Lingua   

Abele

Edoardo De Angelis




Ti può interessare anche...

Truth about
(Anonimo Toscano del XXI secolo)
Speranza disperata
(Edoardo De Angelis)
Frutti Per Kagua
(Capitolo 6)


[2011]
Testo e Musica di Edoardo De Angelis e cuntu (parratu) 'i Mimmo Cuticchio
Album: SALE DI SICILIA

51pWexVPShL. SS400

A proposito ancora di riscrivere la storia... bisognerebbe sempre provarci.. mai fidarsi di quello che fu scritto, che ci venne tramandato..(da chi?) Mai prestar fede ai cosiddetti "buoni"
– Quindi allora.. papà! I due fratelli stanno camminando insieme per quel sentiero, ma… ma dove stanno andando? Ma qui dove siamo in Paradiso? –

– Mah non importa dunn'è ca su', si su' m paravisu si su' sulla Terra… nuàtri 'i videmu caminari nna 'stu sentieru di spađđi ca s'avvianu versu l'orizonti..'u vidi? 'U suli sta cuđđannu e si cumincia a bìriri giallu giallu giallu, ma nicu nicu comu un cocciu 'i luci. Ora i due fratelli.. camminano e pensano… Unu havi la mente aperta, l'àutru mmeci havi comu 'na nuvola nel pensiero… e đđu pensieru ci l'havi fissu, 'un ci fa capiri né pinsari cchjù a nenti.. sinnò a quello che sta pensando.. –


Dammi la mano, dammi la mano
Non mi lasciare, fratello buono
Non mi guardare con gli occhi scuri
Ma stelle e luna? Ma dove sono?

Dammi la mano, dammi la mano
Non mi tradire, fratello caro
Non mi guardare con gli occhi neri..
con gli occhi neri come uno sparo.

– Ma che sta facendo Caino? Mi pare che sta prendendo… un coltello dalla tasca? –

– Ma certo! Picchì Caino si dice ka-ìno? Picchì è kiđđu ca hav'a ammazzàri ad Abele…Avìa 'stu cuteđđu prontu.. grapìu 'a lama.. e ciû puntôu nna schina… prontu pi ammazzàllu… E i du' frati si taliàvanu tutti dui 'nta ll'occhi..


Abele vale la pena
di continuare il nostro cammino
fino a che il gallo non canti
e il sole ci spunti sui denti
va avanti ma non ti fermare
Non ti fermare non ti fermare
non mi guardare, fratello mio
è troppo tardi per ritornare
È troppo presto per dirti addio..

Non mi guardare, non mi guardare,
Non mi guardare, fratello caro
Ma se mi guardi con quella faccia
il mio coltello te lo regalo..

– E allora Abeli pigghiò.. comu 'u pittore pigghia 'u pennellu pi pittàri.. đđu cutiđđàzzu ! Jsa đđu cuteđđu supra a so frati, cafùđđa un gran terribili corpu e lu pigghjò cca nto pettu, dapprèssu poi lu pigghjò ntô n ciancu e poi nte spađđi, e ci spaccau li rini.. Cadìu n terra mortu ammazzatu Cainu..
Ora mentri lu sangu si sparsi nna đđu sinteru… 'u hađđu s'avìa susutu, ma 'un putìa cantari… e 'u suli arruspigghjànnusi di bon mattinu si susìu 'n velu e mannau la luci a l'omini di la terra, illuminànnu puru li manu di đđu frati assassinu...


Tu di ammazzarmi, tu di ammazzarmi
avevi in mente ma io ti ho ucciso
ora che porti la morte in tasca
cosa vuol dir quel tuo sorriso
io di ammazzarti, io di ammazzarti
sai non avevo nessun bisogno
ma vuoi sapere una cosa buffa?
avevo visto già tutto in sogno..

– Papà..ma allora.. qui la storia è al contrario…'a storia 'un dici ca 'a essiri Cainu ca ammazza Abelı? –

– Sì.. Nei libri antichi si dici d'accussì... Ma 'a storia c'è sempri quarcunu ca 'a scrivi, figghju mìu..
'A virita' è ca.. certi voti unu pensa ca chiđđu è Cainu,… picchì nni 'nsignaru a capiri ca Cainu è cattivu e Abeli è bonu.. Ma tanti voti 'un sapemu si Abele inveci è Cainu.. picchì cca 'u pueta ha fattu un sogno e ha ribaltato tutto.. picchì chiđđu ca a matina, figghju miu, ti veni a ffà' l'amicu e ti veni abbràzza e ti veni a basa.. po' essiri ca 'a sira quannu tu ti stai ritirannu a casa.. iđđu veni e di darreri 'i spađđi, ammucciàtu nell'ombra, pìgghja un cutiđđazzu.. e ti spacca 'u cori..! –

inviata da giorgio e DonQuijote82 in contemporanea - 25/8/2011 - 13:02


giorgio - 25/8/2011 - 15:17


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org