Lingua   

Declaración

Cantacronache
Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Franco la Muerte
(Léo Ferré)
Genosse Julian Grimau
(Wolf Biermann)
Little Yellow Roses
(Trevor Peacock)


[1963]
Testo di Julián Grimau García
Musica di Sergio Liberovici
Trovata su “Cantacronache – Un’avventura politico musicale degli anni 50”, a cura di Emilio Jona e Michele L. Straniero, CREL Scriptorium 1995.




Su Julián Grimau, dirigente comunista assassinato dal regime franchista nel 1963, si vedano anche Canción de Grimau, ¿Qué dirá el Santo Padre?, Franco la Muerte e Canto per noi, quest’ultima ancora del Cantacronache.

“Julián Grimau, dirigente comunista detenido en Madrid, había sido tan salvajemente torturado que para disimularlo la policía le había arrojado por una ventana de la Dirección General de Seguridad. Grimau había sobrevivido y un tribunal militar la había condenado a muerte”.
(Juan-Ramón Capella, “Sin Ítaca. Memorias 1940-1975”, Editorial Trotta, Madrid, 2011)

“Julián si risvegliò (così mi ha scritto in seguito) in una clinica militare presso Madrid da cui, per ragioni di sicurezza, avevano evacuato in fretta e furia tutti i malati. La polizia circondava l’edificio e c’erano guardie armate di mitragliatrici persino sui tetti. Lo curarono con molta sollecitudine. Molto tempo più tardi il colonnello Eymar [Enrique Eymar Fernández, inquisitore nei tribunali speciali franchisti fino al 1964 e uno dei primi coordinatori nella repressione dell’ETA basca, ndr] andò ad interrogarlo in clinica per l’ultima volta. Aveva con sé una confessione completa scritta a macchina. Julián dichiarò che era piena di bugie e si rifiutò di firmarla. Allora Eymar capì che non c’era nulla da fare e gli fece firmare una breve dichiarazione, la stessa che Julián aveva fatto subito dopo l’arresto: ‘Dichiaro di essere membro del Partito comunista e di trovarmi a madrid per compiere il mio dovere di comunista. Non dirò più una parola.’. Quindi mio marito chiese a Eymar se era vero che doveva subire una nuova operazione al polso destro, fratturato e saldato male. L’ufficiale ebbe allora un sorriso di scherno: ‘Dato il poco tempo che ancora ti resta da vivere, non vale la pena di fare altre operazioni.’. Così terminò il colloquio. Pochi giorni dopo si svolse il processo e Julián fu fucilato.”
(Testimonianza della moglie di Julián Grimau García riportata dal “Cantacronache” in nota alla canzone)
Yo declaro
- y es la pura verdad –
Que soy miembro del partido comunista.

No diré una palabra más…

Yo declaro
Que me encuentro en Madrid
Para cumplir mi deber de comunista.

No diré una palabra más…

inviata da Bartleby - 4/8/2011 - 09:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org