Lingua   

L'arcusgi di Pasquale

L'Arcusgi


Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

E fruntiere
(Petru Cerutti)
Chanson pour Yvan Colonna
(anonimo)
Di u populu
(Canta u Populu Corsu)


[2005]
Testo e musica: L'Arcusgi
Lyrics and Music: L'Arcusgi
Paroles et Musique: L'Arcusgi
Album: L'Arcusgi di Pasquale

L'Arcusgi

arcupasq


Jean-Pierre Bonci
Jean-Christophe Bastiani
Louis Franceschi
Pierre Bracci
Anthony Battesti
Nicolas Giustiniani
Guillaume Savelli
Jean-Marc Camurati
Laurent Ducatillon
Mathieu Camurati
Jean-Paul Peretti
"Pilou" Barque

La canzone, pubblicata nel 2005, ha come tema i duemila Archibugieri di Pasquale che l'otto maggio del 1769 cercarono di sbarrare il passo ai cinquemila francesi inviati in Corsica per stroncare la resistenza di Paoli, Generale della Nazione e Babbu di a Patria, ed occuparla in via definitiva. La campagna risultò decisiva per permettere ai francesi di concretizzare ambizioni politiche e strategiche che a Parigi erano sul tavolo da più di settant'anni. [INSCO]

casconu


“La Corsica era dominata dalla Repubblica di Genova fin dal 1284. Nel 1729, stanco delle ingiustizie e delle vessazioni, il popolo còrso si sollevò contro quella repubblica, divenuta tirannica. Ne scaturì una rivolta ininterrotta che durò quarant'anni. Nel 1755 Pasquale Paoli, da Solone dei tempi moderni, da economista visionario e intelligente, ma anche da legislatore illuminato, aveva tentato di ridare il passato splendore al popolo còrso costruendogli una repubblica indipendente ove egli avrebbe potuto fiorire e vivere libero. Come preambolo, la Costituzione Corsa dichiara che il popolo còrso è legittimamente padrone di se stesso. Il 15 marzo 1768, con il trattato di Versailles, Genova vendette la Corsica e il suo popolo a Luigi XV, Re di Francia per diritto divino e che ignorava il significato di parole come suffragio universale, separazione dei poteri e democrazia. Pasquale Paoli dichiarerà: 'Siamo stati venduti come un branco di pecore'. La guerra tra la Corsica e la Francia diviene inevitabile; nell'agosto del 1768 un primo corpo di spedizione tenta di impadronirsi dell'isola. In ottobre, dopo duri combattimenti, nei pressi di un paese chiamato U Borgu, l'esercito còrso sbaraglia i francesi. Ma la Francia non si arrende; nel 1769 costituisce e invia in Corsica un corpo di spedizione formato da 50.000 uomini. L'esercito còrso non ne conta che 12.000: la lotta è impari. La battaglia finale ha luogo l'8 maggio a Ponte Novu, un ponte sotto al quale passano le acque del Golo; a Ponte Novu il popolo còrso ebbe il suo appuntamento con la Storia.” -Corsica Nustrale

arcupas
Hè u principiu di maghju
in l'anno 1769;
a vechja carghera l'aghju,
e a mia mente si move....
Unn'aghju... unn'aghju chì vint'anni.
U stilettu hè arrutatu,
incù u tuppu qualchi panni,
l'arcusgiu hè strughjatu.


U sonu di u culombu introna la custera,
ci chjama lu ribombu sott'a cara bandera;
vicin'hè lu nemicu per piglià la nazione:
a reda di l'anticu ci dà mille regione.

Dumane in Ponte Novu
l'arcusgi di Pasquale
seranu à lu provu
di l'orcu culuniale.


Cara sposa ti basgiu, mi ne vo à la guerra;
dammi mondu curaghju per salvà la mia terra;
paura unn'avemu di 'ssa razza odiosa,
di for' a butteremu cun l'armata gloriosa.

Dumane in Ponte Novu
l'arcusgi di Pasquale
seranu à lu provu
di l'orcu culuniale.


"Diu vi salvi Regina" cantan'i partigiani,
sperendu la ruvina di 'ssi rognosi cani;
morì unn'aghju primura, s'ell'hè per u paese,
perché risent'asprura di cumbatt'u francese.

Dumane in Ponte Novu
l'arcusgi di Pasquale
seranu à lu provu
di l'orcu culuniale.


S'avvicina l'albore, u sguard'à l'orizzonte,
siringhendu furore 'e milizie sò pronte;
in fondu di la valle si sente cum'un frombu,
eccu e forze di u male, femu scuppà lu piombu!

Dumane in Ponte Novu
l'arcusgi di Pasquale
seranu à lu provu
di l'orcu culuniale.


Dumane in Ponte Novu
contr'a sottumissione
seranu à lu provu
l'arcusgi di a Nazione.

inviata da Io non sto con Oriana - 29/10/2011 - 09:39




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
15 novembre 2013

Le rovine del Ponte Novu.
Le rovine del Ponte Novu.
GLI ARCHIBUGIERI DI PASQUALE

È l'inizio di maggio
dell'anno 1769;
la vecchia cartucciera ce l'ho,
e la mia mente si tormenta...
Ho solo...ho solo vent'anni.
Il pugnale è affilato,
in saccoccia qualche panno,
l'archibugio è pulito.


Il suono del corno rintrona la costiera,
echeggia il richiamo alla cara bandiera;
vicino è il nemico a prender la nazione,
l'antica eredità ci dà mille ragioni.

Domani a Ponte Novu
gli Archibugieri di Pasquale
saranno alla prova
dell'orco coloniale.


Cara sposa ti bacio, me ne vo alla guerra;
dammi tanto coraggio per salvar la mia terra;
paura non ne abbiamo di questa razza odiosa,
fuori la butteremo con l'armata gloriosa.

Domani a Ponte Novu
gli Archibugieri di Pasquale
saranno alla prova
dell'orco coloniale.


“Dio vi salvi Regina” cantano i partigiani
sperando la rovina di 'sti rognosi cani;
non m'importa di morire se è per il paese
anche se sento brividi nel combattere il francese.

Domani a Ponte Novu
gli Archibugieri di Pasquale
saranno alla prova
dell'orco coloniale.


E s'avvicina l'alba, lo sguardo è all'orizzonte
sprizzando furore le milizie son pronte;
in fondo alla valle si sente come un rimbombo,
ecco le forze del male, su forza con il piombo!

Domani a Ponte Novu
gli Archibugieri di Pasquale
saranno alla prova
dell'orco coloniale.


Domani a Ponte Novu
contro la sottomissione
saranno alla prova
gli Archibugieri della Nazione.

15/11/2013 - 01:32




Lingua: Francese

Versione francese / Version française.

È ripresa, in grandi linee, dai sottotitoli a questo video della canzone; ma è stato integrato in alcuni versi e parole mancanti, e soprattutto è stata corretta l'ortografia francese, piuttosto carente. Trattandosi di un video realizzato da Corsica Nustrale, si può anche ipotizzare che il francese sia scritto male a bella posta... [RV]


batpont


“La Corse était dominée par la République de Gênes depuis 1284. En 1729, broyé par les injustices et les vexations, le peuple corse se souleva contre cette république devenue tyrannique. Il en découlera une révolution ininterrompue 40 années durant. En 1755 Pasquale Paoli, en Solon des temps modernes, en économiste visionnaire et avisé, mais aussi en législateur éclairé, avait tenté de redonner sa splendeur passée au peuple corse en bâtissant pour lui une République indépendante dans laquelle il aurait pu s'épanouir et vivre libre. En préambule, la Constitution corse décrète que le peuple corse est légitimement maître de lui-même. Le 15 mai 1768, par le traité de Versailles, Gênes vendait la Corse et son peuple à Louis XV, roi de France de droit divin qui ignorait la signification des mots suffrage universel, séparation des pouvoirs et démocratie. Pasquale Paoli déclarera: Siamo stati venduti come un branco di pecore (“Nous avons été vendus comme un troupeau de moutons”). La guerre entre la Corse et la France est inévitable; en août 1768 un premier corps expéditionnaire français tente de s'emparer de l'île. En octobre, après des durs combats, près d'un village nommé U Borgu, l'armée corse écrasera la troupe française. La France n'en reste pas là. En 1769 elle constitue et dirige vers la Corse un corps expéditionnaire de 50.000 hommes. L'armée corse ne comprenant que 12.000 hommes, la lutte est inégale. Le combat final aura lieu le 8 mai 1769 à Ponte Novu, pont sous lequel passent les eaux du Golo. Ponte Novu: le peuple corse avait rendez-vous avec l'Histoire.” - Corsica Nustrale
LES ARCHERS DE PASQUALE

Nous sommes au début du mois de mai
en l'année 1769;
j'ai la vieille cartouchère,
mon esprit se tourmente...
Je n'ai...je n'ai que vingt ans.
Le stylet est aiguisé,
des chiffons dans mes poches,
Le fusil est nettoyé.


Le son du cor étourdit la costière,
L'écho nous appelle sous notre cher drapeau;
L'ennemi est proche à s'emparer de la Nation,
L'interêt de l'ancien nous donne mille raisons.

Demain à Ponte-Novu
les archers de Pasquale
seront à l'épreuve
de l'ogre colonial.


Chère épouse je t'embrasse, je m'en vais à la guerre,
Donne-moi beacoup de courage pour sauver ma terre,
Nous n'avons pas peur de cette race odieuse,
Nous la mettrons dehors avec l'armée glorieuse.

Demain à Ponte-Novu
les archers de Pasquale
seront à l'épreuve
de l'ogre colonial.


“Dieu vous sauve, Reine” chantaient les partisans,
Espérant la ruine de ces chiens galeux,
Peu importe de mourir si c'est pour notre pays
Bien que je ressente des frissons de combattre les gaulois.

Demain à Ponte-Novu
les archers de Pasquale
seront à l'épreuve
de l'ogre colonial.


L'aube approche, le regard à l'horizon,
Excite la fureur, les milices sont prêtes
Au fond des vallées on entend comme un vrombissement,
Voici les forces du mal, faisons sauter le plomb

Demain à Ponte-Novu
les archers de Pasquale
seront à l'épreuve
de l'ogre colonial.


Demain à Ponte-Novu
Contre la soumission
Seront à l'épreuve
Les archers de la Nation.

inviata da Riccardo Venturi - 15/11/2013 - 02:15




Lingua: Inglese

English translation by Riccardo Venturi
December 12, 2016
PASQUALE'S HARQUEBUSIERS

We are in early May
of the year 1769;
My old cartridge belt is with me
and I'm worried in my mind...
I'm only...I'm only 20 years old.
My dagger is sharp,
some rags in my kitbag,
my harquebus is clean.


The horn resounds all over the coastland,
The call to our beloved flag echoes all around;
The enemy's approaching to take over our nation,
Our old heritage gives us all the rights.

Tomorrow at New Bridge
Pasquale's Harquebusiers
Are going to face in battle
The colonial Ogre.


Dear wife, I kiss you and leave for the war,
Give me all the boldness to save my homeland,
We are not afraid of this hateful race,
We'll get them out with out glorious army.

Tomorrow at New Bridge
Pasquale's Harquebusiers
Are going to face in battle
The colonial Ogre.


The partisans are singing “God Save Our Lady”
And hope for the ruin of these filthy dogs;
Doesn't matter if I die, when this is for my country
Though I'm trembling when facing the French.

Tomorrow at New Bridge
Pasquale's Harquebusiers
Are going to face in battle
The colonial Ogre.


Dawn is drawing near, we look at the horizon,
The army is ready and bursting with rage;
we hear kind of thunder out of valley bottom,
here are the Forces of Evil, let's shoot them down!

Tomorrow at New Bridge
Pasquale's Harquebusiers
Are going to face in battle
The colonial Ogre.


Tomorrow at New Bridge
The Nation's Harquebusiers
Are going to fight in battle
Against slavery.

12/12/2016 - 18:05


L'arcusgi sò "les archers" micca "les fusils"
(anne marie)

E grazzie pe' la currezzione, surella! La mettemu subitu ind'e traduzzioni. [CCG/AWS Staff]

25/7/2014 - 11:24


Arcusgiu suona come "arquebuse", archibugio, arma comunque da fuoco. Che nella canzone ci si premura di controllare 'pulito', operazione strana per un arco.

Io non sto con Oriana - 2/6/2016 - 22:02


quindi non sono "Gli arcieri di Pasquale" ma "Gli archibugieri di Pasquale"?...

daniela -k.d.- - 3/6/2016 - 13:50


E infatti sono tornato agli archibugieri nella traduzione italiana....

Riccardo Venturi - 12/12/2016 - 17:45



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org