerca di un approdo sicuro, una meta incontaminata dove poter esaudire i suoi desideri, ‎una terra fertile dove far germogliare i propri sogni. È la preghiera di un immigrato stipato sopra un ‎natante di fortuna tormentato dalle onde, ma anche il canto di un uomo che non riesce ad afferrare ‎l’amore perché ha il cuore assediato dalla paura. Entrambi stanno per cedere al peso delle ‎sofferenze, hanno smesso di lottare e si stanno arrendendo alla morte: “S’un pozzu iri avanti / un mi ‎mannati arreri / lassatimi muriri ammenz’o mari”. All’orizzonte però brilla la spiaggia di un’isola ‎del Mediterraneo, Salina, una “strata nova” che ha il gusto inebriante della malvasia e quello ‎pungente del sale: un’altra occasione per tornare a sperare. (Antonio ‎Vasta)‎
Partu sempri di ccà, a lu scurari
quannu l’acqua cangia ‘u so coluri.
Pigghiu stù cori e lu jettu a mari
e fa cerchi di tutti li misuri.‎

Ogni cerchiu è comu ‘na canzuni
comu li nuciddi a notti di Natali
la me vuci nun si vota arreri
l’occhi su oggi…lu pinzeri è già dumani

S’ un pozzu iri avanti
un mi mannati arreri
lassati muriri ammenz’o mari

Ti vulissi purtari intra li mè occhi
intra stù iocufocu di ummiri e di specchi
ammenzu a sti trazzeri di omini affunnati
ca ormai su sali e lampi e addumunu i nuttati.‎

Ma iu caminu ancora ‘ncapu stà strata nova
e sentu sutta ‘o pedi ogni petra ca respira
c’u sapi su daveru derrì ‘u suli c’è ‘a fortuna
o è sulu ‘na minzogna ca svapura di matina.‎

S’ un pozzu iri avanti
un mi mannati arreri
lassati muriri ammenz’o mari

E’ già luci a Capu Spartiventu
un sacciu si è lu suduri o si è lu chiantu
ha passatu tantu tempu intra l’occhi
‎‘nta li manu haiu sulu arbuli sicchi.‎

M’abbrusciunu intra l’ossa ancora li feriti
nautri trentunu jorna e trenta nuttati,
ppi grapiri li porti e vidiri unni siti
ancora trenta notti e trentunu jurnati.‎

U respiru si fà chiantu, lu sangu fuddia
'u scuru diventa scantu e l'amuri malatìa.

inviata da Bartleby - 28/11/2011 - 13:20



Lingua: Italiano

Versione italiana
SALINA

Parto sempre da qui all'imbrunire
quando l'acqua cambia colore
prendo il mio cuore e lo tuffo a mare
e lui fa onde di ogni misura

Ogni onda è come una canzone
come le nocciole la notte di Natale
il mio parlare non si cura di ieri,
gli occhi su l'oggi.. il mio pensiero è già domani

Se non posso andare avanti
non mi rimandate indietro,
lasciatemi morire in mezzo al mare...

Ti vorrei portare nei miei occhi
in questi giochi d'artificio d'ombre e di specchi
in questi percorsi di uomini naufragati
che sono ormai sale e lampi che squarciano le notti.

Ma io sono ancora qui in questa strada nuova
e avverto sotto il piede ogni sasso che respira
Chissà se davvero dietro al sole c'è fortuna
o e solo una illusione che svanisce la mattina.

Se non posso andare avanti
non mi rimandate indietro
lasciatemi morire in mezzo al mare...

È già giorno a Capo Spartivento
non so se sia sudore o pianto
quello che ci è colato per tanto sotto gli occhi
fra le mani ho soltanto rami secchi

Mi bruciano fino alle ossa le ferite
altri trentuno giorni e trenta notti
per aprire le porte e vedere dove siete
ancora trenta notti e trentun giorni..

L'affanno si volge a pianto, il sangue impazzisce,
il buio diventa paura, l'amore malattia..

inviata da giorgio - 28/11/2011 - 15:15



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org