Lingua   

Padroni e bestie ('O Ciuccio)

Teresa De Sio


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Platero
(Massimo Liberatori)
Sylvester and His Mule Blues
(Memphis Minnie)


[2011]

Album : Tutto cambia
teresa-de-sio-arriva-tutto-cambia-1


musica e testo di Teresa De Sio
Coccodrillo Edizioni Musicali

A sorpresa emerge un cotè politico anche dalla canzone più strana: "Padroni e bestie" (O ciuccio) che è stata ispirata da un racconto di Matteo Salvatore che risale alla tournée comune per Craj. La canzone racconta una storia semplice: è morto il ciuccio e il lavoratore che doveva occuparsene rischia di perdere il lavoro. Qual è l'unico modo per evitarlo? "O padrone nun l'ha da sapè". Ma quasi favola esopiana, l'obiettivo si allarga e il singolo caso del ciuccio morto diventa una metafora attuale di chi resta senza lavoro e così facendo perde anche la sua identità. Non è solo un problema di mangiare ("Chi more more/ chi campa campa / nu piatto e maccaruni / maccaruni cu la carne") è cosa fare nella vita quando manca la fonte primaria di reddito. Cinque minuti di ritmo incalzante, chitarra elettrica inviperita, il violino di Her che strapazza le corde e una ritmica ipnotica e potente. Non si può restare fermi.
Da bielle.org
Mamma mamma
mè muorto lu cuccio,
ma a chi è muorto lu ciuccio né.
Mamma mamma
mè muorto lu cuccio,
uè m’è è muorto lu ciuccio a me.
Mamma mamma
mè muorto lu cuccio,
ma a chi è muorto lu ciuccio né.
Mamma mamma
mè muorto lu cuccio
ma o padrone
nun l’ha da sape’.
O padrone nun l’ha da sape’
ca m’è muorto lo ciuccio,
m’è muorto a me.
Chi more more,
chi campa campa
nu piatto e maccaruni,
maccaruni cu la carne.
Chi more more
chi campa campa
ca manco la domenica
la domenica se magna.
Oi madonna tenevo nu ciuccio
ca magnava e durmeva cu me.
Mamma mamma
era bello lu ciuccio
era bello e campava cu mme.
Dalle e dalle tirava lu ciuccio
se tirava a carretta cu mme.
Mamma mamma
era bello lu ciuccio
ma o padrone
nun l’ha da sapé.
Ma o padrone
nun l’ha da ­­­sapé
ca m’è muorto lo ciuccio
m’è muorto a me.
Come dobbiamo fare,
come dobbiamo fare,
questi quattro soldi
non te li possiamo dare
come dobbiamo fare,
come dobbiamo fare,
questi quattro soldi
non te li possiamo dare
ca manco pe lu ciuccio
tenevo da mangiare.
Mamma mamma
mè muorto lu cuccio,
ma a chi è muorto lu ciuccio né.
Mamma mamma
mè muorto lu cuccio,
uè m’è è muorto lu ciuccio a me.
Mamma mamma
mè muorto lu cuccio,
ma a chi è muorto lu ciuccio né.
Mamma mamma
mè muorto lu cuccio,
ma o padrone
nun l’ha da sape’.
O padrone nun l’ha da sape’
quant’è bello lo ciuccio
ca steva cu me
Chi more more,
chi campa campa
nu piatto e maccaruni
maccaruni cu la carne.
Chi more more
chi campa campa
ca manco la domenica
la domenica se magna.
Ca manco la domenica
la domenica se magna­­­.

inviata da DoNQuijote82 - 26/11/2011 - 14:41


Per chi non lo sapesse, i versi "Chi more, more / chi campa, campa / e nu piatto de maccaruni co la carne" sono una citazione/omaggio al maestro Matteo Salvatore.

Bernart Bartleby - 5/10/2015 - 23:29


Eh ma allora Bernart sei un dolce provocatore.....anche nella canzone Foggia di Eugenio Bennato c'è un riferimento a Matteo.
Ricordiamo anche la splendida interpretazione di "Lu Bene Mio" da parte di Teresa de Sio nel suo disco A Sud, a Sud! ma d'altronde questa è una canzone talmente perfetta...

Flavio Poltronieri - 6/10/2015 - 08:40



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org